I Forconi sono tornati: "Blocchiamo l'Italia"

Dal 9 al 12 dicembre presidi in almeno 96 città. E in Sicilia è già partita la corsa al distributore di benzina

I Forconi sono tornati: "Blocchiamo l'Italia"

I Forconi sono tornati. E annunciano di bloccare l'Italia. "Buona rivoluzione a tutti": è questo il saluto che i promotori di "Fermiamo l’Italia" si scambiano su siti e social network in vista della mobilitazione che da domani sera punta a paralizzare il traffico in varie città del paese con blocchi stradali e manifestazioni. Il numero di presidi organizzati sul territorio è salito a 96. Tutto è partito dal Movimento dei Forconi di Mariano Ferro. Il timore è che nella protesta pacifica dei movimenti in piazza si possano infiltrare frange violente, provenienti dall’estremismo politico, dalla criminalità o dalle formazioni più violente del mondo ultras, per sfruttare le rivendicazioni sociali e provocare disordini. È ancora presto per conoscere la portata della protesta che inizierà il 9 e terminerà il 12 dicembre, però in Sicilia è partita la corsa al distributore di benzina. Ricordando i disagi di due anni fa, quando il blocco degli autotrasportatori lasciò a secco per diversi giorni le auto dei siciliani, in migliaia ieri hanno preso d’assalto le pompe dell’isola, aspettando in coda anche parecchie ore.

Commenti