La gita e la cena, poi l'omicidio: il folle piano del papà "mostro"

L’ultima gita con suoi bambini, Diego ed Elena. Poi il terribile duplice omicidio e il suicidio finale

Ha programmato tutto il padre killer, dalla gita alla cena. Dopo una giornata passata insieme, ridendo e divertendosi, Mario Bressi ha ucciso i suoi bambini. Nel suo folle piano l’ultima morte doveva essere la sua. Mentre la ex moglie avrebbe continuato a vivere, senza i suoi due bimbi, dilaniata dal dolore.

Dalla gita alla cena: il folle piano

I carabinieri di Lecco, che stanno indagando su quanto avvenuto, coordinati dal pubblico ministero Andrea Figoni e dal procuratore capo Antonio Chiappani, non avrebbero dubbi: il 45enne avrebbe programmato tutto. Da circa cinque giorni padre e figli erano in montagna, nella casa di villeggiatura a Margno. Tante le foto postate sulla pagina Facebook di Bressi che li ritraggono felici sui monti. Quella sarebbe dovuta essere una gita come le altre, ma nella mente dell’uomo il disegno era un altro. Avrebbe trascorso la giornata coi i suoi bambini e poi avrebbe preparato la cena. Una volta addormentati per la stanchezza, li avrebbe raggiunti in camera, uccidendoli. Poi, l’ultimo tassello del folle piano: riordinare casa e togliersi la vita, gettandosi dal Ponte della Vittoria, alto oltre 90 metri. Una vendetta nei confronti della ex moglie, dalla quale si stava separando, che sarebbe da quel momento stata costretta a vivere senza i suoi bambini.

Venerdì si sono svegliati di buon’ora, hanno fatto colazione e si sono vestiti di tutto punto, pronti per una bella scampagnata. Sono saliti in vetta con la funivia e hanno salutato gli altri escursionisti incontrati durante il tragitto. Tutto nella norma. Come sempre. Una volta rientrati a casa, mentre il papà preparava la cena, i due gemellini hanno giocato in cortile. Dopo la cena, i due piccoli si sono addormentati, forse stanchi per la giornata impegnativa. L’uomo li ha raggiunti in camera e, secondo i primi accertamenti, ha strangolato Elena e soffocato il fratellino. Come riportato dal Corriere, avrebbe voltato i loro volti ormai inermi per non guardarli. Ha sparecchiato il tavolo, buttato i rifiuti, pulito casa e infine è uscito, andando incontro alla morte. L’ultimo capitolo del suo tragico piano.

Il dolore della mamma Daniela

Le ultime foto postate su Instagram ritraggono i tre sorridenti, accompagnate da una profetica frase: “Coi i miei ragazzi…sempre insieme”. Che adesso si riempie di significato. Un vicino di casa verso le 3 di notte aveva sentito degli strani rumori ma non avendo pensato ai ladri non era andato a controllare. Quando la mamma Daniela è entrata in camera ha urlato: “Svegliatevi, svegliatevi, svegliatevi!”. Ma per i suoi piccoli non c’era più nulla da fare, neanche il dolore di una madre poteva ormai riportarli in vita. Non sembrava una separazione difficile, quella tra Daniela e Mario. Sposati dal 2003, la moglie si era rivolta a un avvocato milanese, la coppia viveva ancora sotto lo stesso tetto. Poi quella terribile mail, dove il padre dei suoi figli, le diceva che non avrebbe più visto i suoi bambini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Dom, 28/06/2020 - 15:12

Di un padre così si può solo pensare che fosse gravemente malato.

investigator13

Dom, 28/06/2020 - 15:40

ricorda in tutto il caso delle gemelline svizzere. Il padre separato non potendo vedere le sue figliolette se nonn ha tempo stabilito dal giudice, tiene le gemelline con se per qualche giorno è felice insieme a loro, poi le uccide strappandole alla madre: "Perchè lei si, io no?" Cambiare La legge sulla separazione che non deve essere separazione genitori dai figli ma solo separazione tra moglie e marito.