Gli immigrati fuori controllo: fuggono e feriscono un agente

Ennesima fuga di tunisini ad Agrigento. Durante i momenti più concitati hanno aggredito un poliziotto. "Il governo ha il dovere morale di tutelare le Forze dell'ordine"

Si è trasformato ancora una volta in teatro di rivolta e tentativi di fuga il centro di accoglienza ex Villa Sikania di Siculiana, nell’agrigentino. Una ventina di migranti hanno cercato di fuggire dal centro scagliandosi contro le Forze dell’ordine in servizio di vigilanza nell’area che circonda la struttura. Uno dei migranti, nel tentativo di guadagnarsi la fuga, ha aggredito un poliziotto aggregato alla questura di Agrigento per fronteggiare l’emergenza immigrazione. L’agente è rimasto ferito in modo non grave alla fronte e al sopracciglio e trasportato all’ospedale San Giovanni di Dio per le cure del caso.

L’aggressore è stato bloccato dai poliziotti e la sua posizione è al vaglio degli inquirenti. Nel frattempo proseguono le attività delle Forze dell’ordine dirette alla ricerca su tutto il territorio comunale dei tunisini fuggiti, una decina in tutto. A Siculiana gli abitanti sono stanchi e preoccupati per l’ennesimo fatto di cronaca che ha come protagonisti i tunisini che, con i loro atteggiamenti violenti, mettono in pericolo la sicurezza pubblica. Ma non solo, essendo questo un periodo delicato per la grave crisi sanitaria caratterizzata dal coronavirus, la fuga degli ospiti dal centro di accoglienza potrebbe essere causa di maggiori rischi di contagio.

In merito a quanto accaduto oggi nell’ex Villa Sikania è intervenuto anche il leader della lega Matteo Salvini: “Solidarietà alle donne e agli uomini in divisa, messi in pericolo da un’immigrazione senza controllo ancora più inaccettabile per l’emergenza Covid. Il governo- ha aggiunto Salvini- ha il dovere morale di tutelare le Forze dell’Ordine”. Non è la prima volta che nel centro di accoglienza di Siculiana si verificano episodi di questa portata che terminano con l’aggressione e il ferimento dei poliziotti. Più volte, nel corso dell’estate appena trascorsa sono stati registrati fatti di questo genere. L’ultimo è stato quello in cui un poliziotto, nel tentativo di far rientrare uno straniero, è stato strattonato per terra riportando un trauma cranico, per fortuna senza conseguenze gravi.

Ed in merito a quanto successo oggi è intervenuto il neo sindaco di Siculiana Peppe Zambito che ha parlato di un incontro avuto col prefetto di Agrigento proprio gli scorsi giorni. “Siculiana- dichiara su IlGiornale.it- è un paese accogliente, ma il centro ospita tunisini che non sono dei rifugiati e hanno un atteggiamento di sfida verso i cittadini. Se il centro venisse riconvertito per ospitare rifugiati e richiedenti asilo la situazione sarebbe molto più gestibile. Ma così il pericolo che accada qualcosa di grave rimane elevato”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

SemprePiùBasito

Mer, 21/10/2020 - 19:25

Un Ministro che non sa tutelare i propri dipendenti è una nullità.

Ritratto di illuso

illuso

Mer, 21/10/2020 - 19:36

Le forze dell'ordine devono autotutelarsi, credo che siano armate per difendersi e non farsi picchiare.

Giorgio5819

Mer, 21/10/2020 - 19:46

...tutto come da preciso disegno... li fanno entrare clandestinamente e poi "casualmente " scappano. Insulto agli italiani da parte di un presunto governo...

Giorgio5819

Mer, 21/10/2020 - 19:49

Oltre al quotidiano tormento dei numeri di positivi covid, il viminale dia precise informazioni su quanti sono e DOVE sono i clandestini che continuano a far entrare ( e scappare ). E' il loro compito, devono dare informazioni dettagliate su come li stanno distribuendo per la penisola...

justic2015

Mer, 21/10/2020 - 19:56

Ormai non fa più notizia e poi chi se ne frega tutto procede come al solito giorno dopo giorno.

routier

Gio, 22/10/2020 - 13:04

Ennesimo episodio di africani che fuggono dagli alloggi loro affidati. Tra di loro è assai improbabile che non vi siano positivi al Covid 19 e costoro girano liberi ed incontrollati nelle nostre contrade. Il rischio di contaminare chi li avvicina, è grande. Poi magari ci si chiede come mai aumentano i contagiati. Beata ingenuità.