Ispezione nell'ospedale di Pregliasco: ecco cosa sta succedendo

La Regione Lombardia ha inviato i suoi ispettori all'ospedale Galeazzi di Milano per far luce sulla polemica che ha coinvolto Fabrizio Pregliasco

Ispezione nell'ospedale di Pregliasco: ecco cosa sta succedendo

È esplosa la polemica attorno all'ospedale Galeazzi di Milano, che avrebbe rinviato gli interventi dei soggetti non vaccinati e, quindi, sprovvisti di super Green pass. L'accusa per l'ospedale ortopedico è di effettuare discriminazioni tra i pazienti. A intervenire sulla questione è stata la direzione generale al Welfare di Regione Lombardia, che ha inviato all'istituto ospedaliero una richiesta di "chiarimenti" in merito ai criteri adottati per la rimodulazione degli interventi non urgenti dei pazienti non vaccinati.

Dall'assessorato al Welfare spiegano che la richiesta, con relativo invio degli ispettori, serve per "ottenere informazioni" sui protocolli seguiti dall'ospedale. La disposizione sarebbe arrivata dal direttore sanitario della struttura, il professor Fabrizio Pregliasco, che ha confermato i fatti ma con alcune precisazioni. "Nessuna discriminazione e anzi una grande attenzione perché tutto si possa fare al meglio. Abbiamo considerato nella categoria dei fragili persone con problematiche cliniche personali o rischio infettivo. E anche l'aspetto del non essere vaccinato è un elemento che espone a un rischio infettivo che non possiamo escludere", ha spiegato Pregliasco.

Il direttore sanitario ha poi aggiunto: "Solo l'alluce valgo è quello che abbiamo un pò posticipato tutto il resto lo stiamo facendo, tanto è vero che siamo pieni, saturi nei posti Covid. Abbiamo solo trovato una criteriologia per poter diluire nel tempo una serie di interventi che, anche se fatti con un ritardo, non creano problemi alla persona e gli riducono i rischi".

Al momento dalla direzione generale Welfare non hanno elementi a sufficienza per rilasciare dichiarazioni e si riservano di acquisire maggiori elementi nei prossimi giorni per avere un quadro più completo. Intanto su Fabrizio Pregliasco si è già abbattuta la scure dei no vax, che hanno approfittato di questa situazione per nuove minacce di morte nei suoi confronti. Da Telegram arrivano gli stessi messaggi che, ormai da tempo, circolano sull'app di messaggistica preferita dai no vax. Il numero di telefono di Fabrizio Pregliasco viene preso di mira dalle frange più estreme, che indirizzano al professore messaggi violenti e minatori contro la sua persona.

Interpellato sulla vicenda, il professore Matteo Bassetti si è detto contrario alla politica adottara dall'ospedale milanese: "Io sono sempre stato duro nello spingere le persone a vaccinarsi ma non possiamo dire che se non sei vaccinato non ti curo. Non è corretto Gli ospedali devono avere dei percorsi per chi non è vaccinato, ma che deve poter fare un intervento programmato in sicurezza".

Commenti