Loy (Inps) ora "smentisce" Tridico: "Hacker? Come stanno le cose"

Un alto dirigente dell’istituto previdenziale smentisce il fantomatico attacco hacker: "C’è un problema in origine. L’Inps è sovraccarica di domande"

Nessun attacco informatico. Nessun fantomatico hacker avrebbe agito per mettere i bastoni tra le ruote a milioni di italiani ricorsi al portale Inps per chiedere i sussidi promessi dal governo. Il coronavirus rallenta, ma la situazione resta allarmante. "L’ipotesi di hackeraggio è da dimostrare, sta indagando la polizia postale", afferma Guglielmo Loy, presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Inps a 24Mattino su Radio 24. Quindi, notizia che non farà piacere ai complottisti, la colpa del caos sul sito sarebbe da imputare allo stesso istituto di previdenza. E se lo dice un pezzo grosso Inps, c’è da credergli.

"Conoscendo l’attività dell’Istituto direi che c’è un problema in origine. L’istituto è stato nel tempo caricato e sovraccarico di funzioni. Il calcolo di queste settimane è che circa dieci milioni di persone si relazioneranno con il sito. Il che vuol dire in soldoni: una macchina che va a 120 km/h viene spinta a 160 km/h, ma il motore è sempre quello. A questo si aggiunge che nel tempo la progressiva riduzione degli investimenti è rimasta e il personale è molto calato. Se hai una macchina di media cilindrata che deve fare 2mila km al giorno, il motore va in tilt".

L’Inps avrebbe la responsabilità di non aver allertato sufficientemente il governo delle problematiche a cui si andava incontro. Mettere il petto in fuori e dire faremo tutto senza responsabilizzare chi ti affida questa funzione è stato quindi un errore. "Il problema è in origine: il legislatore non può pensare di risolvere tutte le questioni di assistenza dello stato sociale individuando un unico soggetto che sviluppa relazioni con milioni di persone. Con l’emergenza i nodi sono venuti al pettine e la cosa è esplosa", rimbrotta Loy.

Il sito dell’Inps è in gestione diretta però con un forte supporto di fornitori esterni, cioè grandi aziende che supportano l’attività informatica dell’istituto. Tra i 400 e i 430 milioni l’anno l’importo del costo generale dell’infrastruttura informatica. Cifra non da poco se si guardano i risultati tutt’altro che positivi. Ma i problemi non sono finiti qui. La novità di questa notte è la seguente: l’Inps ha abilitato l’accesso delle domande sui bonus dedicando l’accesso dalle 8 di stamattina alle 16 di oggi pomeriggio, ai cosiddetti intermediari: patronati, professionisti, associazioni di impresa. Tutti coloro che sono accreditati per rappresentare i cittadini nell’inoltro della domanda.

"Nello scorso anno - periodo pre Covid-19 - l’80% delle domande arrivate all’Inps erano mediate da questi soggetti. Dalle 16 in poi tocca ai cittadini singoli. Avremo un problema sulla cassa integrazione nei prossimi giorni". Ma c’è ancora un po’ di tempo per lavorarci. Poi Loy torna a parlare dei cosiddetti intermediari.

"Aver abilitato loro l’accesso indica un’ammissione di sottovalutazione dell’impatto quantitativo delle domande individuali, non avendo fatto una campagna adeguata. Come Consiglio di Vigilanza abbiamo detto e scritto mille volte che tutta la campagna di comunicazione dell’istituto era dedicata a un rapporto tra utente e istituto ed emarginava l’intermediazione tecnica e professionale. Ora l’Istituto, la parte gestionale, fa una parziale marcia indietro dicendo: facciamo lavorare prima gli intermediari e poi apriamo ai singoli cittadini". Un dramma nel dramma. Un caso di cui tutti si sono accorti platealmente. E dare la colpa agli hacker, come se fossero marziani atterrati sulla Terra, di certo non aiuta.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

claudioarmc

Gio, 02/04/2020 - 13:09

Che mentisse lo abbiamo capito tutti tranne i grullini

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 02/04/2020 - 13:19

Dopo la balla colossale, le dimissioni sarebbero il minimo...

Ilsabbatico

Gio, 02/04/2020 - 13:19

Tranquillo, gli italiani l'avevano capito. Oramai sono rimasti in pochi a credere alle sparate di Conte suggerite dal grande fratello...

glasnost

Gio, 02/04/2020 - 13:22

I vigliacchi cercano sempre di addossare la colpa ad altri. Non hanno il coraggio di difendere le loro azioni. Vi sovviene di Conte quando provava a dare la colpa ai medici di Codogno???? Semper lu

hectorre

Gio, 02/04/2020 - 13:24

giuseppi e tridico mi ricordano calimero...è un ingiustizia ce l’hanno tutti con loro, poverini.....l’INPS colpa degli hackers, coronavirus colpa di quelli che escono, l’uscita coi bimbi mai autorizzata, il giornalista tedesco che infierisce sui coronabond, Salvini fomenta la paura......ecc...ecc.....c’è solo una verità....SONO DEGLI INCAPACI!!!!....con buona pace di quelli che ancora li difendono, sinceramente non so a che titolo!!!!....forse non hanno perso i propri cari o sono col sedere al caldo!!!.....povera italietta

Fjr

Gio, 02/04/2020 - 13:32

Altro che hacker questi non vogliono mollare i soldi e allora si inventano le peggio balle ma suggerite da chi?

frabelli1

Gio, 02/04/2020 - 13:55

I computers dell’ines già nella normalità risultavano essere lenti, con tempi di attesa “preoccupanti” peer passare da una pagina all’altra, ovvero tra un inserimento dati ed il risultato. Se poi si cambiavano alcuni parametri i tempi d’attesa aumentavano. Insomma sistema sviluppato male. Ora con questo “assalto, figurarsi se il sistema poteva reggere, è andato in crash senza bisogno di alcun hacker. Bastano le richieste.

RobertoComo54

Gio, 02/04/2020 - 13:57

Caro amico T(r)IDICO : Le infrastrutture informatiche (banda, server) non si potenziano in 2 giorni, e sarebbe anche inutile uno sforzo simile per accettare domande una tantum. Quindi ci voleva un genio per prevedere la corsa agli accessi e l'inevitabile patatrac (con pietosa scusa degli hacker, che per penetrare il sistema informatico scelgono giusto il momento dove non si riesce più ad accedere ) Ora, la colpa è di quel "qualcuno" (che ha fatto un editto senza prima chiederne l'applicabilità) o del responsabile Sistemi informativi? La logica direbbe il primo, la pratica dice il secondo

Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 02/04/2020 - 14:06

è questa è solo una parte della supponenza di quel movimento corporeo che li eleva a virtualizzatori del mondo, una pagliacciata degna solo di tornare nei ranghi di un serial televisivo (americano)

Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 02/04/2020 - 14:25

Sito INPS 4 milioni di accessi in un giorno e finisce in down. Sito Pornhub 40 milioni di accessi al giorno e non succede nulla.

ekat

Gio, 02/04/2020 - 14:29

“C’è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette, gli hacker, non è stata colpa mia”… n.b. il sito dell'Inps continua non funzionare

sbrigati

Gio, 02/04/2020 - 14:52

Ha stato Salvini!

diegom13

Gio, 02/04/2020 - 15:13

Io un attacco ddos non lo escluderei. A chi compara con pornhub faccio solo notare che una cosa è un server impegnato solo sul download, altra cosa è un sito che deve gestire upload e download contemporaneamente, la verifica dei dati personali e la confidenzialità. Ovviamente ha una serie di database cui deve accedere in continuazione, e questo rallenta il processo.

hectorre

Gio, 02/04/2020 - 15:21

ekat.......magari ci fossero i blues brothers al governo!!!!!

Happy1937

Gio, 02/04/2020 - 15:27

I veri Hacker che mettono i bastoni fra le ruote all'Italia sono con Tridico, il cosiddetto "Avvocato degli Italiani" e la sua ciurma di presuntuosi e incapaci colleghi di Governo.

White_Pride

Gio, 02/04/2020 - 15:46

È l’FSB (ex KGB) ad aver hackerato l’INPS per carpire i segreti dei suoi successi e della sua puntualità? Ci sarà mai fine alle pagliacciate del Circo? Non credo

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 02/04/2020 - 15:58

Come server avranno gli i386 con 4gb di ram

Tommaso_ve

Gio, 02/04/2020 - 16:02

Peccato non abbia aggiunto che con lo stipendio di Tridico si possono comprare 3 datacenter al mese di ultima generazione, così veloci che non fai in tempo ad accendere il computer che i soldi sono già nel conto.

pilandi

Gio, 02/04/2020 - 16:04

@hectorre era meglio se c'era quello che voleva prima chiudere tutto, poi aprire tutto, poi chiudere qualcosa...poche ideee ma ben confuse, o quello che vuole aprire tutto appena dopo pasqua? Ringraziate che c'é Conte se no i morti erano ben di più.

pilandi

Gio, 02/04/2020 - 16:06

#Loudness non é la quantità é la densità, inoltre i siti di srtraming video sono concepiti in maniera diversa, hanno caching servers, ecc, non sono situazioni paragonabili.

pilandi

Gio, 02/04/2020 - 16:07

@diegom13 hai perfettamente ragione.

pilandi

Gio, 02/04/2020 - 16:09

Vorrei essere come voi ed avere certezze assolute in un campo di cui non sapete nulla! Vi invidio! Ieri tutti virologi oggi tutti sysadmin.

investigator13

Gio, 02/04/2020 - 16:15

come le Poste per i pensionati vengono chiamati a riscuotere la pensione scaglionati a seconda delle lettere dell'alfabeto, così andrebbe fatto pure per l'Inps. Abbiate pazienza ancora non è arrivato il suggeritore per risolvere il problema.

de barba rossano

Gio, 02/04/2020 - 16:33

vogliamo scommettere che dopo questa amara verita' guglielmo loy come minimo verra' redarguito, se non addirittura messo da parte o licenziato?.

Ritratto di HARIES

HARIES

Gio, 02/04/2020 - 16:37

Ok, tutto chiaro, ma già lo sapevamo. In Italia siamo i primi al mondo anche nell'Hackeraggio e nel contro Hackeraggio. Praticamente i nostri servizi segreti e la nostra cybersecurity, forse hanno fallito. Oppure, come spesso accade, l'ente ciclopico INPS ha demandato il lavoro a terze parti inesperte. Però, e questo la dice lunga, già su Internet circolavano fantastici tutorial sul come compilare sul portale i moduli per il Bonus, fatti da sedicenti consulenti... Vuoi vedere che adesso danno la colpa al ritardo del 5G in Italia? Ve lo do io il 9.81 G!!!

Duka

Gio, 02/04/2020 - 16:44

Che l'Hacker fosse una balla infantile lo hanno capito anche i sassi. Purtroppo ai posti di comando pubblici abbiamo solo soggetti di questo livello.

Uncompromising

Gio, 02/04/2020 - 16:51

I grillini appaiono come novello Re Mida... al contrario: tutto quello che toccano, NON diventa oro.

Giorgio5819

Gio, 02/04/2020 - 17:01

...più che altro é sovraccarica di incapaci...

Ritratto di DuduNakamura

DuduNakamura

Gio, 02/04/2020 - 17:27

Ore 17.30 del 2 Aprile. Il sito è lentissimo e non permette l'accesso con SPID, la pagina per chiedere il PIN è comunque irraggiungibile. Siamo in mano ai pagliacci !!!! (senza nulla togliere ai Clown.)

gjallahorn

Gio, 02/04/2020 - 17:43

Loudness Gio, 02/04/2020 - 14:25 Bravo, non tutti i casini sono uguali.

Ritratto di Frankdav

Frankdav

Gio, 02/04/2020 - 17:53

Che il sito non potesse reggere un traffico così intenso era ovvio quello che mi chiedo e se non sia una cosa voluta, se non si riesce ad accedere si evita anche di far fronte alle richieste

Duka

Ven, 03/04/2020 - 10:46

L'INPS racconta balle non funziona nemmeno oggi almeno non per tutti. Chi ha smarrito il PIN non lo può reimpostare il sistema lo rifiuta e per chi ne richiede uno nuovo è una impresa ciclopica.

Duka

Ven, 03/04/2020 - 15:16

BONUS 600 Euro profondamente ingiusto. Il caso di agricoltori che percepiscono una pensione da 700/800 Euro e continuano per vivere ad essere iscritti alla categoria di coltivatori NON possono percepire il BONUS perchè pensionati. Davvero ridicolo ingiusto e sbagliato. Arriviamo all'assurdo che cittadino che non ha mai lavorato un solo giorno in vita sua prende un sussidio sia reddito di cittadinanza o Bonus o altro mentre il povero contadino che si è spaccato la schiena per 70 anni perderà un FICO SECCO.... Bella democrazia!!!!complimenti governo da 20.000 Euro/mese a cranio.

Duka

Ven, 03/04/2020 - 19:23

Ma il sig. Tridico ( ballista come pochi) quanto prende di stipendio??? di certo una somma allucinante: PERCHE'? SI CHIEDE IL POPOLO.