Il giudice: "L'arresto di Carta illegittimo"

Lo scrive il giudice per le direttissime Stefano Caramellino nel provvedimento dell'1 giugno con cui non ha convalidato i domiciliari

L'arresto del cantante Marco Carta, insieme a una donna, per il presunto furto di sei magliette del valore di 1200 euro alla Rinascente di Milano, "non può ritenersi legittimo". Lo scrive il giudice per le direttissime Stefano Caramellino nel provvedimento dell'1 giugno con cui non ha convalidato i domiciliari. "Carta - spiega il magistrato - non deteneva all'uscita dell'esercizio commerciale la borsa contenente i vestiti sottratti".

Era stato invece convalidato l'arresto per l'amica che l'accompagnava nella cui borsa era stato trovato il cacciavite usato per togliere l'antitaccheggio e le magliette. "L'unico teste oculare - si legge nel provvedimento con riferimento alla testimonianza dell'addetto alla sicurezza del grande magazzino - ha descritto un comportamento anteriore ai fatti che ha giudicato sospetto, ma gli elementi di sospetto sono del tutto eterei, inconsistenti: è normale che due acquirenti si guardino spesso attorno all'interno di un esercizio commerciale di grande distribuzione; l'ipotesi che essi stessero controllando se erano seguiti da personale dipendente è formulata in modo del tutto ipotetico e vago ("Come se controllassero", dice l'addetto sentito a sommarie informazioni il 31 maggio)".

Inoltre, "il fatto che i due coimputati si siano recati in un piano diverso per provare le maglie è compatibile con il proposito di trovare un camerino di prova libero, posto che entrambi hanno affermato che grande era l'affollamento e che lo stesso scontrino in atti conferma che era giorno di offerte speciali, cosidddetto 'black friday'. Il passaggio della borsa è stato confermato dall'imputato, che quindi sulla dinamica ha confermato integralmente le risultanze delle sommarie rese dall'addetto alla sicurezza".Nel provvedimento del giudice Caramellino, si legge anche che "gli operanti che hanno provveduto all'arresto (la Polizia Locale, ndr) non hanno visto alcunchè dell'azione asseritamente furtiva e che, con riferimento alla posizione di Carta, la versione degli imputati non è allo stato scalfita da alcun elemento probatorio contrario". Il processo a carico di Carta e dell'amica Fabiana Muscas, infermiera di 53 anni, comincerà il 20 settembre. Per il magistrato, è rilevante anche il fatto che nemmeno l'addetto alla vigilanza ha affermato "di avere visto l'inserimento degli abiti nella borsa dopo che era stata appoggiata nel camerino, nè ha affermato di avere sentito alcun rumore compatibile con la rottura delle placche antitaccheggio, peraltro avvenuta con uno strumento solo parzialmente idoneo, vale a dire un cacciavite e non un tronchese".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco_G.

franco_G.

Lun, 10/06/2019 - 23:22

Questo non avrebbe accettato neanche una confessione firmata. Lui è nel camerino - lei ha le magliette - lei gliele passa nel camerino - poi gli passa la borsa - quando escono le magliette sono nella borsa, e l'antitaccheggio è stato rotto. PERO'... però... nessuno ha visto il passaggio delle magliette nella borsa. quindi ce le avrà messe Mandrake :-) Ridiamoci sopra.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mar, 11/06/2019 - 10:21

ma chi mettono a fare i magistrati?

Ritratto di DuduNakamura

DuduNakamura

Mar, 11/06/2019 - 10:25

I poveri sono ladri i ricchi e/o famosi sono cleptomani. Comunque il signor Carta essendo un personaggio pubblico dovrebbe quantomeno fare attenzione a chi si accompagna, nello shopping ed in generale. Per il resto sono ormai beghe per azzeccagarbugli.

Ritratto di Willer09

Willer09

Mar, 11/06/2019 - 11:28

Allora arrestate la guardia!

Fjr

Mar, 11/06/2019 - 12:30

Ma certo chi non va in un grande magazzino senza un cacciavite,io ad esempio quando decido di acquistare un paio di scarpe ho sempre con me la cassetta degli attrezzi e al posto del calzascarpe uso un’estrattore per cuscinetti,ma va va!!!!!

SPADINO

Mar, 11/06/2019 - 12:31

ALMENO 6 MESI IN GATTABUIA

michele lascaro

Mar, 11/06/2019 - 12:52

Certo, liberazione, perché le magliette si sono volatilizzate per azione di un motore elettrico a corrente alternata!

Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 11/06/2019 - 16:27

A seguito della requisitoria, Caramellino (nome omen), ha ordinato alle guardie presenti di arrestare le magliette per tentata fuga dal grande magazzino.