In Italia caso di difterite: "Conseguenza calo vaccini"

L'allarme dell'Istituto superiore della Sanità: "C'è un caso di difterite in Italia". E torna il dibattito sui vaccini

In Italia caso di difterite: "Conseguenza calo vaccini"

"In Italia circola la difterite. Lo sappiamo perché si è verificato un primo caso di nodulo difterico, spia di un contatto con il batterio che non si è evoluto nella malattia, perché il microrganismo è stato contrastato dal sistema immunitario" del paziente. Lo spiega all'Adnkronos Salute il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, che ne ha parlato intervenendo al Congresso di pediatria a Firenze. "Non posso dire dove si è verificato questo episodio, che non è un caso di difterite ma indica un contatto con il batterio" Corynebacterium diphtheriae. Ricciardi ha sottolineato ancora una volta i pericoli del calo delle vaccinazioni. "Ci attendiamo anche in Italia casi di malattie scomparse dal nostro territorio fino a poco tempo fa". Non solo. "Oggi - ricorda - abbiamo 670 mila bambini non vaccinati contro il morbillo e 1,5 milioni di adolescenti e giovani adulti che dunque rischiano di contrarre questa malattia infettiva". Con il calo delle vaccinazioni obbligatorie per volontà dei genitori ci si aspetta anche in Italia l’arrivo di casi di poliomielite e difterite, in aggiunta a quelli di pertosse e morbillo che già abbiamo», aveva detto Walter Ricciardi, commentato i casi europei in Belgio e Spagna. "Aspettiamo un nuovo caso di polio in Italia - ha spiegato Ricciardi -, ci sono migliaia di bambini non vaccinati e il virus è al di là dell’Adriatico, in Albania. Non abbiamo più tempo, da noi non c’è più effetto gregge perché le coperture sono già sotto il 95%".

Commenti