Cronache

Follia in autostrada: esce dal casello in monopattino

L'uomo, sprovvisto di casco, è uscito al casello di Montecchio Maggiore a bordo del monopattino elettrico nella corsia riservata al Telepass

Follia in autostrada: esce dal casello in monopattino

Sta facendo il giro del web il video in cui si vede un uomo a bordo di un monopattino elettrico imboccare l'uscita del casello dell'autostrada A4, a Montecchio Maggiore. Il filmato è stato girato da un camionista che, una volta arrivato all'altezza del casello, si è visto sbucare davanti il monopattino. L'ignoto conducente, sprovvisto di casco, ha imboccato la corsia riservata al Telepass, ha "dribblato" la sbarra per poi proseguire il viaggio come se nulla fosse. Il video è stato pubblicato sul canale YouTube Welcome to favelas.

"Non è da crederci. - dice l'autore del filmato mentre riprende la scena surreale con lo smartphone - Al casello di Montecchio Maggiore c'è l'africano col monopattino elettrico sulla corsia dedicata al Telepass". Poi affianca l'impavido viaggiatore col camion: "Guardate qua - ripete - Non è da crederci". In men che non si dica, il video è rimabalzato da un social all'altro suscitando tanta incredulità quanta indignazione. "Pericolosissimo, è una follia", commenta un utente; "Questa storia dei monopattini sta diventando una barzelletta", replica un altro. "Si sapeva che sarebbe andata a finire così: come volevasi dimostrare", sentenzia in via definitiva un iscritto al canale.

Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere. Lo scorso 20 settembre, un ragazzo di 20 anni è stato bloccato dagli agenti della Polizia Stradale all’altezza in uscita al casello di Rimini, in direzione Bologna. Ad accorgersi della sua presenza molti automobilisti che, dopo averlo notato sul mezzo elettrico nella corsia di emergenza, non ci hanno pensato due volte ad allertare le autorità. Una pattuglia partita da Forlì lo ha subito intercettato all’altezza dell’area di servizio Rubicone est, dove è poi stato accompagnato per gli accertamenti di rito. Al 20enne gli agenti hanno chiesto la motivazione di un comportamento tanto anomalo quanto rischioso per lui e per gli automobilisti. "Avevo fretta, dovevo andare a Cesena per sostenere un colloquio di lavoro e ho scelto la strada più veloce", ha risposto il giovane con no chalance. Motivazione che non gli ha di certo risparmiato la sanzione per circolazione in autostrada con mezzi non e ammessi e il sequestro del monopattino elettrico. Che per la cronaca è di proprietà del ragazzo e non uno dei mezzi in dotazione del Comune per il servizio noleggio.

Commenti