I tifosi del Verona gridano "scimmie" ai calciatori del Napoli

Episodio di razzismo nel pre-partita di Verona-Napoli: durante la lettura della formazione ospite, i tifosi di casa hanno urlato a ogni giocatore "scimmia"

I tifosi del Verona gridano "scimmie" ai calciatori del Napoli

Non è la prima volta che succede. E purtroppo non sarà neanche l'ultima. Sabato sera, pochi minuti prima dell'inizio della partita Verona-Napoli, durante la lettura della formazione ospite i tifosi di casa hanno urlato all'unisono "scimmia" nei confronti di ogni singolo calciatore napoletano. (clicca qui per vedere il video)

Un bruttissimo episodio di razzismo che rappresenta una triste abitudine di una parte del pubblico gialloblù, abituato a fare lo stesso tutte le volte che una squadra rivale scende in campo sul prato dello stadio "Bentegodi".

L'usanza di dare della scimmia ai giocatori ospiti è radicata da molto tempo nella tifoseria veronese e funziona in questo modo. Come avviene in tutti gli stadi d'Italia, poco prima che le squadre scendano in campo lo speaker dello stadio legge le formazioni del Verona e della squadra avversaria.

I giocatori di casa vengono salutati con un classico "Olè", mentre quelli ospiti, se sgraditi, sono oggetto di scherno. Ma non si tratta di una banale presa in giro o di uno "sfottò" (come viene chiamato in gergo), bensì di un insulto a sfondo razzista che non rende onore a chi lo fa.

Nel corso degli ultimi anni, diverse società si sono lamentate di questa abitudine razzista dei veronesi, ma la Figc non è mai andata oltre a semplici richiami e multe da qualche migliaio di euro. Una reazione giudicata insufficiente dal pubblico napoletano e da diverse società di Serie A e B, che hanno chiesto di punire in maniera severa il razzismo dei veronesi.

Intanto questa squallida abitudine va avanti, a dispetto dei valori di lealtà, fair-play e rispetto dell'avversario che dovrebbero animare lo sport e in particolare il calcio.

Commenti