I veri dissidenti sono i governisti

I Cinque Stelle si sono autoeliminati. Le ventiquattr'ore tra il 17 e il 18 febbraio vanno segnate sul calendario della politica italiana.

I Cinque Stelle si sono autoeliminati. Le ventiquattr'ore tra il 17 e il 18 febbraio vanno segnate sul calendario della politica italiana. Non solo per la fiducia a Mario Draghi, ma anche per l'implosione dei grillini. Plastica. Evidente. In diretta tv. I 15 senatori e i 16 deputati che non hanno votato la fiducia al governo Draghi, hanno innanzitutto sfiduciato Crimi, Grillo, Di Maio e tutti i vertici del Movimento. Che hanno immediatamente provveduto ad espellerli. Tagliandosi fuori loro stessi dal gruppo. Perché forse bisognerebbe cambiare il punto di vista, indossare un altro paio di occhiali: cosa c'entra un Movimento pauperista, anticapitalista, allergico alla finanza, intollerante alle grandi opere, filo cinese e antieuropeista con l'esecutivo di Mario Draghi? Niente.

I Cinque Stelle sono quelli che chiamavano prenditori gli imprenditori, che demonizzavano i vaccini, che teorizzavano la decrescita felice e che volevano portare in tribunale per i guai di Mps tale Mario Draghi, davanti al quale oggi si sdilinquiscono in pelosi salamelecchi. E, da questa angolatura, gli espulsi sono i 69 senatori e i 153 deputati che hanno deciso di appoggiare il nuovo governo, che è esattamente l'antitesi del grillismo per come è nato e per come ce lo hanno raccontato in tutti questi anni. Sono loro che hanno lasciato il Movimento, non viceversa. Sono i becchini - teleguidati - che hanno seppellito definitivamente le stelle di Casaleggio. Dunque ha perfettamente ragione l'ex ministro e neo pasionaria Barbara Lezzi a protestare e candidarsi per il direttorio del Movimento. La stessa Lezzi che, non dimentichiamolo, sosteneva che a Taranto si potessero tranquillamente sostituire gli impianti dell'Ilva con la mitilicoltura, cioè l'allevamento di cozze: apoteosi del pensiero economico pentastellato. È cento volte più grillina lei del Beppe Grillo che marcia su Roma per costringere i suoi a votare Draghi. Non è un caso che tutti i sondaggi convergano sul fatto che un elettore dei Cinque Stelle su due non abbia fiducia in SuperMario. Ed è normale: perché è tristemente intuibile che un deputato appoggi qualunque esecutivo per non perdere poltrona, stipendi e prebende, ma per quale motivo un elettore dovrebbe seguirli in questo peregrinare sbandato da un governo all'altro nella totale contraddizione di se stessi? Il Movimento era già spaccato da mesi e la scissione, tra quelli che continuano ad essere devoti al credo del Vaffa e quelli che si sono convertiti alle buone maniere da damigella vittoriana, era inevitabile. Due anime incompatibili, che hanno convissuto - fino a ieri - solo perché tengono famiglia. Grillo, da vero guitto, nel giorno del funerale della sua creatura politica, fa il pesce in barile e svicola con una delle sue uscite surreali: «Ora i grillini non sono più marziani». Ma sarebbe più corretto dire che i grillini non sono più grillini. Ed è una buona notizia. Ma forse anche Beppe Grillo, quello che ha dato il nome alla ditta, dovrebbe iniziare a porsi qualche problema di identità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 19/02/2021 - 17:25

IN POLITICA NON ESISTE L'IMPOSSIBILE MA ... TUTTO IL POSSIBILE PUR DI ELIMINARE IL TUO ANTAGONISTA.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 19/02/2021 - 18:30

Premesso che i 5stelle rappresentano il peggio della politica italiana, bisogna tuttavia riconoscere le buone ragioni dei "ribelli". Grillo ed i degni compagni di merende hanno tradito quelli che erano i capisaldi della loro ideologia, rimangiandosi l'inverosimile, ivi compreso l'ostracismo nei confronti di Draghi. Hanno digerito tutto ed il contrario di tutto. Non tutti però hanno quello stomaco...quindi, in realtà, quelli che si sono posti fuori dal movimento sono proprio coloro che hanno votato a favore di Draghi.

ItaliaSvegliati

Ven, 19/02/2021 - 19:09

FINALMENTE CE NE LIBERIAMO!!! Dalle STELLE ALLE STALLE!!!

leopard73

Ven, 19/02/2021 - 19:15

Vergognati CIARLATANO ROSSO KOMUNISTA vai a NASCONDERTI!!!

Ritratto di saggezza

saggezza

Ven, 19/02/2021 - 19:29

i veri dissidenti sono i loro ex elettori

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 19/02/2021 - 19:37

Se non sbaglio Grillo ha creato il M5S, con qualche collaboratore. Ma ora mi sembra arrivato alla fine della sua strada politica, mentre il M5S si sta sciogliendo in continuazione. Addio!