"I riti non funzionano", famiglia di maghi sotto inchiesta

Concluse le indagini a carico di tre persone, madre, figlia e genero, accusate di truffa e tentata estorsione. Il listino prezzi per tutte le tasche: da 10 fino a 5mila euro per le prestazioni "esoteriche"

Insoddisfatti perché i rituali non avevano sortito alcun effetto, i clienti hanno denunciato e inguaiato un’intera famigliola di maghi che adesso rischiano il processo. È accaduto in provincia di Salerno, a Eboli dove sono finiti sotto inchiesta due donne, di 59 e 39 anni, rispettivamente madre e figlia, e il genero 46enne.

L’inchiesta è partita dopo le denunce presentate da alcuni dei loro assistiti. Secondo le querele, i talismani che avevano acquistato e i rituali magici cui s’erano sottoposti per superare problemi economici e, in alcuni casi, di salute non avevano sortito alcun effetto. E perciò avevano deciso di denunciare i tre maghi ebolitani e di svelare l’inganno di cui erano state vittime.

Stando a quanto riporta il quotidiano La Città, i tre maghi avevano un vero e proprio tariffario per le diverse soluzioni che offrivano ai loro clienti. Filtri d'amore, letture del futuro, consigli, sedute "esoteriche", rituali magici. Ce n'era per tutti i gusti anche grazie al listino "flessibile", alla portata di tutte le borse e tutte le tasche che andava da una prestazione minima di dieci euro fino a esborsi importanti, anche di 5mila euro.

Dietro lo schermo dei “servizi alla persona”, la magistratura salernitana, in sede di conclusione delle indagini, ha intravisto elementi per configurare l’ipotesi di reato di truffa e tentata estorsione. Adesso toccherà ai tre fornire la loro versione agli inquirenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cianciano

Mer, 30/11/2016 - 14:55

Io condannerei i clienti per stupidità assoluta....allocchi...

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 30/11/2016 - 16:01

Ma come,servono delle indagini per appurare che i riti magici non sortiscono effetti? E che dire dei "clienti"? Stupidi i magistrati e stupidi i clienti:Non è Cristo che si è fermato ad Eboli,ma il cervello di certi umani.

leo_polemico

Mer, 30/11/2016 - 18:19

Visto che ci sono sempre i creduloni verso la categoria dei "maghi" e loro confraternite, come mai è permessa la pubblicità su giornali e radio/tv a queste categorie di impostori con chiamate a numeri a pagamento? Vanna Marchi e le sue condanne non hanno insegnato nulla ai creduloni? E' vero che la mente umana cerca delle "certezze" soprattutto quando la persona è in difficoltà ma mantenere un po' di buonsenso e raziocinio è non solo utile ma indispensabile.