I soldi alla sinistra profumano, a destra puzzano

La famiglia Benetton ha donato 500mila euro al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per l'acquisto dei frigoriferi che dovranno stoccare i vaccini anti Covid

Nel pieno del braccio di ferro tra il governo e la famiglia Benetton sulla revoca della concessione alla Società Autostrade la famiglia Benetton, tramite la società capofila Atlantia, ha donato 500mila euro al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per l'acquisto dei frigoriferi che dovranno stoccare i vaccini anti Covid. Lo ha rivelato ieri il quotidiano Il Domani ed è certamente una bella notizia che fa onore ai Benetton.

Ci chiediamo soltanto come sarebbe stata presa la cosa dai colleghi indignati permanenti, dai moralisti a tempo pieno, insomma da chi passa la giornata con il fucile puntato su qualcuno, se quell'assegno invece che essere consegnato nelle mani del segretario del Pd, azionista importante del governo, fosse finito in quelle del governatore della Liguria, o della Lombardia o del Veneto, terra di origine e di residenza dell'importante dinastia.

Nel merito verrebbe facile pensare male, ma sinceramente non lo facciamo, proprio come non lo abbiamo fatto quando Attilio Fontana ha ricevuto dai privati cospicue donazioni per allestire l'ospedale in Fiera, cosa che gli ha attirato l'attenzione della procura e il linciaggio mediatico carta stampata e tv dei soliti noti di cui sopra. Siamo alle solite: i soldi puzzano a prescindere se raccolti e gestiti da politici e amministratori del centrodestra, profumano di generosità se indirizzati a sinistra anche laddove si potrebbe configurare un conflitto di interessi. Così come cento morti nelle case di riposo della Lombardia sono una strage, altrettanti nel Lazio o in Emilia passano praticamente inosservati. Anche le recenti file chilometriche ai drive-in sanitari per farsi tamponare erano identiche in tutta Italia, ma nelle cronache erano «vergognose» a Milano e «inevitabili» a Roma.

La manipolazione è continua. L'ultima riguarda le vacanze sulla neve: «Vergognoso si legge un po' ovunque che i governatori del centrodestra del Nord siano gli unici a chiedere di tenere aperte nelle festività le città turistiche. Incoscienti». Che ne sappia io, in Italia si scia praticamente solo al Nord, non granché nelle rosse Toscana, Emilia e Lazio, quindi è ovvio che i governatori di queste ultime non abbiano nulla da obiettare.

Lunga vita ai privati che mettono mano al portafogli per aiutare il pubblico, ce ne fossero di più. Ma, egregio Zingaretti, non faccia il moralista a gettone. Perché, come dicono a Napoli, ccà nisciuno è fesso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 02/12/2020 - 17:09

chiediamo ai babbei comunisti grulli come mai per voi le donazioni fatte dalla sinistra, sono cose buone e accettate, mentre se fatte dalla destra (ad esempio, berlusconi ha donato 10 milioni di euro che in questo articolo non viene menzionato), puzzano subito di chissà cosa! come mai? :-) attendiamo con serena pazienza le ridicole e insulse risposte dei babbei comunisti grulli, i quali non mancano MAI quando si tratta di insultare la destra mentre se ne stanno zitti se riguarda la sinistra! :-) chiediamolo con voce suadente e melliflua: come mai ? :-)

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mer, 02/12/2020 - 17:23

Si chiama "relativismo"..... strada pericolosissima, che svolta sempre a sinistra, e che porta ineluttabilmente al "giustificazionismo de' noantri".

cir

Mer, 02/12/2020 - 17:26

mortimermouse Mer, 02/12/2020 - 17:09 : penserai mica di meritarti una risposta ?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 02/12/2020 - 17:31

La beneficienza sincera è quella per la quale resta ignoto il nome del benefattore. Detto questo non è il periodo giusto per fare gli schizzinosi quindi ben vengano i 500mila euro della famiglia Benetton. P.S. Ho fatto un copia-incolla di quanto scritto in data 17 marzo 2020 cambiando solo il finale. Allora il generoso donatore fu Berlusconi a vantaggio della Regione Lombardia con il cosiddetto Ospedale in Fiera. O Sallusti... sono stucchevoli questi articoli col tono lamentoso da Calimero (il pulcino piccolo e nero).

Ritratto di Trinky

Trinky

Mer, 02/12/2020 - 17:49

Dreamer_66.........quante gliene avete detto a Berlusconi per i 10 milioni (non solo 500.000) per l'ospedale della Fiera di Milano? La famiglia Benetton farebbe bene a levarsi dalle balle da Treviso ed è meglio che si trasferisca a Roma, almeno lì si troverà bene con i suoi compagni di partito......

Mordechai

Mer, 02/12/2020 - 17:56

Peccato che i frigoriferi siano indispensabili quando arriverà il vaccino, mentre l'ospedale in Fiera è dal punto di vista sanitario un'idiozia, come da subito hanno detto i medici, non la stampa cattiva (che poi sarebbe bello sapere qual è, esiste solo nella testa di Sallusti; a parte il Fatto e Il Manifesto stanno tutti dalla stessa parte). E quanto ai governatori, mi pare geniale che pensino allo sci con 6-700 morti e 20.000 contagi al giorno. Davvero geniali.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 02/12/2020 - 18:09

Cinquemila euro donati dalla famiglia Benetton al presidente della Regione Lazio, cioè Nicola Zingaretti, uno dei capi del PD. Questo in un momento che pare difficile per i Benetton. Quale ne sarà la ragione?

honhil

Mer, 02/12/2020 - 18:22

La famiglia Benetton, forse, si è dimenticata dell’ingarbugliata matassa relativa alle mascherine mai pervenute, ma profumatamente pagate in anticipo dalla regione Lazio a colpi di milioni: 35,8 milioni di euro, con precisione. La beneficiaria una ‘ditta con capitale sociale da 10mila euro, fino a fine marzo specializzata in impianti a led, alla quale la Protezione civile del Lazio ha versato sull’unghia ben 3 bonifici da 14.680.000 euro totali’. Nel silenzio frastornate della procura di competenza. Altrimenti, più che staccare l’assegno, erano i frigoriferi che avrebbe dovuto mettere a disposizione. Per evitare sorprese.

sparviero51

Mer, 02/12/2020 - 18:27

SENZA VERGOGNA . PPPPUUUUAAAAHHHHHH !!!!

Ritratto di Cali85

Cali85

Mer, 02/12/2020 - 18:58

A parte tutte le cosiderazioni non confutabili del Direttore a me piacerebbe sapere dove vanno a finire quei 500.000 euro nelle mani del PD!! A pensar male si fa peccato....

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 02/12/2020 - 19:37

Dopo un secolo di FACCETTA NERA e BELLACIAO è inevitabile che le due disastrose ed analoghe ideologie che hanno inebriato bisnonni nonni e padri lascino indifferenti i loro eredi. Se la storia è quella, e la cultura pure, sarà difficile che la politica e le scelte elettorali ne prescindano. I due schieramenti contendono di brutto su dettagli, episodi e fattarelli ma nella sostanza, oltre che sull'Europa, la pensano nello stesso modo anche su STATO TASSE E MANETTE. "Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma ....".

Cosean

Mer, 02/12/2020 - 19:46

Quindi se io dono dei soldi per i frigoriferi e sono lombardo... sto dando del denaro alla Destra? Siete sicuri che non vi state scervellando troppo per denigrare la parte a voi sgradevole?

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 03/12/2020 - 11:16

cosa non farebbero i benetton per tenersi la concessione..sui pidioti stendiamo un..tendone pietoso!!

Alfa2020

Gio, 03/12/2020 - 13:09

Ma ci devovono cambiare il nome invece di sinistra partito della dittatura questo e il comunismo