Cronache

Giù le mani dal panettone. Ora ci mettono la marijuana

Giù le mani dal panettone. Ora ci mettono la marijuana

E ci mancava solo il panettone alla cannabis (legale, per carità) a santificare un Natale che ora, tra i tanti aggettivi che gli si affibbiano negli spot, potrà anche vantarsi di essere «stupefacente». Va così. C'era una volta il panettone quello classico, solo con i canditi e con le uvette che si metteva in tavola a pranzo e a cena quando le famiglie si riunivano per le Feste. Poche varianti, anzi nessuna, che poi era il suo bello e il suo buono anche perché era più facile capire la differenza tra quelli ottimi e quelli così così... Poi piano piano sono arrivati tutti gli altri per soddisfare palati più o meno fini e business più o meno grandi: al cioccolato, alla crema, al rhum, con la glassa, senza glassa, con panna, gelato, sorpresa, lustrini e chissà cos'altro ci si inventerà. Tanti panettoni, forse troppi, che poi, come capita sempre in questi casi, anziché aggiungere tolgono visto che la tradizione è fatta più di regole che si ripetono nel tempo che di varianti. E allora anche il panettone che fa tanto Natale ha cominciato a fare meno Natale tant'è che anni fa, quando era ancora sindaco di Milano, fu Letizia Moratti a proporre di venderlo tutto l'anno nelle pasticcerie non come dolce simbolo delle festività ma della città. Non se ne fece nulla per fortuna e oggi come allora il «Pan de Toni» , il dolce bruciato la notte della vigilia dal capocuoco nelle cucine degli Sforza, è sempre lì a ricordarci che la Festa è alle porte. «Resiste». Al business, alle mode e a chi vorrebbe diventasse forse un'altra cosa. Così da pochi giorni JustMary, il primo delivery di cannabis legale a Milano, ha lanciato in esclusiva per i suoi clienti, il panettone alla cannabis legale, ordinabile ovviamente sul web dove si santifica il Natale dei giorni nostri. «Da sempre sono presenti sul mercato prodotti alimentari contenenti canapa, come oli, biscotti, caramelle, ma il panettone è stata una nostra idea - spiega con un certo orgoglio Matteo Moretti amministratore di JustMary -. Siamo davvero stupiti dal successo tanto che siamo già alla seconda sfornata, piace un sacco anche a mia nonna». Sarà.

Commenti