Cronache

"Guidava sotto l'effetto di stupefacenti". Ancora guai per la famiglia Bianchi

Alessandro Bianchi, fratello di Marco e Gabriele, è rimastato coinvolto in un incidente d'auto a Velletri. Fermato dalla polizia sarebbe risultato positivo al drug test

"Guidava sotto l'effetto di stupefacenti". Ancora guai per la famiglia Bianchi

Nuovi guai per i fratelli Bianchi. Stavolta si tratta di Alessandro, il fratello maggiore di Marco e Gabriele, entrambi condannati all'ergastolo per l'omicidio (un pestaggio mortale) di Willy Monteiro Duarte. L'artenese, noto ristoratore, è rimasto coinvolto in un grave incidente stradale riportando, per fortuna, solo qualche contusione. Tuttavia è stato denunciato per guida sotto l'effetto di stupefacenti - sarebbe risultato positivo al drug test - e gli è stata ritirata la patente.

L'incidente

Stando a quanto riporta Il Messaggero, l'episodio risale alle ore sei di martedì mattina, 4 ottobre, a Velletri. Il 35enne è uscito di strada nel centro cittadino, mentre stava rincasando verso Artena con il suo Doblò. L'auto si sarebbe schiantata contro i cartelli della segnaletica stradale posizionati all'incrocio tra piazza Garibaldi e viale Roma, su un tratto urbano della via Appia. Seppure leggermente contuso, Alessandro Bianchi ha rifutato le cure mediche. Ad ogni modo, i carabinieri intervenuti sul posto hanno voluto approfondire la dinamica del sinistro disponendo un drug test (l'esame che rileva tracce di stupefacenti nelle urine ndr). Le analisi avrebbero dato esito positivo ed il giovane è stato denunciato per guida sotto l'effetto di stupefacenti.

Chi è Alessandro Bianchi

Alessandro Bianchi nella vita si occupa di ristorazione. Il 35enne, completamente estraneo alla vicenda che coinvolge "i gemelli" di Artena, era finito sulle pagine dei quotidiani nazionali nei giorni successivi al brutale omicidio di Colleferro. Rivolgendosi alla stampa aveva preso le difese dei suoi fratelli, certo che fossero entrambi estranei alla vicenda. "Sono andati lì a fare gli stupidi, ad aiutare gli altri due nella rissa", aveva dichiarato in un'intervista rilasciata ad Adnkronos. In quei giorni di grande concitazione, Alessandro Bianchi aveva ricevuto pesanti minacce sulla pagina social del suo ristorante. Per fortuna, però, senza gravi conseguenze. Ancora oggi, il locale è molto apprezzato per le preparzioni di pesce.

Commenti