Inferno a Genova, nave abbatte la torre piloti: sette vittime

Una porta-container, la Jolly Nero della compagnia Messina, è finita contro la torre di controllo facendola crollare insieme alla palazzina piloti: sette vittime e quattro dispersi

Notte di maggio dai colori infernali quella che questa notte ha infiammato il cielo di Genova: la Jolly Nero, una nave porta-container in uscita dallo scalo, ha sbagliato manovra e ha urtato la torre-piloti del porto uccidendo sette persone, ferendone altre quattro e disperdendone due. Il bilancio dell’incidente è tragico, ma c'è un altro dato che getta un'ombra sul porto del capoluogo ligure: un episodio del genere non era mai avvenuto.

Erano da poco passate le 23:30 quando la Jolly Nero, una porta container di 40.594 tonnellate della a flotta della Ignazio Messina & C. stava lasciando lo scalo quando ha completamente sbagliato manovra "entrando" nella Palazzina piloti, dove operano e vivono molti dei piloti della Capitaneria di porto di Genova. La nave era diretta a Napoli e avrebbe poi fatto rotta per Port Said, Aqaba, Jeddah, Abu Dhabi, Gibuti, Suez, Misurata e Castellon. Subito dopo l’urto la torre si è inclinata di 45 gradi e molte persone o sono rimaste intrappolate all’interno o sono cadute in mare. "La Torre è venuta giù di colpo - ha raccontato un testimone ancora impaurito - ero nell’ufficio del check point quando ho sentito un boato e subito dopo tre ragazzi passare di corsa urlando spaventati 'La torre, la torre!'. Sono uscito e la torre non c’era più, al suo posto c’era la prua della nave". Le sette vittime accertate sono quattro militari della Guardia Costiera, Daniele Fratantonio (30enne di Rapallo), Davide Morella (33enne di Biella), Marco De Candussio (40enne di Lavagna, ma originario di Barga) e Giuseppe Tusa (25enne di Milazzo), il pilota Michele Robazza (31enne di Livorno), l’operatore radio dei rimorchiatori Sergio Basso (50enne genovese) e l’operatore radio dei piloti Maurizio Potenza (50enne genovese). I due dispersi che mancano ancora all’appello sono il sergente Gianni Jacoviello (33enne di La Spezia) e il maresciallo Francesco Cetrola (38enne di Santa Marina). Le quattro persone ferite nell'incidente, invece, sono Enea Pecchi (40enne pavese in prognosi riservata) e Raffaele Chiarlone (36enne di Cuneo), entrambi ricoverati all’ospedale Galliera, e Gabriele Russo (32enne messinese) e Giorgio Meo (35enne di Taranto, ritrovato sotto le macerie della torre), entrambi ricoverati al Villa Scassi di Sampierdarena.

"Siamo sconvolti, una cosa così non era mai successa nell’intera storia del nostro gruppo - ha commentato l’armatore Stefano Messina quasi in lacrime - siamo senza parole, disperati". Messina è subito accorso in porto appena saputa la notizia. Con lui sono arrivate anche le autorità cittadine, a cominciare dal sindaco, Marco Doria, e dal presidente dell’Autorità Portuale di Genova, Luigi Merlo. "È una tragedia terribile. Siamo sconvolti, senza parole - ha spiegato Merlo - è un incredibile trauma per tutta la comunità portuale". La procura di Genova ha disposto il sequestro della scatola nera e ha aperto un’inchiesta sulla tragedia: il motore della Jolly Nero potrebbe avere avuto un’avaria che le ha impedito di seguire la giusta rotta per uscire dal porto. Nell'indagine sono indagati sia il comandante Roberto Paoloni, 63enne genovese, sia il pilota del porto che era al timone della nave. Al momento, infatti, Merlo ha già fatto sapere che la porta-container non doveva essere lì: "La nave stava uscendo, di questo siamo certi. Ma una nave di quelle dimensioni non fa manovra lì". "Non siamo ancora in grado di definire le cause - ha spiegato il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi - tra quelle ipotizzabili ci sono un’avaria al sistema di propulsione della nave, eventuali problemi ai cavi di trazione dei rimorchiatori, difetti di accosto o velocità della manovra".

Dalle prime testimonianze raccolte, sembrerebbe che due motori si siano bloccati e che la nave sia pertanto divenuta ingovernabile. La torre è stata colpita dal fianco sinistro della poppa della nave, in quel momento carica di container. L’incidente è avvenuto al Molo Giano. Numerosissimi i mezzi dei vigili del fuoco, delle forze dell’ordine e dei soccorritori intervenuti in porto, decine le pilotine utilizzate per perlustrare il bacino alla ricerca dei dispersi.

"Una tragedia grande": il presidente del Consiglio, Enrico Letta, si è limitato a questo commento arrivando questa sera all’ospedale Galliera a
Genova per salutare i due ricoverati rimasti feriti nell’incidente in porto. Dopo aver salutato anche gli altri due del Villa Scassi, Letta intende fare un sopralluogo in porto.

È sempre più consistente l’ipotesi che a causare l’incidente al porto di Genova sia stata una avaria della Jolly Nero. Si apprende da fonti investigative. Il comandante del rimorchiatore Spagna grida al pilota via radio: "Non c’è più acqua, che fate?". Il pilota risponde: "Non ho la macchina" frase per
dire che non entrava la marcia avanti.

Secondo quanto emerge dal racconto dei testimoni, la rotazione della nave era in atto nel bacino di evoluzione, ma non è stato fermato il "moto indietro".
Quando la nave è arrivata a circa 100 metri dalla torre, dal rimorchiatore di poppa, Spagna, è partito l’allarme. Il cargo, in quella fase, secondo quanto emerso, era pesante 45 mila tonnellate e procedeva a 3,5 nodi di velocità rispettando le regole di manovra. I rimorchiatori - lo Spagna traina 72 tonnellate, il Genoa, che era a prua, 60 - hanno il compito di far ruotare la nave, ma non sono in grado di fermarla in pochi metri in caso di avaria.

Commenti

mariano1963

Mer, 08/05/2013 - 08:55

Un pensiero chiaramente alle vittime, mi chiedo pero' come mai una torre di oltre 50 metri cosi' a ridosso del mare.

franco@Trier -DE

Mer, 08/05/2013 - 08:57

Vabbè se hanno assolto Skettino con 33 morti sulla coscienza assolveranno anche questo comandante con soli 3.

Giacinto49

Mer, 08/05/2013 - 09:25

Dolore per le vittime, l'incidende purtroppo è sempre in agguato. Auspicabile una stretta al buonismo e al garantismo. Chi sbaglia,a qualsiasi titolo e purtroppo per lui, paghi rapidamente e pesantemente senza tanti se e tanti ma (Schettino docet).

enricotartagni

Mer, 08/05/2013 - 09:29

mi viene da pensare all'attracco turistico a Porto Corsini...mah!

BlackMen

Mer, 08/05/2013 - 09:59

franco@Trier -DE: un bel qualunquismo da 4 soldi il suo...un pò difficile essere assolti prima del processo non crede? E per la cronaca Schettino è stato rinviato a giudizio a febbraio.

giuly dx

Mer, 08/05/2013 - 10:15

franco@Trier -DE - 08:57 Non è obbligatorio dire sempre la propria opinione, senza conoscere nulla di quanto si asserisce con il solo scopo di denigrare tutto quello che avviene in Italia "Un bel tacer non fu mai scritto!" E' stato un guasto tecnico a causare l'incidente ed il comandante, in questo caso, come avviene in qualsiasi porto del mondo non è il responsabile in quanto il comando della nave viene assunto da un esperto Pilota (collega dei morti e dispersi) il quale di mestiere conosce ogni centimetro quadrato del "porto" ed è lui che, salito a bordo, porta la nave all'ormeggio quando arriva oppure la porta fuori della diga foranea quando salpa. Schettino non centra nulla di nulla. P.S. Un pensiero alle famiglie delle vittime.

Ritratto di depil

depil

Mer, 08/05/2013 - 10:33

Nessuno farà una vera inchiesta su chi ha progettato e su chi ha realizzato e con quali materiali una simile torre nella rossissima Genova. Una torre che si è sgretolata dopo l'urto di una nave rimorchiata a solo 4 nodi di velocità. Comandante della Capitaneria di Porto dove Ca**o era lei in tutti questi anni?

aquiladellanotte55

Mer, 08/05/2013 - 11:10

depil lei non ha proprio idea di quale forza d'inerzia disponga una massa di diciassettemila tonnellate lanciata a una velocità di "soli" 4 nodi. prima di fare considerazioni basate sulla sua ignoranza si informi.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 08/05/2013 - 11:25

depil: e con questa sparata sulla responsabilità dei "rossi" credo vincerai il premio per il post più idiota della giornata...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 08/05/2013 - 11:31

@depil ....ha una vaga idea di che inerzia è implicata nel moto di una nave di 40.000 tonnellate di stazza?

BlackMen

Mer, 08/05/2013 - 11:37

depil: lei è come un eschimese che parla di deserto

Raoul Pontalti

Mer, 08/05/2013 - 11:59

Cordoglio per le vittime. Commento a caldo: con quali criteri di sicurezza è stata realizzata la torre di controllo? con alloggi per piloti e senza protezione da collisioni? E ancora: ma il pilota (che per definizione conosce il porto con tutte le insidie) era ubriaco? come ha potuto consentire una manovra proprio lì anche ammettendo avaria della nave (al timone, ai motori, etc.)? E i colleghi della torre di controllo hanno lasciato fare?

maxmello

Mer, 08/05/2013 - 12:01

depil: "solo" 4 nodi??

Raoul Pontalti

Mer, 08/05/2013 - 12:18

Il commento di depil in verità è meno ebete di quanto appaia a certi commentatori i quali tra l'altro ignorano che le distese di ghiaccio dove vivono gli equimesi sono puro deserto, spesso più "desertico" di quello di sabbia o pietre. L'autorità marittima comprendente la capitaneria di porto si occupa proprio di sicurezza della navigazione mentre l'autorità portuale, con le sue articolazioni, sovrintende alla materiale movimentazione delle navi e rilascia anche licenze per le strutture come quella crollata per la collisione della Jolly Nero.

degrel0

Mer, 08/05/2013 - 12:28

Non ci sono ancora spiegazioni ufficiali e già si commenta pro o contro sparando sciocchezze a tutto spiano.Una preghiera per le vittime no?

alfiuccio78

Mer, 08/05/2013 - 12:28

L'assoluzione di Schettino è stata vergognosa...e poi concordo con Depi, quella torre non doveva stare lì in prossimità di collisioni, ma piu' rientrata..

mar75

Mer, 08/05/2013 - 12:35

@depil: l'energia di una nave da 40594 tonnellate che si sposta a una velocità di "solo" 4 nodi corrisponde all'energia di una macchina del peso di 1000 kg che si muove a 1492,56 km/h! Oltretutto la nave è abbastanza alta e ha colpito la torre quasi al vertice quindi l'ha abbattuta ancora più facilmente.

BlackMen

Mer, 08/05/2013 - 12:42

Raoul Pontalti: beh in effetti, se rapportato al suo, appare si molto meno ebete. Non c'è struttura al mondo che possa resistere allo scontro con una nave di 240 metri lanciata a 4 nodi (quasi 8 km/h)

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 08/05/2013 - 12:43

Raoul Pontalti 11:59 scrive: "Commento a caldo … ma il pilota (che per definizione conosce il porto con tutte le insidie) era ubriaco? come ha potuto consentire una manovra proprio lì anche ammettendo avaria della nave" - - - Penso che il suo commento sia stato redatto troppo a caldo. Non mi è chiaro comunque il suo apprezzamento in merito al pilota; se la nave era in avaria e ingovernabile, come lei afferma esser possibile, cosa vuol dire "consentire una manovra proprio lì"? Di lì o di là la nave era entrata e di lì o di là doveva necessariamente uscirne. Sarebbe più prudente aspettare di sapere qualcosa con più precisione prima di qualificare come incompetente, o ubriaco come dice lei, chicchessia.

BlackMen

Mer, 08/05/2013 - 12:45

alfiuccio78: ma chi ve l'ha detta questa cosa dell'assoluzione di schettino? Non è vero che è stato assolto, tutt'altro...è stato rinviato a giudizio. A dire il vero è impossibile che lo sia stato semplicemente perchè il processo non è ancora stato celebrato.

aquiladellanotte55

Mer, 08/05/2013 - 12:49

Certo che se non si vuole capire.....d'altronde un vecchio proverbio popolare dice "è inutile spiegare le cose all'asino, si perde tempo e si innervosisce la bestia" cordialmente.

BlackMen

Mer, 08/05/2013 - 12:54

alfiuccio78: "quella torre non doveva stare lì in prossimità di collisioni"...genio!

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 08/05/2013 - 13:16

strano, ancora nessuno ha dato la colpa a grillo.

cgf

Mer, 08/05/2013 - 13:27

il porto di Genova è inadeguato per le esigenze del terzo millenio, anche la Capitaneria dovrebbe essere chiamata in giudizio e tutti coloro che hanno responsabilità nella gestione dello stesso porto. CMQ viste le tariffe per far arrivare/spedire la merce a/da Genova c'è ancora chi usa questo porto?

Lo Gnostico

Mer, 08/05/2013 - 13:28

Per fare piacere al "GENIO" Blackmen LA TORRE DI CONTROLLO DEL PORTO DI GENOVA verra' ricostruita sopra le Tre cime di Lavaredo. CASPITA!!!! E dove vuoi mettere una torre di controllo? Il piu' vicino possibile allo specchio d'acqua per avere un "CONTROLLO A VISTA" che e' il solo che garantisce sirurezza massima ALLA NAVIGAZIONE. Una preghiera per i cinque operatori scomparsi.

Lo Gnostico

Mer, 08/05/2013 - 13:29

strano, Grillo non ha ancora dato la colpa ai politici

blackbird

Mer, 08/05/2013 - 13:32

@ ersola: per forza: è colpa di Berlusconi!

Pazz84

Mer, 08/05/2013 - 13:36

@ersola certo, perchè è tutta colpa dei "kompagni". Tutti li al porto erano komunisti, doveva esserlo pure il kapitano della nave. Lo era pure il progettista della torre piloti. Anche il progettista di quell'aberrante struttura sul mare costruita nel porto de la Maddalena per il finto G8 era komunista. Ah no aspetta... quello era amico di amici

blackbird

Mer, 08/05/2013 - 13:39

@Lo Gnostico: strano, RAI3 non ha ancora dato la colpa a Berlusconi.

Raoul Pontalti

Mer, 08/05/2013 - 13:40

UominiNeri (BlackMen) Voi siete dei castroni che non capite il senso dei commenti: il problema non è la resistenza di una struttura alla enorme forza d'urto sviluppata da una massa in collisione come quella della Nero Jolly ma come sia possibile che una torre di controllo sia collocata senza protezione dalle pur sempre possibili collisione come per l'appunto questa notte si è verificata. Altra questione è l'operato e dei piloti di porto(sia quello salito a bordo della nave che quelli operanti nella torre di controllo) e degli uomini in plancia sulla nave. La manovra fu in ogni caso scorretta e gli esiti stanno a dimostrarlo, perché poi sia stata consentita, perché non c'era rimorchiatore per girare la nave (che pare fosse in avaria), etc. questo dovrà essere appurato alle opportune indagini. Da parte mia, basta rileggere i miei commenti, non vi è ovviamente alcuna discussione sulla resistenza della struttura qa urti di quel tipo, bensì, lo ripeto, sulla collocazione della stessa in assenza di protezione e sull'operato di chi manovrava da un lato e di chi ha consentito di manovrare dall'altro.

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 08/05/2013 - 13:46

franco@Trier –DE 08:57 – Commento più idiota del suo penso sia difficile anche per lei. La prossima volta invece di sparare fregnacce senza sapere un Klinz-Von-Kuraz di cosa sia successo e perché, provi a riempire la bocca con una würstel avvolta nei crauti. – (4° invio)

Ritratto di alejob

alejob

Mer, 08/05/2013 - 13:51

Inutila fare commenti prima di sapere la verità sull'accaduto. Per prima cosa dobbiamo portare cordoglio alle vittime e poi si troveranno le "Infinite vie come al solito" di come è successo.

cgf

Mer, 08/05/2013 - 13:52

NB l'incidente e' avvenuto nel corso dell'usuale manovra di uscita dal Porto assistita dai rimorchiatori e con il pilota a bordo.

Ritratto di etasrl

etasrl

Mer, 08/05/2013 - 14:06

è stato fatto un immediato prelievo di sangue da tutte le persone comunque riconducibili agli eventi?,senza offesa per nessuno,anzi. un adulto su due assume regolarmente cocaina ed affini.

gianluca....64

Mer, 08/05/2013 - 14:10

certo che a leggere alcuni commenti (nn tutti fortunatamente) viene da sbattere la testa! chi pretende di sapere, chi dà la colpa a questo e quello, e la torre troppo alta e vicina al mare, e andava "solo" a 4 nodi ... ma secondo voi, un mostro di 250metri per 35 di larghezza e 40ml tonn di peso che toglie gli ormeggi per salpare dal porto, uno dei momenti più cruciali della navigazione, non lo fa con uno staff di professionisti a bordo e a terra? Secondo voi il comandante era a cena con una ballerina russa? Oppure ha avuto un colpo di sonno? Questo è un maledetto incidente sul lavoro, e ad oggi nessuno può sapere da cosa sia stato causato, l'unica cosa certa è che sette lavoratori hanno perso la vita, e forse purtroppo di più, e questo fatto non si può commentare.

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 08/05/2013 - 14:11

Raoul Pontalti 13:40 scrive: 1) "… La manovra fu in ogni caso scorretta e gli esiti stanno a dimostrarlo …" - - - Ammesso e non ancora concesso che la manovra fu in ogni caso scorretta, gli esiti non hanno ancora dimostrato perché, se per errore umano o guasto tecnico. – 2) "… perché non c'era rimorchiatore per girare la nave (che pare fosse in avaria) …" - - - Mi risulta che la nave fosse assistita da DUE rimorchiatori (prua e poppa) i quali spingono e/o tirano a seconda delle esigenze. – Per quanto mi concerne, posso solo immaginare che il guasto (motori e/o timone ) sia stato repentino e, considerato la ridotta distanza dal molo, non ci sia stato tempo sufficiente per evitare l'impatto (malgrado i rimorchiatori). Una simile massa in acqua non reagisce ipso-facto come un mezzo terrestre.

gamma

Mer, 08/05/2013 - 14:17

Quello che tutti si stanno chiedendo sul web è come mai una torre così alta sia stata costruita così vicina all'acqua. E se anche fosse stato necessario costruirla in quella posizione si sarebbero dovuti predisporre degli ostacoli in acqua proprio per evitare un evento come questo. Io penso proprio che la colpa non sia della nave (una nave può avere una avaria e non può frenare come se fosse un motorino) ma della assoluta idiozia di una costruzione di 50 metri a pelo d'acqua senza alcuna protezione.

Raoul Pontalti

Mer, 08/05/2013 - 14:31

abj14 il sole d'Africa Ti fa male. Il mio commento a caldo è strettamente legato a quanto si apprende dai giornali "on-line". Rimane il fatto che certi incidenti non devono accadere e specie a carico di navi oltre una certa stazza per le quali sono previsti norme ed accorgimenti particolari sia in navigazione che nelle manovre portuali. Per quelle navi in porto è obbligatorio il pilota e spesso si ricorre a rimorchiatori. Anche in caso di avaria la nave deve restare in sicurezza, grazie alle ridondanze strumentali e alle azioni vicarianti di altri organi (es.: in caso di avaria al timone si manovra con le eliche, si fa anche macchina indietro, etc.). All'uscita del porto, con mare piatto e visibilità ottima e sotto la supervisione della torre di controllo come è possibile andare in collisione in quel modo? Chi ha comunque sbagliato? il responsabile dell'autorità portuale stamane ha dichiarato che lì la nave non doveva essere né manovrare, ciò che significa che ha manovrato: perché? chi lo ha consentito? gli ubriachi responsabili del traffico portuale o quelli al governo della nave? Tra l'altro una nave della stessa compagnia armatrice tempo fa era andata a sbattere contro il molo: qui si fu colpa di ubriachi. Ripeto e ribadisco i concetti espressi: certi incidenti "non possono" avvenire, se si verificano significa che si è sbagliato o nell'operare (manovrare) o nel progettare (collocazione della torre e sue protezioni)o in entrambi i casi. Anche l'improvvisa avaria della nave lascerebbe comunque intendere dei difetti nelle manutenzioni e nei controlli ossia nella gestione della flotta per tacere della capacità di gestione dell'avaria stessa da parte degli ufficiali della nave.

Stella

Mer, 08/05/2013 - 14:39

Nasce spontanea una domanda: ma che cavolo di ingegneri escono dalle università? Abbiamo costruzioni che sono lì da migliaia di anni e i nostri manufatti di cemento armato e acciaio e tecnologia avanzata tuttavia vengono giù come stuzzicadenti! Sono indignata e naturalmente molto dispiaciuta per le vittime e i loro familiari!

aquiladellanotte55

Mer, 08/05/2013 - 14:51

@gamma,pontalti e affini, visto che siete delle cime, e che avete già concluso che la collocazione della struttura era sbagliata, vi pregherei di darci la giusta dislocazione delle strutture simili negli altri porti d'Italia affinche tragedie come questa non abbiano a ripetersi.............seriamente ma non vi vergognate a dire tutte ste stronzate?

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 08/05/2013 - 14:54

Mi raccomando ... adesso tutti esperti di ingegneria strutturale, di posizionamento delle torri di controllo etc etc. L'unica cosa saggia da fare sarebbe attendere le prime ricostruzioni della vicenda, chiarendo che tipo di avaria sarebbe avvenuta e a quale apparato (timoni, motore, apparati ausiliari quali eliche di manovra, se presenti), nonché di appurare la presenza ed il ruolo svolto dai rimorchiatori. Piccole nozioni marittime: il comandante è sempre responsabile della condotta della navigazione, anche con il pilota a bordo; la nave certamente possedeva una forza d'inerzia colossale pur andando a lento moto, però non fate calcoli approssimativi usando le "tonnellate di stazza" della nave che avete sentito dagli organi d'informazione, perché la stazza, malgrado il(vecchio) nome della sua unità di misura possa confondere, è una misura di volume e non di peso.

Ritratto di depil

depil

Mer, 08/05/2013 - 15:07

aquiladellanotte55 il suo nick name dice tutto, l'eroe degli idioti, quello che spara, tanto i proiettili colpiscono i cattivi a prescindere. La torre era inidonea e posta in posizione criminale, ma Genova è una città particolare dove tutto è deciso (compresi i progetti e gli esecutori) nella sede del partito fascista poi rinominata sede del partito comunista. compresi i magistrati ed i comandanti della capitaneria di porto che si sono susseguiti nell'ultimo secolo. faccia una cortesia taccia farà meno nauseabonda figuraccia.

Ritratto di boscone

boscone

Mer, 08/05/2013 - 15:12

Aquila dell sera!!! con i controlli satellitari, la torre di controllo del porto di Genova poteva essere ubicata benissimo nel porto di Trieste. STUDIA!!!!!

antiom

Mer, 08/05/2013 - 15:13

Siccome a me appare paradossale questo incidente, con catastrofiche conseguenze alle strutture del porto, come e più di quello dell'isola del Giglio: non posso che pesare e dire che in Italia non ci sono più gli uomini di una volta! Del variegato mondo lavorativo, amministrativo e politico.

Ritratto di boscone

boscone

Mer, 08/05/2013 - 15:14

state a vedere ch adesso il controllo del traffico aereo avviene a vista. ahaahaahh ma nascondetevi !!!!

Ritratto di etasrl

etasrl

Mer, 08/05/2013 - 15:23

si indaghi sulla droga!

Raoul Pontalti

Mer, 08/05/2013 - 15:36

aquila della notte (nella testa, posto che l'aquila è volatile esclusivamente diurno)il fatto che la torre sia crollata per collisione dimostra che la collocazione era sbagliata in termini di sicurezza: doveva essere quindi più arretrata o essere fornita di protezione dalle collisioni. La Stella se la prende con gli ingegneri e fa bene perché troppo spesso si dimenticano della questione sicurezza e sono riluttanti a consultare specialisti in altri campi (vedasi ad es. il caso Vajont: l'opera ingegneristicamente ineccepibile non aveva tenuto conto della...geologia e così la montagna crollò, la diga resse a onor degli ingegneri, ma un paese fu spazzato via dall'acqua stravasata e con esso la vita di 2.000 persone). Sempre il volatile che di notte va ma di pedina perché se vola sbatte dove siano negli altri porti le torri di controllo, quando esistenti, lo sa dire? A Livorno ad esempio?

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Mer, 08/05/2013 - 15:58

Spero che nelle indagini in corso per questo grave, tragico, incredibile incidente venga esaminata in dettaglio anche la progettazione della stessa torre. Sembra incredibile che basti un errore di manovra o una avaria di un motore che comporti una rotazione inconsueta della stessa, per provocare la totale immediata demolizione della torre. Si tenderebbe assumere che nessuna nave possa mai in qualsiasi, per quanto imprevedibile o insolita situazione raggiungere e abbattere con forza la torre di controllo.

franco@Trier -DE

Mer, 08/05/2013 - 16:07

forse qualche attentato dei musulmani o congolesi.Black Men a Skettino non faranno niente credimi gli hanno offerto un altro comando su altra nave e forse verrà assunto al Ministero della Marina Mercantile.Giuly a parte che mentre la nave Costa urtava il sasso la romena moldava stava facendo un tiramisù a Skiettino, poi qui mi sa di odore di attentato il pilota è un esperto di simili manovre qui c'e lo zampino di qualche extracomunitario musulmano o congolese di quelli che voi comunisti rossi amate da 68 anni dicevo amate alla follia.Ausonio,aquiladellanotte non vedete che depil è una donna? il loro coefficiente di intelligenza è molto più basso di noi uomini,abbiate un po di comprensione e pietà se uno non arriva a capire.Ersola diamo la colpa a chi politicamente comanda Genova.

Ritratto di Vizegraf

Vizegraf

Mer, 08/05/2013 - 16:19

Per il sig. R. Pontalti: non intendo intromettermi nella polemica tra Lei ed altri commentatori circa i fatti in questione non essendo io esperto in queste problematiche (conduzione del mezzo navale od ubicazione di strutture asservite a funzioni marittime di controllo), noto però che Lei fa ricorso come in altre circostanze (vicenda Marò) al termine "ubriachi", ovviamente con valenza assolutamente negativa. Mi domando : ma Lei sig. Pontalti è astemio? Cordiali saluti Vg.

aquiladellanotte55

Mer, 08/05/2013 - 16:35

depil io non la conosco e non l'ho offesa ma vedo che lei in mancanza di argomenti mi da dell'idiota,beh si guardi allo specchio e ne vedrà uno grande e grosso e sempre a portata di mano. Boscone lei invece non merita nemmeno una risposta.

External

Mer, 08/05/2013 - 16:39

Dopo aver letto i commenti, ed alcuni in particolare, si evince che oltre ad essere un popolo di santi e di navigatori, gli italiani sono composti da un buona parte di idioti. Chi pontifica e pretende di spiegare l'accaduto e chi, non avendo niente da fare, commenta tutti gli articoli scrivendo idiozie ed attaccando gratuitamente l'Italia pur non vivendoci.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 08/05/2013 - 16:47

@vizegraf: non so se il signor Pontalti sia astemio... però di sicuro, se anche lo fosse, ciò non gli impedirebbe di essere un grande esperto di ogni vino, vitigno, zone e metodi di produzione di ogni parte del mondo :-)

Ritratto di boscone

boscone

Mer, 08/05/2013 - 16:51

Ho fatto 2 calcoli. Con le vittime di oggi sommate con quelle dell'isola del Giglio la mortalità in percentuale del trasporto marittimo è pari agli anni precedenti l'invenzione del radar.

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 08/05/2013 - 16:52

@ Raoul Pontalti 14:31 - - - Senta Sior "Ocio-che-so-tuto-mi" : Veda di curarsi; preferibilmente con l'ausilio di ridondanze strumentali e di azioni vicarianti di altri organi.

Ritratto di boscone

boscone

Mer, 08/05/2013 - 16:56

aquilotto, in poche parole lei la rifarebbe allo stesso posto ? errare è umano, perseverare non è marittimo !!!

chiara2012

Mer, 08/05/2013 - 17:01

trier,lei mi fa vomitare.lei,in sintesi ha un cervello primordiale,lei non corticalizza.va bene in germania,non ci affligga.

Ritratto di boscone

boscone

Mer, 08/05/2013 - 17:04

non se avete notato. ma i commenti più intelligenti sono senza ombra di dubbio i miei.

cicikov

Mer, 08/05/2013 - 17:06

se i poeti sono come Fò e i navigatori sono come Schettino e questi, mi sa che i Santi non ci basteranno.

Acquila della notte

Mer, 08/05/2013 - 17:13

+franco@Trier -DE gente come te bisognerebbe mandarla in siberia. idiota! ma come puoi scrivere queste cose con 7 morti accusando il pilota senza sapere come siano andate le cose!?!??! vergognati!!!!!!

emigrante48

Mer, 08/05/2013 - 17:21

X Depil. prima di scrivere c@xx@te, pensa bene, respira a fondo, rifletti, ossigena la eventuale materia grigia che hai dopo di che puoi commentare. Altra cosa, buttare sempre e tutto in politica a volte é deleterio, sopratutto di fronte a tragedie, poi ti diró, rossi, bianchi, azzurri, verdi, o neri tutti uguali sono, APPROFITTATORI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

macchiapam

Mer, 08/05/2013 - 17:22

Insomma: purtroppo sono cose che possono succedere. Chissà mai perchè, ma lo insegna la statistica. Quando le operazioni del sistema sono tanto complesse, qualcosa, ogni tanto, può andare storta. E andare alla ricerca delle responsabilità è comunque un'operazione di retroguardia, che può in qualche modo soddisfare (si fa per dire) i danneggiati, ma non rimedia il rischio di fondo. La tecnologia (si dice così) è terribilmente complessa e, nel bene e nel male, ce la dobbiamo tenere.

alfiuccio78

Mer, 08/05/2013 - 17:41

Permettetemi di sdrammatizzare...è colpa degli zingari!!!

Raoul Pontalti

Mer, 08/05/2013 - 18:00

no Vizegraf, o Visconte, bevo il vino spesso e volentieri, in genere Teroldego e Nosiola (vini trentini) ma anche Sylvaner, Gewuerztraminer e Lagrein (Alto Adige) e quando posso Saperavi georgiano e Shiraz iraniano, oltre a grappe ed amari, ma non sono mai stato preso in castagna con l'acooltest che dalle mie parti è spesso usato dalle varie polizie...Ma non ammetto gli ubriachi (anche in senso figurato) al volante o alla conduzione di certi mezzi. Secondo abj14 i rimorchiatori c'erano ed erano due: quindi tre comandanti, diversi equipaggi, un pilota più quelli sulla torre che dialogavano con la nave via radio, strumentazioni si suppone adeguate per nave di quella stazza e tutti assieme hanno combinato il disastro noto (io ci aggiungo anche quali responsabili quelli che hanno avuto la trovata di collocare sotto alla torre delle palazzine) con la nave che avrebbe abbordato di poppa a macchina indietro. Sicuramente il termine ubriaco è inadeguato, così come l'espressione "incoscienti criminali" ed altre consimili, ma rende l'idea relativa ad una condotta inadeguata che non trova scusanti negli avversi dei, ché Nettuno nel porto non c'era e nemmeno Eolo. Il riferimento ai marò mi mette in allarme: ma non sarai anche Tu un esemplare di quei bananas che giustificano tutto e tutti basta che la targa sia italiana? perché tanto la colpa è degli infedeli, delle razze inferiori e comunque della sfiga, come quella che fece trovare uno scoglio sommerso sulla rotta di un imbecille in prossimità del Giglio?

cgf

Mer, 08/05/2013 - 18:08

@aquiladellanotte55 sono stato anche nei porti Xangai, Singapore e R'dam, mi creda il traffico è notevolmente maggiore, ma mai ho visto torri che non fossero silos. la torre di controllo in un porto mi ricorda gli 'avvistatori di aerei nemici in avvicinamento' di Mussoliniana memoria. Non erano radar ma soldati in posti definiti stratecigi che telefonavano alla vista di aerei e/o, spece di notte, ne sentivano i motori. Sono passati 70 anni da allora!!

MARCO 34

Mer, 08/05/2013 - 18:18

Fra tutti i commenti quasi tutti incompetenti, nonchè farciti da insulti, l'unico che mi pare abbia detto cose sensate è Andrea B.che,oltretutto, ha definito la "stazza" come unità di volume e non di peso, che invece è rappresentato dal dislocamento (usato per le unità militari)che risponde al principio di Archimede. L'unica cosa che non si riesce a chiarire è se la nave aveva fatto uso dei rimorchiatori. Nel qual caso la nave, di norma non usa mezzi di propulsione propri, ed i rimorchiatori sono comandati dal pilota , il quale è solo un consulente del Comandante che rimane sempre il responsabile, facendoli manovrare secondo le esigenze. Se la nave era rimorchiata rimane veramente molto strano un simile incidente, considerando che, nel caso, prima della nave sarebbe andato a collidere uno dei due rimorchiatori. Tralascio ogni altro commento

Luke70

Mer, 08/05/2013 - 19:12

La Torre Piloti è una Torre di controllo a vista e quindi deve stare il più vicino possibile al mare... Non è possibile pensare ad una protezione che regga allo scontro di una nave di 20ml tonnellate di stazza. Si è verificato un evento tragico ma raro. Poi si capirà se le cause dipendano da guasto tecnico come sembra essere probabile o da errore umano

Ritratto di Vizegraf

Vizegraf

Mer, 08/05/2013 - 20:00

Sig. R. Pontalti, vedo che si rendono necessari alcuni chiarimenti, quindi in ordine: a) Vizegraf e non Visconte dal momento che il mio bisavolo materno che lo era, era (perdoni la cacofonia) di nazionalità austriaca. b) Ribadisco di non voler polemizzare circa questioni per le quali non ho alcuna competenza. c) Il riferimento ai Marò è dovuto al fatto che nei molti commenti da Lei inviati al proposito ha fatto scialo del termine "ubriaco/chi", quindi La prego di non allarmarsi. d) Per quanto riguarda le "targhe", mi pare che nella circostanza siano tutte italiane per cui non c'è molto da scegliere. Da ultimo vorrei dirLe che l'uso del termine dispregiativo "bananas" da parte di chi come Lei si propone come polemista capace di argomentare mi pare una caduta di stile da osteria di infimo ordine. Temo che abbia ragione il sig. ANDREA B. nel suo commento delle 16,47. Si abbia i migliori auguri e perdoni la (lieve) ironia del mio precedente commento.Vg.

Ritratto di Pelle

Pelle

Gio, 09/05/2013 - 00:05

Be' ragazzi; che dire? Le diverse vedute su questa tragedia le trovo molto singolari, ritengo che si debba rispettare qualsiasi osservazione..magari non condiviso ma bisogna dar voce alle proprie emozioni Una NAVE così quando salpa da una banchina è super assistita sia dal personale portuale della centrale operativa la Torre crollata con la supervisione di ufficiali della Capitaneria di porto 24/24 ( l'altezza dei 55 mt serve proprio per avere un controllo visivo senza paragoni e anche la sua location aveva il suo perché ovviamente) sia dal comandante in plancia come super visore perché il timone in una Nave così in fase di ormeggio e come non averlo !!!! tu puoi anche mettere la barra a dritta senza alcun risultato o meglio con andatura 4 nodi dopo 1/2 miglio lo sente un pochino; e per non farci mancare niente con l'ausilio di un ufficiale a poppa il comandante viene guidato nella manovra. Poi ci sono i rimorchiatori che portano la nave in sicurezza considerate che i motori della nave sono accesi ma in posizione N (folle) e per nessun motivo al mondo bisogna toccarli nel momento che si lasciano le cime dalle super bitte dalla banchina...per quello che mi riguarda è stato un terribile disgrazia dovuta ad un errore umano di più persone contemporaneamente che in quel momento stavano comunque lavorando non capita tutti i giorni disgrazie così non credete? fortunatamente devo dire! Sapere che giovani hanno perso la vita mi addolora tantissimo. Destino.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 09/05/2013 - 00:16

Una domanda da incompetente: MA LE COSTRUZIONI PORTUALI NON TENGONO CONTO DELL'INGOMBRO DELLE NAVI?

Ritratto di Pelle

Pelle

Gio, 09/05/2013 - 00:19

???????

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Gio, 09/05/2013 - 07:25

SENZA SE E SENZA MA Costruire una torre a filo banchina, anzi persino spiovente nel punto in cui manovrano portacontainer e/o navi da crociera è una cosa da DEMENTI ASSOLUTI. C'è da meravigliarsi che sia successo solo adesso. Responsabile adesso è chi ha progettato, permesso e costruito. Punto e basta.

mimì di Piazza

Gio, 09/05/2013 - 08:48

La nostra solidarietà ai parenti delle Vittime,dei feriti, e di tutta la Città.Agire con rigore,ma è esagerato indagare su una ipotesi di "attentato ai trasporti", atteso che nella lingua italiana "attentato" è si un avvenimento "..atto a.." ma quando si profila una volontà e una conseguenza. mimmodipiazza

Eugen Bertold

Gio, 09/05/2013 - 08:51

Proprio così: come mai una torre alta 50 metri é stata costruita così vicino al molo e senza protezioni, dove operano navi di quella stazza? Anche se l´equipaggio della nave container dovesse avere una qualche responsabilità e finire in galera, questo non restituirebbe al vita alle vittime.

Roberto Alfano

Dom, 12/05/2013 - 12:09

Se la torre di controllo, e la palazzina-piloti adiacente, fossero state progettualmente protette dalla causa di ingovernabilita' ("guasto tecnico nella nave") che in queste ore sta emergendo, nessun disastro sarebbe avvenuto, al massimo una portacontainer finita sugli scogli od altra barriera artificiale di protezione. Protezioni da sbandamento sempre possibile delle navi. Ovvero: se io fossi il LLOYD cui adesso si chiede pagar le spese, negherei recisamente. Negherei, per: "vizi occulti progettuali" dell'opera civile. Una nave, qualunque, puo' sempre avere un guasto tecnico esattamente come un'autovettura. L'opera civile portuale DEVE prevenire la maggior parte delle evenienze. E' lo stesso identico caso dei guard-rails nelle strettoie autostradali corrispondenti ai pedaggi. I guard-rails protettivi sono duplicati ed onnipresenti. Muri di cemento o scogli artificialmente depositati li non esistono progettualmente. Chi progetto', non immagino' che una delle migliaia di navi, potesse sbandare..... Pensabilmente, fra 4-5 anni, le future palazzina e torre di controllo, saranno protette, rimedio a buoi scappati, anzi: 7 morti + 2 dispersi + 11 feriti. Root Cause unica della vicenda: incompetenza di chi firmo' i progetti.

Roberto Alfano

Dom, 12/05/2013 - 12:17

Signor Sergio Rame, autore di questo articolo, lei scrive che la causa dell'incidente sia stato un guasto nei sistemi della nave. Si sbaglia. Qualunque nave, autovettura, ...macchina in generale, puo' da chiunque controllata ed in qualunque stato si trovi, esser soggetta ad uno sbandamento. Guasti tecnici, temporanei o permanenti, sono previsti ad esempio nei guard rails delle autostrade. E, laddove lavorano in permanenza persone, come i cassieri dei caselli autostradali, i guard rails di tutto il Mondo sono 2-3 volte piu' altri. Barriere di cemento ad impedire esattamente quel contatto disastrioso che a in porto a Genova ha causato il disastro. Ma come e' possibile che quella torre di cintrollo fosse, poriva di qualsiasi barriera (scogli naturali, scogli artificiali, muri, ecc.) cosi' progettualmente vicina al mare ?

Roberto Alfano

Dom, 12/05/2013 - 12:17

Signor Sergio Rame, autore di questo articolo, lei scrive che la causa dell'incidente sia stato un guasto nei sistemi della nave. Si sbaglia. Qualunque nave, autovettura, ...macchina in generale, puo' da chiunque controllata ed in qualunque stato si trovi, esser soggetta ad uno sbandamento. Guasti tecnici, temporanei o permanenti, sono previsti ad esempio nei guard rails delle autostrade. E, laddove lavorano in permanenza persone, come i cassieri dei caselli autostradali, i guard rails di tutto il Mondo sono 2-3 volte piu' altri. Barriere di cemento ad impedire esattamente quel contatto disastrioso che a in porto a Genova ha causato il disastro. Ma come e' possibile che quella torre di controllo fosse, poriva di qualsiasi barriera (scogli naturali, scogli artificiali, muri, ecc.) cosi' progettualmente vicina al mare ?