"Un investimento con Amazon": scatta la truffa al telefono

Ecco qual è l'ultima frontiera della truffa per rubare le credenziali dei malcapitati

"Un investimento con Amazon": scatta la truffa al telefono

"Buongiorno, la contatto dal call center Amazon per proporle un investimento". E scatta la truffa. Comincia così, con una telefonata a scopo informativo, apparentemente innocua, l'imbroglio ai danni dei fedelissimi al colosso aziendale di Jeff Bezos. L'intento è quello di estorcere - ovviamente all'insaputa di Amazon - le vostre credenziali. Occhio a non cadere nel "trappolone".

Come scatta la trappola

"Buongiorno, la contattiamo dal servizio clienti Amazon". Chi parla, all'altro capo della cornetta, è una voce registrata. La telefonata è stata effettuata da rete fissa, c'è un prefisso nazionale che anticipa la successiva sequenza numerica. "Dal momento che è iscritto al programma Prime, Amazon le offre la possibilità di un investimento", continua il nastro. La proposta sembra interessante, tanto da far acuire l'orecchie e drizzare le antenne al malcapitato di turno. L'operatore automatico seguita con dubbi convenevoli: "Complimenti! Amazon ha pensato di premiare la sua fedeltà...". E a questo punto, scatta la truffa.

Dopo un esordio "col botto", in cui vi è stata prospettata la possibilità di un investimento (addirittura) col colosso di Jeff Bezos, la voce registrata si fa intermittente per il restante minuto di conversazione. Le sole parole comprensibili sono "soldi", "investimento" e "offerta". Poi la chiamata s'interrompe (per giunta, con un gradevolissimo segnale acustico) lasciandovi in balia di un atroce dubbio: è o non è Amazon?

"Attenzione, è phishing"

Dato per certo che Jeff Bezos non abbia interesse a stringere affari con clienti pescati a caso, noi de ilGiornale.it abbiamo contattato il servizio assistenza clienti Amazon per chiedere spiegazioni. L'operatrice ci ha confermato, in modo tempestivo ed esauriente, trattarsi di una truffa invitandoci a segnalare eventuali, altri tentativi di phishing. Gli accertamenti successivi hanno appurato che "la chiamata ricevuta non è stata effettuata da un operatore Amazon. - recita il testo della mail inviataci dal contact center - Confermiamo che noi non chiamiamo i nostri clienti per proporre degli investimenti". E infine: "Consigliamo di non fornire dati personali o altro a queste persone".

Cosa fare in caso di truffa

In caso di tentata truffa, vi consigliamo di effettuare le seguenti verifiche:

  • Provate a richiamare il numero da cui siete stati contatti. Con buona probabilità non riceverà telefonate in entrata;
  • Verificate sul web l'autenticità dell'utenza inserendo la sequenza numerica nella search del motore di ricerca;
  • Nell'eventualità in cui sia stata fatta menzione a un servizio specifico, contattate l'azienda mediante i canali ufficiali;
  • Non fornite informazioni relative a generalità e dati finanziari;
  • Nel caso in cui abbiate già fornito credenziali a vario titolo (login, pin, carta di credito eccetera) rivolgetevi alla Polizia Postale.

Commenti