I migranti distruggono l'ufficio della tendopoli, "Vogliamo i soldi, non il cibo"

Continua la protesta dei migranti della tendopoli di San Ferdinando in Calabria, dopo aver rifiutato i pasti caldi da volontari e uomini della Protezione Civile ora gli immigrati distruggono l'ufficio del campo e continuano a chiedere i soldi al Comune

Dopo aver rifiutato il cibo gli immigrati hanno inscenato un protesta di massa distruggendo a calci e pugni l’ufficio all’ingresso della tendopoli di San Ferdinando, in Calabria. Il motivo è sempre lo stesso. Vogliono i soldi. Non il cibo. E se a niente erano servite la urla di protesta contro i volontari, che proprio ieri erano pronti assieme agli uomini della protezione civili ad installare una cucina mobile all’interno del campo e distribuire un pasto caldo a tutti ora, i migranti, hanno deciso di passare alle maniere forti. In gruppo hanno ripreso a le grida stizzite e tra minacce e richieste al comune urlate a squarcia gola hanno iniziato a mettere sottosopra il capannone d’ingresso della tendopoli. Per placare i ribelli sono dovuti intervenire due mezzi blindati della Polizia di stato.

Da settimane ormai, in tutta la Penisola, si fanno più concreti i problemi di una crisi economica che sembra aver già bussato alle porte. Conseguenza diretta di un’emergenza sanitaria che ha colto di sorpresa tutto il mondo e costretto gli stati al blocco totale di imprese e attività commerciali. Le persone non vanno più a lavoro. In molti non riescono più a portare a casa uno stipendio. Famiglie numerose, con figli a carico, che potrebbero trovarsi senza un soldo per andare a fare la spesa. Una condizione che sembra colpire ancor di più le famiglie del sud-Italia. Dove, da giorni, si moltiplicano le proteste sociali. I Comuni si stanno adoperando, qualcuno, come il sindaco di Varapodio (Reggio Calabria), Orlando Fazzolari ha addirittura creato i "buoni salute" e i "buoni spesa" per consentire alle famiglie più bisognose di poter acquistare beni di prima necessità e medicine a spese del Comune. Eppure, in questo momento drammatico per l’Italia, gli immigrati rifiutano gli aiuti umanitari. Cacciano dalla zona in cui sono ospitati da anni chi avrebbe solo voluto donargli del cibo. Un’iniziativa nata per aiutare i circa 400 migranti che occupano il campo e che in questo momento, come molti italiani, non lavorano e si trovano in difficoltà a causa del mancato stipendio con cui riuscivano a vivere.

La Regione era riuscita a creare una catena di solidarietà con la Protezione civile, i Comuni, la Caritas, le aziende e i privati per arrivare ad allestire una cucina da campo all'interno della tendopoli, in grado di fornire mille pasti caldi al giorno. Tutto in meno di 12 ore. Lavoro sprecato. Forze spese, a cui qualcuno ha deciso di non rendere onore. E invece di sorrisi e ringraziamenti i volontari e gli uomini della Protezione Civile hanno dovuto sorbire minacce e invettive prima di fare dietrofront e riportare indietro la cucina mobile evitando di aggravare la situazione. Come se non bastasse il giorno seguente la protesta non si è placata e cercando di distruggere il modulo adibito ad ufficio che faceva da ingresso alla tendopoli i migranti hanno insistito con la protesta chiedendo ancora che, al posto del cibo, gli venga dato del denaro. Soldi che oggi nessuno si ritrova ad avere in tasca. Anche chi, al contrario di loro, non ha neanche qualcuno che gli offre da mangiare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mafrale

Mer, 01/04/2020 - 19:26

questi che rifiutano cibo e vogliono soldi, mettere su un bastimento e rispedirli in libia, poi si che si ride invece di distruggere tutto, bisogna rispedirli nei loro paesi, ammasso di gente inutile in italia

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 01/04/2020 - 19:42

@mafrale No, vanno cacciati tutti. A meno che non voglia vivere in uno Stato denazionalizzato, dove gli africani sono destinati a diventare la maggioranza: dell'elettorato, degli amministratori, dell'esercito, della corte costituzionale, della popolazione...

Ritratto di lurabo

lurabo

Mer, 01/04/2020 - 19:49

tranquilli che adesso arrivano, finché dura!

Ritratto di Mario96

Mario96

Mer, 01/04/2020 - 19:54

Ma è davvero impossibile rispedirli semplicemente a casa loro? Basterebbe che gli Italiani smettessero di votare PD e le cose cambierebbero da un giorno all'altro.

Ritratto di Gio47

Gio47

Gio, 02/04/2020 - 10:15

mandateli a casa della Lamorgese, adesso vorrei capire, io ho lavorato 37 anni, pagando sempre le tasse, attualmente continuo a pagare le tasse, questo governo regala i soldi che servono allo stato per il benessere degli Italiani e di chi paga le tasse, perchè devono regalare soldi delle tasse che paghiamo a gente che arriva in Italia non per farsi una vita nuova ma solo per prendere i soldi che il governo regala loro perchè non hanno nessuna voglia di lavorare, lavoro che in Italia manca. qualcuno mi può rispondere? magari la ministra.

routier

Gio, 02/04/2020 - 10:16

Gli extracomunitari che vengono da noi a fare i prepotenti hanno un solo diritto ed è quello di ritornare da dove sono venuti. Tutto il resto gli deve essere negato!

Ritratto di Killerwave

Killerwave

Gio, 02/04/2020 - 10:24

Questi sono gli effetti disastrosi della ridicola politica buonista dei sinistrati,tutti gli stranieri si sentono in diritto di fare quello che vogliono a casa nostra

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 02/04/2020 - 10:36

VOGLIAMO I SOLDI! Avete capito? Prepotenti, oltreché nullafacenti e mantenuti. Ma la colpa è nostra,perché il buonismo porta a questo,alla sopraffazione. Vanno cacciati in malo modo,usando la loro stessa moneta,l'unico linguaggio possibile con certa gente.

Ritratto di Lissa

Lissa

Gio, 02/04/2020 - 10:37

Se lo Stato non riesce a farsi rispettare, passiamo il problema ai cittadini.

venco

Gio, 02/04/2020 - 10:49

Queste sono le conseguenze della politica sinistra antiitaliana che abbiamo.

andy15

Gio, 02/04/2020 - 10:53

Comprensibile la loro reazione. Loro non hanno radici in Italia, dello Stato italiano e dei suoi cittadini non gliene potrebbe importare di meno. Per loro l'Italia e' semplicemente un luogo dove ricevono gratuitamente vitto, alloggio, cure mediche e la paghetta. Cosa volete che gliene importi se il Paese e' in difficolta', se i morti si accumulano nelle chiese, se in Lombardia c'e' un'ecatombe. Loro "vogliono" e, a differenza di quanto succede ai comuni cittadini, vedrete che otterranno. Dopotutto un domani potranno votare e siamo certi che le Ong gli mostreranno dove mettere la crocetta.

dredd

Gio, 02/04/2020 - 10:59

Qualcuno dovrebbe fargli capire che il lavoro rende liberi

MammaCeccoMiTocca

Gio, 02/04/2020 - 11:03

E non fateli arrabbiare... hanno bisogno di comprare il telefonino G5, vogliono la connessione ultraveloce per sapere se i quattrini sottratti a noi sono arrivati a casa, tirateli fuori questi soldi, se non li avete abbastanza per dare a loro continuate a scippare gli Italiani, tanto ormai ci sono abituati... e comprate anche dei ventilatori polmonari di scorta perché se si ammalano loro bisogna guarirli, altrimenti la nostra economia si azzera. Ma non c'è rischio, il PD c'è .

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 02/04/2020 - 11:16

Propongo una colletta obbligatoria da parte di tutti coloro che sostengono l'accoglienza a prescindere

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Gio, 02/04/2020 - 11:22

Guardatele, sono queste le conseguenze del buonismo. Ed è appena l'inizio.

timoty martin

Gio, 02/04/2020 - 11:24

Ringraziamo calorosamento tutti i buonisti, i PD ed altri illusi che hanno aiutato e sponsorizzato l'arrivo in Italia di tutti questi inutili e delinquenti. Spero riflettano sui danno che hanno fatto agli Italiani. ONG sponsorizzate della sinistre, vergognatevi.

timoty martin

Gio, 02/04/2020 - 11:25

Mandate l'esercito x calmarli e riportateli tutti in Africa

Giorgio Rubiu

Gio, 02/04/2020 - 11:27

E' quello cui hanno sempre e solo mirato.Un Nigeriano,che stazionava davanti ad un Supermercato che io frequento,un giorno mi ha detto che erano 24 ore che non mangiava chiedendomi di aiutarlo.Mi sono offerto di rientrare (ne ero già uscito) al Supermercato per comprare,per lui e per un suo conterraneo,un pollo allo spiedo e del pane.Mi sono sentito dire che preferivano i soldi motivando la richiesta con queste testuali parole: "Noi non mangiamo quella me**da!". Io,durante la Seconda Guerra Mondiale,avrei fatto qualunque cosa per un pezzo di "vero" pane, per non parlare di quello che avrei fatto per un pollo allo spiedo!

Trinky

Gio, 02/04/2020 - 11:34

MammaCeccoMiTocca........guardi che quelle cose che lei elenca loro le hanno già gratuitamente....!!! Quindi, oltre ad avere vitto e alloggio pagato, niente bollette. adesso vorrebbero pure un sussidio? Rispedirli a casa loro.....

sbrigati

Gio, 02/04/2020 - 11:38

@gio47. Esatto.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Gio, 02/04/2020 - 11:38

La ministra dell'interno che dice? Da ordini alla polizia di arrestare i facinorosi? Oppure presenta le sue dimissioni irrevocabili?

Ilsabbatico

Gio, 02/04/2020 - 11:48

Basta, la situazione è al limite. Bisogna caricarli su un aereo e riportarli da dove sono arrivati. Sono i loro atteggiamenti , la loro presunzione, la loro prepotenza che fanno diventare "razzisti" anche quelli che non lo sono mai stati.

RolfSteiner

Gio, 02/04/2020 - 11:50

Che vengano ospitati nelle sedi del PD. A donare loro il denaro ci penseranno gli iscritti al suddetto partito.

ectario

Gio, 02/04/2020 - 11:58

Sinistri !!! cosa augurarvi .......de core.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Gio, 02/04/2020 - 14:49

e aggiungerei che quando ci si mette a 90 gradi, poi non ci si deve meravigliare se succedono certe cose...