Firenze, tentato stupro e rapina: 30enne pestata finisce in ospedale

La vittima aveva incontrato il suo aguzzino in un circolo, ed aveva deciso di seguirlo in un altro locale. Durante il tragitto è stata però aggredita dall'uomo che, dopo aver cercato di baciarla, le ha strappato i vestiti per tentare di violentarla: pestata a sangue la 30enne, il soggetto è fuggito coi suoi soldi

Nuovo caso di violenza sessuale avvenuto nella città di Firenze, dove una donna di circa 30 anni è stata aggredita in piena notte da un individuo appena conosciuto, il quale ha approfittato del fatto che si trovassero da soli per abusare di lei. Le disperate grida della vittima hanno fortunatamente impedito che lo stupro avvenisse, ma prima di allontanarsi il responsabile è riuscito ad impossessarsi del suo portafogli, scappando con i soldi.

A solo un mese di distanza dal violento episodio che aveva visto coinvolta una 32enne fiorentina, assalita in piazza dei Giudici da un cittadino straniero che aveva tentato di stuprarla, arriva la notizia di un'altra donna vittima di aggressione a sfondo sessuale. I fatti, secondo i quotidiani locali che hanno riferito le informazioni sino ad ora rilasciate dagli inquirenti, si sono verificati durante la notte fra domenica 9 e lunedì 10 febbraio, intorno alle ore 2:00.

La 30enne ha incontrato per la prima volta il suo aguzzino all'interno di un circolo sito nel quartiere di Cintoia, dove aveva trascorso la serata fino a quel momento. Dopo aver scambiato qualche parola con lui, ha accettato di seguirlo in un altro locale senza immaginare quali fossero le reali intenzioni dell'uomo. Dopo essersi lasciati alle spalle via San Bartolo, si sono quindi diretti verso via del Cavallaccio, dove si trova l'Uci cinema di Firenze. I due, infatti, intendevano bere qualcosa all'interno di un bar della struttura.

Arrivati in via Simone Martini, rione Isolotto, la situazione è tuttavia rapidamente degenerata. La 30enne è stata infatti improvvisamente immobilizzata dal suo accompagnatore, che ha tentato di baciarla. La giovane ha subito reagito, opponendo resistenza, e per tutta risposta l'uomo si è avventato su lei, cercando di strapparle i vestiti per violentarla. Dinanzi alle urla della vittima, il soggetto non ha esitato a colpirla per indurla al silenzio, tempestandola di calci e forti pugni in pieno volto.

Le grida della 30enne hanno fortunatamente richiamato l'attenzione di alcuni residenti, i quali hanno subito allertato le forze dell'ordine locali ed i soccorsi. A questo punto l'aggressore ha deciso di darsi alla fuga, non prima però di essere riuscito ad impossessarsi del portafogli della giovane, trovato all'interno della borsetta finita a terra.

Accorsi sul posto, gli agenti della questura di Firenze hanno trovato la vittima distesa sull'asfalto. Sanguinante e sotto choc, la 30enne è stata subito affidata alle cure dei sanitari del 118, che l'hanno trasportata in ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale. Dopo averla visitata, i medici le hanno diagnosticato una frattura composta della mandibola, a cui si aggiungono numerose altre ferite riportate in seguito al brutale pestaggio. Per la donna, ben 30 giorni di prognosi. In corso adesso le indagini degli inquirenti per risalire al responsabile. Al momento non è stata rilasciata alcuna informazione sul ricercato, di cui non si sa nulla.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.