L'annuncio della Lego: "Via stereotipi di genere dai nostri giochi"

La Lego ha annunciato la propria lotta contro gli stereotipi su impulso di uno studio relativo agli effetti sociali prodotti dai pregiudizi di genere

L'annuncio della Lego: "Via stereotipi di genere dai nostri giochi"

L'azienda Lego, leader del mercato dei giocattoli e dei prodotti per l'infanzia, ha annunciato di recente che rimuoverà ogni "pregiudizio di genere e stereotipo dannoso" dai propri articoli e dalle proprie campagne pubblicitarie. La decisione è stata comunicata lunedì dai vertici della società danese, ossia in occasione della Giornata internazionale della ragazza, ed è stata dettata dai dati raccolti da una ricerca commissionata dallo stesso colosso dei giochi.

Lo studio in questione ha scoperto che gli stereotipi di genere radicati nella società e pubblicizzati fin dall'infanzia trattengono le ragazze dall'appagare le loro aspirazioni e dall'impegnarsi in giochi e attività creative tradizionalmente "maschili". Per la ricerca commissionata da Lego sono stati intervistati quasi 7.000 genitori e bambini di età compresa tra 6 e 14 anni. Gli stereotipi di genere influenzerebbero quindi negativamente bambine e ragazze, che, secondo i risultati della ricerca, sono naturalmente propense a cimentarsi in sport o lavori tipici dell'altro sesso. Ad esempio, l'82% delle ragazze crede che sia giusto che bimbe e adolescenti giochino a calcio e che i ragazzi si esercitino a ballare, rispetto a solo il 71% dei ragazzi.

La ricerca ha anche scoperto che i Lego sono considerati convenzionalmente un giocattolo "per ragazzi", con il 59% dei genitori che afferma di incoraggiare i propri figli a costruire con i mattoncini prodotti dall'azienda danese, rispetto al 48% che incoraggia le figlie a divertisi con gli stessi giocattolini. Di conseguenza, il colosso del mercato dei giochi ha deciso di rimuovere ogni traccia di stereotipo dai propri articoli e dalle sue campagne di comunicazione, allo scopo di rendere il marchio Lego "il più inclusivo possibile". Per raggiungere questo obiettivo, l'azienda ha annunciato che lavorerà in collaborazione con il Geena Davis Institute on Gender in Media e l'Unicef, così da "garantire che i prodotti e il marketing Lego siano accessibili a tutti e privi di pregiudizi di genere e stereotipi dannosi".

Commenti

Spiacenti, i commenti sono temporaneamente disabilitati.