Un paesino, ma in due Regioni: "Impossibile anche fare la spesa"

Paesino in mezzo all’Appennino Tosco-Emiliano, un po’ toscano e un po’ emiliano. I suoi 67 abitanti provati dal Covid e dalla burocrazia

Un paese situato in mezzo all’Appennino Tosco-Emiliano, Giugnola, ha dovuto fare non solo i conti con il coronavirus, ma anche con la burocrazia, spesso assurda. Eppure, in una realtà con sole 67 anime, dove tutti si conoscono, e forse sono anche imparentati, dovrebbe essere più facile riuscire a superare un grave momento di emergenza. Se non altro perché ci si aiuta l’uno con l’altro. Eppure le difficoltà non sono mancate.

Vietato spostarsi da una regione all'altra

Come riportato da La Nazione, proprio il fatto che Giugnola sia per metà toscano e per metà emiliano, ha costituito un bel problema per i suoi pochi abitanti. Già, perché se arrivi dalla Toscana leggi che è frazione di Firenzuola, mentre se arrivi dall’Emilia-Romagna ti trovi che è invece frazione di Castel del Rio. Il paese è infatti costruito nel bel mezzo di due regioni differenti, appunto la Toscana e l’Emilia-Romagna. In tempi normali nessun problema, ma con l’epidemia in corso di coronavirus le cose, ahimè, cambiano. Un po’ per colpa della burocrazia che, diciamo, spesso ha i paraocchi.

Tra poco la situazione dovrebbe però sbloccarsi: dal 3 giugno infatti dovremmo poter spostarci liberamente da una regione all’altra, senza incorrere in multe salate e denunce. E se al solo pensiero c’è chi già pensa di raggiungere la seconda casa al mare, c’è anche qualcuno che si accontenta di attraversare la strada e andare a trovare un parente che non vede da oltre due mesi. Proprio adesso che si intravede la fine del tunnel, dopo settimane di richieste, è arrivato un parziale via libera. Per dare un’idea, quando nevica a Giugnola, non è che lo spazzaneve mandato da Bologna spala tutto il paese. Assolutamente no. Arriva fino al luogo di sua competenza, circa metà del paese, all’altra metà ci deve pensare Firenze.

Anche fare la spesa è un problema

I giugnolesi ormai sono abituati a queste stranezze, ma l’ultima ha lasciato di stucco anche loro. Il Dpcm e l’autocertificazione valgono anche qui, così come le multe se non vengono rispettate le norme. Poco importa se si tratta solo di attraversare una strada. E così, chi abita nella parte toscana, circa 30 abitanti, invece di poter fare la spesa a 10 minuti dalla propria abitazione, deve prendere l’auto e andare necessariamente a Firenzuola, distante circa una quarantina di minuti. Solo perché l’altro posto, Castel del Rio, più vicino, si trova però nell’altra regione confinante. E viceversa, stesso problema per i 30 che abitano nella parte emiliana-romagnola.

Nonno Emilio che non può andare nel suo giardino

La signora Alessandra, residente nella parte toscana del paese, ha spiegato che qualche giorno fa “i tre sindaci dei comuni qui vicino, Monghidoro, Firenzuola e Castel del Rio, si erano accordati per darci un po' di libertà di movimento, così da poter far la spesa normalmente nel posto più vicino. Il via libera è durato due giorni, poi ci hanno ripensato. Io, invece di impiegare solo 10 minuti, devo scendere fino a Firenzuola, quattro volte tanto”. E c’è anche chi, come nonno Emilio, 102 anni, non può neanche uscire di casa per andare nel suo giardino. Caso vuole infatti che l’abitazione sia in Emilia, mentre il giardino in Toscana. Un’assurdità tutta italiana. Problemi anche per chi si deve recare all’ufficio postale più vicino, solo 10 minuti di auto, ma in Emilia. I Toscani devono invece raggiungere Firenzuola. Qualcuno sembra abbia allungato la mano per fare un favore. Ma acqua in bocca, pena una salata sanzione. Anche perché i controlli ci sono e non guardano in faccia nessuno. Due persone si sono viste staccare 500 euro di multa per essere andate a prendere dell’acqua. In Italia succede anche questo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 19/05/2020 - 11:07

paesino fra due regione comuniste, dove comandano toghe rosse, sindacati rossi, coop rosse e poi si lamentano poveri cristi.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 19/05/2020 - 11:09

a questo la sinistra non ci pensa.... :-) ma è ovvio: hanno il cervello di un colibri questi babbei comunisti grulli!

SPADINO

Mar, 19/05/2020 - 11:21

QUESTE FOLLIE SONO IL RISULTATO DI AVER ELETTO UNA CLASSE POLITICA CHE SA SOLO DELIRARE. COME QUELLO DI PIACENZA CHE PUO' ANDARE A RIMINI (300 KM) MA NON PUO' ATTRAVERSARE IL PO' PER ANDARE A FARE LA SPESA AL SUPERMERCATO CHE SI TROVA IN PROVINCIA DI LODI (5 KM). QUESTO E' IL DELIRIO DI AMMINISTRATORI FOLLI.

maurizio50

Mar, 19/05/2020 - 11:41

In ogni caso sono Comunisti da entrambe le parti. Quindi non credo sia un gran problema!!!!

ulio1974

Mar, 19/05/2020 - 11:53

...i comunisti si intralciano tra loro.

ulio1974

Mar, 19/05/2020 - 11:55

nessuna novità: i comunisti sono abituati ai muri, e forse ne sentono un po' la mancanza. se l'emergenza continua, ci faranno anche un check-point.

Una-mattina-mi-...

Mar, 19/05/2020 - 11:56

SPERIAMO CHE NESSUNO ABBIA LA CASA CON IL GABINETTO FUORI REGIONE... D'ALTRO CANTO IL VIRUS, SU QUESTE COSE, DICE CHE E' FISCALE. NE VA DELLA SALUTE DELL'INTERA UMANITA' E DELLE GENERAZIONI FUTURE

Trinky

Mar, 19/05/2020 - 12:07

Intelligenti Bonaccini e Rossi..........

Happy1937

Mar, 19/05/2020 - 12:14

Poi dicono che con Shengen c’e’ la libera circolazione in Europa!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mar, 19/05/2020 - 12:28

Situazione vergognosa dettata da un sistema burocratico inquietante. Come al solito farsa all'italiana.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 19/05/2020 - 12:28

Sono solo pazzie comuniste....e ben vi sta.

PAROLITO

Mar, 19/05/2020 - 13:02

avete votato a sinistra ??? bravi sette più !!!! è il minimo che vi possa capitare !!!!

27Adriano

Mar, 19/05/2020 - 13:17

...prendetevela con i rossi che comandano sia in toscana che in emilia...Spero che vi ricordiate la prossima volta. Per il momento...non lamentatevi.

elpaso21

Mar, 19/05/2020 - 13:32

Non ha senso che un paese si trovi in due regioni. Si faccia finta che faccia parte della Toscana.

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 19/05/2020 - 13:50

La follia burocratica ? NO !!!!! LA FOLLIA DI QUESTO GOVERNO !!!!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 19/05/2020 - 13:50

la stronzaggine burocratica creata dai comunisti, non ha limiti di buon senso, diversamente non sarebbero astrusi e petulanti comunisti...o forse MUSSOLINI da socialista aveva capito con chi aveva a che fare??? e nacque un movimento

ulio1974

Mar, 19/05/2020 - 14:20

Gorizia, almeno, era divisa tra due Nazioni appartenenti a due blocchi diversi.

ulio1974

Mar, 19/05/2020 - 14:23

però mi chiedo, forse gli abitanti se lo meritano...in decine di anni dacchè esistono le regioni, non hanno mai pensato da che parte stare e sceglierne una?? o è la solita inconcludenza italica incapace di prendere decisioni chiare??

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 19/05/2020 - 14:54

L'assurdo è che i Segretari delle due Regioni, entrambi progressisti (progressisti?) non abbiano pensato di agire in modo da risolvere il problema.

ulio1974

Mar, 19/05/2020 - 15:18

elpaso21 13:32: e perchè non dell'Emilia Romagna??? Ci vuole un referendum!!

mannix1960

Mar, 19/05/2020 - 15:48

Una soluzione ci sarebbe: che il governo gli mandi 200 migranti, 100 per versante, e tutto è risolto! ;-)

steacanessa

Mar, 19/05/2020 - 17:05

Roba da sinistri di merenda ciechi (pardon: non vedenti), sordi (pardon: non udenti o audiolesi come il sottoscritto) e burocrati imperanti.

Ritratto di babbone

babbone

Mar, 19/05/2020 - 17:20

continuate a votare i comunisti poi vi lamentate.zittiii.

Ritratto di anno56

anno56

Mar, 19/05/2020 - 18:05

Una cosa simile era successa anche al.mio paese, una casa risultava essere in parte nel comune vicino, però alla fine il buon senso delle due amministrazioni ha prevalso, è stata fatta una permuta di terreno così l'abitazione è risultata in in comune unico, mentre l'altro comune di è preso tutto il terreno che era ubicato in un'altra zona ma sempre a Cavallo fra i due comuni. Comunque casi del genere non sono rari, pensate al confine Rimini/San Marino, zona industriale e vari capannoni si trovano con entrate/uscite da entrambi le parti, pensate a quando le banche a San Marino erano gonfie di depositi Italiani

Erasmoportorosso

Mar, 19/05/2020 - 18:38

Conosco una casa sull'appennino tosco-emiliano, a cavallo fra due regioni, Toscana ed Emilia. ma non è tutto: la camera da letto è nel comune di Castel di Casio (BO) - Emilia, la cucina nel comune di Sambuca Pistoiese (PT - Toscana, il giardino davanti e l'ingresso in provincia di Firenze, l'orto dietro in provincia di Prato. Quindi il proprietario deve pagare IMU, TASI, TARI, Addizionale comunale, ecc. a 4 Comuni diversi.