L'Antitrust boccia la "tassa sulle rimesse degli immigrati"

Il Garante considera "discriminatorio" il prelievo dell'1,5% sui money transfer: "Concorrenza violata". E chiede modifiche

Si mette di traverso il Garante della concorrenza e dei consumatori: nel mirino, tra le novità introdotte dal governo gialloverde, c'è la tassa dell'1,5% sui money transfer, sistema utilizzato dagli immigrati per mandere i soldi nel Paese di provenienza. Da qui il nome di "tassa sulla rimesse dei migranti".

La norma, contenuta nel decreto fiscale 2018, è stata contestata dall'Antitrust che la definisce "ingiustificatamente discriminatoria", visto che è diretta esclusivamente ai money transfer. Questi, infatti, secondo il Garante, sarebbero stati colpiti dal fatto che non possono assicurare ai loro clienti offerte competitive rispetto a banche e Poste, non coinvolte dalla nuova tassa che - scrive l'Antitrust - ridurrebbe pure "il grado di trasparenza sulle condizioni economiche praticate per il servizio di rimesse di denaro".

Secondo quanto scrive Repubblica, che riporta la nota inviata dal Garante al governo, l'Antitrust avrebbe contestato questa riduzione di trasparenza e chiede "opportune modifiche" in modo da eliminare le criticità riscontrate.

Il balzello gialloverde aveva già scatenato le proteste dei buonisti di ogni ordine e grado. L'imposta dell'1,5% si applica su tutte le operazioni che superano i 10 euro, ad esclusione di quelle con fini commerciali. Già la sinistra l'aveva definita "discriminatoria" perché avrebbe colpito soprattutto gli immigrati che inviano i risparmi alle famiglie nei Paesi d'origine. Ma c'è un motivo se la norma è stata pensata.

Chi l'ha ideata, infatti, l'ha difesa sostenendo che sia un modo per trattenere nella casse italiane parte di quei guadagni che, realizzati nel Belpaese, poi prendono la strada per l'estero (senza dunque essere spesi nelle attività commerciali nostrane). Trasferimenti che, secondo la Fondazione Moressa, nel 2018 valevano qualcosa come 5 miliardi di euro.

La ratio della norma inserita del dl Fiscale era stata spiegata già ad agosto dell'anno scorso, quando i leghisti Giorgetti, Saltamartini, Molteni e Fedriga presentarono una proposta di legge per aiutare le famiglie italiane. In quel ddl si pensava all'introduzione di una "imposta di bollo sui trasferimenti di denaro all'estero effettuate dalle apposite agenzie” pari al 3% sull’importo "trasferito con ogni singola operazione, con un minimo di prelievo pari a 5 euro". Il tutto per garantire un "assegno di cura e di custodia per sostenere le famiglie nelle spese necessarie all'assunzione" della baby sitter.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

paolone67

Mer, 20/02/2019 - 09:32

Riassumendo: dopo aver scoperto che in questo paese esiste una giustizia più garantista per gli immigrati, una previdenza privilegiata per gli immigrati oggi scopriamo che esiste anche una fiscalità più clemente per gli immigrati. Che schifo di paese che è diventato l'Italia per gli Italiani.

cgf

Mer, 20/02/2019 - 09:41

'spetta i money transfer si prendono ben più del 1,5%, facciamo allora che, qualora non è dimostrata la provenienza, su quel denaro vi sia una ritenuta secca del 15%!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 20/02/2019 - 09:49

Se lo dice l'Antitrust adesso bisogna sicuramente cambiare! Mi riferisco ai tre componenti dell'Autorità, ovviamente!

giangi60

Mer, 20/02/2019 - 10:01

Le tasse sono "non discriminatorie" solo se pagate dagli Italiani, soprattutto da quella categoria di RICCONI dei lavoratori dipendenti, tipo impiegati, operai, etc....

Ritratto di Bar_Abba

Bar_Abba

Mer, 20/02/2019 - 10:02

Ennesimo tentativo di mettere le tasse sui poveri invece di colpire gli evasori.

Holmert

Mer, 20/02/2019 - 10:08

Io ,considerato che il garante considera illegale trattenere l'1,5% sulle rimesse fatte dai money transfer, come governo farei un'altra cosa.Andrei ad indagare se quel danaro trattato dai money transfer sia del tutto legale, cioè frutto di onesto guadagno e tasse pagate o invece sia frutto di traffico o attività illecite.Non credo ci voglia molto. Tanto sollecito il garante e poco vigilanti chi di dovere. Il mondo alla rovescia. Come faceva quella canzone di Celentano..?

Rainulfo

Mer, 20/02/2019 - 10:08

I Garanti, ovvero come moltiplicare il potere della burocrazia!

gianrico45

Mer, 20/02/2019 - 10:09

Troppi galli a cantare non fanno mai venire il giorno.

flip

Mer, 20/02/2019 - 10:15

cgf. giusto! ma però è possibile dimostrare la provenienza? o basta la parola?

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 20/02/2019 - 10:19

Praticamente se un migrante spaccia o ruba facendo illecitamente soldi,li manda all'estero è tutto normale per l'antitrust?

graffio2018

Mer, 20/02/2019 - 10:26

se le banche e le poste sono più competitive, perchè non effettuano regolari bonifici bancari o postali? forse perchè così riciclano meglio il denaro illecito?

Tommaso_ve

Mer, 20/02/2019 - 10:40

Cerchiamo di capire cosa vuol dire discriminatoria. Il pensionato che percepisce 1000€ va al mercato compra il pane e paga l'iva. L'iva sul pane è il 4%. L'immigrato che spedisce a casa dei soldi, su quei soldi non si applica alcuna imposta, men che meno l'iva. Chi è discriminato? Il pensionato che paga almeno il 4% di iva o l'immigrato che sfama la sua famiglia senza pagare imposte?

apostata

Mer, 20/02/2019 - 10:47

è la burocrazia che ci uccide

steluc

Mer, 20/02/2019 - 10:49

Prima di prendere qualsiasi provvedimento , questo governo doveva fare uno spoil system feroce. Ad ogni livello . Altrimenti , resterà sempre un'anatra zoppa.

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 20/02/2019 - 10:55

L'Antitrust non fa una scelta logica ma politica. Io guadagno in Italia, spendo in Italia, non esporto capitali all'estero, quindi i miei guadagni reinvestiti in Italia servono per arricchire la Nazione... quindi niente tassa. Io guadagno in Italia, sottraggo capitali che mando all'estero, quindi impoverisco l'Italia ed arricchisco il Paese dove invio capitali (Money Transfer), quindi tassa giusta. L'antitrust però decide il contrario buttandola sulla discriminazione, quindi scelta politica e non logica o contabile.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 20/02/2019 - 10:57

Questa nuova norma,è invece interessante,e questo ridotto prelievo del 1,5%,non è la fine del mondo.Comunque sia la maggior parte delle "rimesse" di una certa consistenza,non utilizza sistemi "ufficiali",ma trasferimenti in valuta contante" per quei "diversamente Italiani",che regolarmente escono e rientrano(Polacchi,Moldavi,Rumeni,Ucraini,Albanesi,etc...,ovvero "compensazioni commerciali" per gli altri(Asiatici,Africani),che a loro incidono il 2-5% del "trasferito",perchè quasi tutti i loro Paesi di origine,fanno pagare delle TASSE,sulle rimesse pervenute "ufficialmente"!!Per non parlare delle "attività commerciali" gestite da TUTTI i "diversamente Italiani",che allo Stato Italiano,non rendono niente,se non le spese di "assistenza","ordine pubblico",etc.etc.,a nostro carico!!Qui sì che ci sarebbe da guardare a fondo,e siamo nel ridicolo come "Stato Sovrano"!!Altro che "Antitrust" del cavolo!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Mer, 20/02/2019 - 11:01

Non siamo razzisti noi ITALIANI ma lo sono sicuramente gli enti

carpa1

Mer, 20/02/2019 - 11:07

Invece i bolli sui nostri risparmi sono legali e non discriminatori! Inoltre i nostri risparmi vengono versati cu c/c soggetti a controlli e pertanto tassati alla fonte con un po' più del 1.5%; vediamo un po' invece da dove provengono i proventi dei trasferimenti in questione (non magari per la stragrande maggioranza da lavoro nero e quindi esentasse?. Non è che questo garante ha la pelle abbronzata ed è stato messo lì con il compito di fregare gli italiani?

baio57

Mer, 20/02/2019 - 11:08

@ Bar-Abba ?? Ieri per esempio hanno "colpito" degli evasori che sfruttavano dei "poveri" immigrati .

carpa1

Mer, 20/02/2019 - 11:14

Si consideri pure che la maggior parte di quel danaro che passa attraverso i money transfer non proviene certo da poveracci clandestini e, perciò, sfruttati dai caporali; la provenienza è sicuramente più cospicua se frutto di spaccio, prostituzione e tutte le altre attività illecite praticate su larga scala da clandestini e immigrati simil regolari.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 20/02/2019 - 11:40

l'importante che la fattura elettronica non sia discriminatoria per chi lavora!!

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 20/02/2019 - 11:56

però tassare i nostri conti correnti e conti deposito va bene. ormai sto paese è diventato invivibile. e fatto a misura degli africani

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 20/02/2019 - 12:17

E giustificare la provenienza di quegli introiti che gli stranieri trasferiscono all'estero senza figurare nemmeno di avere un lavoro? Di questo l'Antitrust non si preoccupa?

jackpiccardo

Mer, 20/02/2019 - 12:46

Certo, ci sono sempre i soliti cattocomunisti per i quali le tasse devono pagarle solo gli italiani. Gli immigrati devono essere privilegiati in tutto: nell'assegnazione delle case popolari, nelle mense scolastiche, nell'accesso al lavoro (vedi sgravi fiscali per chi assume stranieri e finti profughi). Inoltre se commettono reati vengono subito scarcerati dalla toga rossa di turno. E ora saranno agevolati anche fiscalmente. Quando ci libereremo finalmente dei cattocomunisti nostrani e dei loro tanto amati stranieri??

ItalicoCenturione

Mer, 20/02/2019 - 13:36

Poveri immigrati che devono pagare le tasse!!!!! Ma come si fa? Suvvia, un po' di umanità!!!!

luna serra

Mer, 20/02/2019 - 14:09

e ti pareva che non si mettesse in mezzo qualcuno, questi signori inviano molti soldi e risultano sempre senza redditto e noi li dobbiamo mantenere queste cose sono quelle che fanno indiavolare il popolo

luna serra

Mer, 20/02/2019 - 14:16

per Bar_Abba i poveri sono per caso gli stranieri ? questi signori inviano milioni di euro senza sapere come li fanno, conosco un ragazzo di colore che ogni giorno sta all'uscita di un negozio a chiedere soldi alla fine serata entra in quel negozio e cambia 80-100 euro in monetine puntualmente va in un money transfer e manda i soldi in patria in questo caso Ghana però vive a spese della Caritas cioè a spese nostre fatti un calcolo 80-100 euro al giorno per 27 giorni quanto fa

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 20/02/2019 - 14:28

Povera Italia nelle mani di questi "INVENTORI", del FREGARE SEMPRE e SOLO gli Italiani!!!!jajajajajajaja

cgf

Mer, 20/02/2019 - 15:14

Mi scusi Autotrity, perché tanti migranti e tutti coloro che sono già mantenuti dallo Stato, percependo molto di più di un normale pensionato, non pagano l'assistenza sanitaria, l'Irpef, etc?

leo_polemico

Mer, 20/02/2019 - 18:05

Non ricordo esattamente quando, forse l'anno scorso, ma ho letto che i clientii dei "money transfer" hanno spedito fuori dall'Italia, in un anno, in media, 75 mila euro a testa. Mi viene da chiedere: questi importi, non certo pochi, quali provenienza hanno? Su di essi sono state pagate le tasse come fanno tutti gli italiani?