Furti in casa, la chiave bulgara che apre tutte le porte

L'unico rimedio sarebbe quello di dotarsi del cosiddetto cilindro europeo

Furti in casa, la chiave bulgara che apre tutte le porte

È responsabile del boom di furti in tutta Italia. Non lascia segni di scasso, cosa che porta il derubato a non potere usufruire dell'assicurazione. Secondo una leggenda, lo strumento dei ladri sarebbe stato inventato dagli 007 di Sofia ai tempi della Guerra fredda. Parliamo della chiave bulgara, spauracchio dei proprietari di abitazioni. Infatti, come ricostruisce La Stampa, l'arnese è utilizzato da bande specializzate, principalmente dell'Est Europa. Unica soluzione? Dotarsi di una serratura di ultima generazione con chiavi piatte e tracciate.

Ma come funziona la chiave bulgara? È una chiave morbida dentro la quale inserire grimaldelli-chiavistelli della misura adatta. È capace di leggere i codici della serratura e viene poi sovrapposta a un secondo attrezzo e ruotata lentamente da destra a sinistra. Finito questo lavoro, basta tornare alla base e con un piccolo tornio creare la chiave perfetta quasi al millimetro. Il metodo della chiave bulgara funziona solo con la serratura a "doppia mappa", quindi il primo rimedio potrebbe essere quello di passare al "cilindro europeo". Che, tuttavia, per essere ancora più sicuro, come spiega un fabbro citato dalla Stampa, deve essere di classe 6, cioè prevedere 100mila combinazioni ed essere protetto da un ottimo defender, una copertura in acciaio resistente a ogni tentativo di spezzarlo.

Commenti