Obbligo, la data cerchiata in rosso: cosa può cambiare il 5 gennaio

Nel Consiglio dei ministri del 5 gennaio nuove misure sul tavolo: spunta l'ipotesi dell'estensione del Super green pass per accedere al lavoro. Ma si valuta anche l'obbligo vaccinale: sale il pressing dei partiti

Obbligo, la data cerchiata in rosso: cosa può cambiare il 5 gennaio

Tempo qualche giorno e il governo prepara già la nuova stretta. Dopo aver approvato il nuovo decreto che di fatto mette spalle al muro i no-vax, nei primi giorni di gennaio il Consiglio dei ministri potrebbe tornare a riunirsi per varare un'ulteriore giro di vite per spingere sempre più verso la somministrazione del vaccino.

La data cerchiata in rosso è quella di mercoledì 5 gennaio, quando sul tavolo del Cdm potrebbe approdare una svolta nella lotta alla pandemia: l'obbligo di super green pass per i lavoratori. Di fatto sarebbe una sorta di obbligo di vaccinazione per accedere al lavoro, visto che il certificato verde rafforzato si ottiene solo con la somministrazione del siero o con la guarigione dal Covid-19. Ma si valuterà anche l'obbligo vaccinale, per cui sale il pressing dei partiti.

Cosa cambia al lavoro

Fonti governative fanno sapere che un secondo blocco di misure per il contenimento del Coronavirus potrebbe essere adottato appunto nei prossimi giorni. Viene da chiedersi quali potrebbero essere le nuove mosse dell'esecutivo e la risposta va trovata nello scontro che si è consumato ieri in Consiglio dei ministri: da una parte Forza Italia e Partito democratico favorevoli al super green pass per i lavoratori; dall'altra i dubbi di Lega e Movimento 5 Stelle che fanno saltare il provvedimento.

Ma l'asse gialloverde è destinato ad avere vita breve, visto che la nuova stretta potrebbe andare proprio in questa direzione: come riportato da La Repubblica, il prossimo passo potrebbe essere quello di estendere il super green pass a tutti i lavoratori, del settore pubblico e privato. Un punto su cui il premier Mario Draghi conta di ottenere il via libera in tempi brevi, sperando di risolvere le divisioni nella maggioranza.

Una conferma in tal senso è arrivata da Renato Brunetta, che ieri aveva messo sul tavolo la proposta che in sostanza impone a tutti i lavoratori di sottoporsi alla vaccinazione: il ministro della Pubblica amministrazione ha sottolineato l'importanza per l'Italia di non perdere la posizione di vantaggio rispetto agli altri Paesi, dicendosi ottimista sulla nuova misura più stringente che potrebbe vedere luce nel prossimo Cdm.

Pressing per l'obbligo

Nel frattempo aumenta il pressing per l'obbligo di vaccinazione, che finirà sul tavolo del Consiglio dei ministri di inizio gennaio. Un'ipotesi che valuta il premier Draghi e che dovrà essere attenzionato anche da tutti i partiti che sostengono il governo: conviene optare per il super green pass per i lavoratori o procedere direttamente con l'obbligo vaccinale per quasi tutti gli italiani?

Nel corso del Cdm di ieri i ministri di Forza Italia si sono espressi in modo favorevole all'obbligo vaccinale. Sulla stessa linea Enrico Letta, segretario del Partito democratico, secondo cui ora "bisogna prepararsi al passo successivo, cioè l'obbligo vaccinale e il ritorno allo smart working". Parere favorevole lo ha dato anche Italia Viva, con il ministro Elena Bonetti che non si è messo di traverso: "L'obbligo vaccinale è la direzione giusta per sconfiggere la pandemia".

Meno convinta la Lega, che chiede allo Stato di assumersi la responsabilità per eventuali conseguenze da vaccino e prevedere un elenco di "fragili" da esentare dall'obbligo. Il ministro grillino Stefano Patuanelli avrebbe sottolineato che fino a questo momento si è sempre ragionato per funzioni (forze dell'ordine, docenti, sanitari, lavori a contatto con le persone) e si sarebbe chiesto dunque quale sarebbe stata la ratio di distinguere tra lavoratori e disoccupati.

Commenti