Fisco, Antonacci assolto dall'accusa di evasione

Il giudice monocratico di Milano Luigi Varanelli ha assolto Biagio Antonacci dall’accusa di avere evaso il fisco per 3,5 milioni di euro

Biagio Antonacci non ha evaso le tasse. Il cantautore milanese è stato assolto dalla terza sezione penale del Tribunale di Milano, presieduta dal giudice Luigi Varanelli, dall’accusa di evasione fiscale perché "il fatto non è più previsto dalla legge come reato". Antonacci era accusato di una presunta evasione fiscale da circa 3,5 milioni di euro che sarebbe avvenuta, secondo l’accusa, tramite l’interposizione di tre società, di cui due italiane e una estera.

Secondo l'accusa negli anni compresi tra il 2004 e il 2008 Antonacci avrebbe trasferito "fittiziamente" i suoi redditi a tre società, di cui una di diritto inglese sottoposta ad un’aliquota dell’8%. Una costruzione societaria "sostanzialmente" fraudolenta: ipotesi d’accusa ribadita anche questa mattina in sede di repliche, dal viceprocuratore onorario Luciana Greco, che aveva chiesto una condanna a un anno e sei mesi. Per la difesa, invece, rappresentata dall’avvocato Alessio Lanzi, il cantautore non ha "mai violato alcuna norma" e le tre società di cui era socio e al centro del processo "erano vere ed operanti", non essendoci stata "alcuna interposizione fittizia". Per i legali dell’imputato, inoltre, l’abuso del diritto non è più previsto come reato (in seguito ai decreti fiscali varati nell’autunno del 2015).

In più, aveva spiegato il legale nell’arringa, "sempre in fase di accertamento l’imposta effettivamente dovuta da Antonacci è stata rideterminata in circa 90mila euro". Un cifra che, ha spiegato ancora la difesa, tra l’altro, è sotto la nuova soglia di punibilità dell’evasione (che è di 150mila euro) prevista dalle nuove normative. Per questi motivi Antonacci, aveva chiarito il difensore, oltre che con la formula "perché il fatto non sussiste", poteva anche essere assolto "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato". E proprio quest’ultima formula è stata quella accolta oggi dal giudice Luigi Varanelli (che depositerà le motivazioni tra 90 giorni) per il reato contestato di infedele dichiarazione dei redditi per l’annualità 2008, dopo aver dichiarato, invece, la prescrizione per le annualità tra il 2004 e il 2007. La difesa, tra l’altro, nel processo aveva spiegato che il cantante aveva già sanato la sua posizione tributaria nel 2012 versando quanto dovuto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ilbelga

Gio, 19/05/2016 - 13:16

io non capisco, in questo paese tutti gli accusati di frode fiscale la fanno sempre franca. ma i giudici sanno fare bene il loro lavoro?

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 19/05/2016 - 13:42

Della LUNGA SERIE che in Italia si chiama SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA!!!! Ciao Biagio.

ilbelga

Gio, 19/05/2016 - 13:57

errata corrige: ma gli investigatori, i finanzieri che fanno le indagini son competenti o son li per caso?

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 19/05/2016 - 14:05

Sono i magistrati e i finanzieri che li accusano a NON saper fare bene il loro lavoro caro ilbelga13e16. Saludos dal Nicaragua.