L'eterno ritorno dei comunisti per le poltrone

Vi piace il vintage? Appassionati di bric-à-brac? Shabby? Avete un debole filatelico per l'introvabile Gronchi rosa? Be', tenetevi forte perché per le regionali in Toscana torna in pista una vecchia auto ruggente

Vi piace il vintage? Appassionati di bric-à-brac? Shabby? Avete un debole filatelico per l'introvabile Gronchi rosa? Be', tenetevi forte perché per le regionali in Toscana torna in pista una vecchia auto ruggente: il simbolo autentico del Partito comunista italiano di Gramsci Togliatti, Longo e Berlinguer, tutto messo a nuovo e che da trent'anni nessuno poteva toccare. O meglio: girava già ed è attivo anche un simbolo del Pci, recuperato da Marco Rizzo che l'ha dovuto rigenerare, adesso questo appena uscito dalla teca sembra proprio che abbia una grinta gioiosa. Si tratta infatti del simbolo autentico originale presentato su sfondo bianco dal candidato Marco Barzanti (nella foto) di 51 anni che corre per al carica di governatore regionale toscano. L'evento è un evento, anche se più volte riemerso e appena un po' di déjà-vu perché a volte ritornano, e a volte imitano. Quando Achille Occhetto chiuse bottega alle Botteghe Oscure visto che la casa madre del comunismo internazionale sovietico aveva dichiarato forfait, il simbolo venne messo dentro una campana di vetro sotto lo zero assoluto, un freddo boia che neanche in Siberia. Adesso l'hanno scongelato e rimesso in pista. Ma nel frattempo la voglia di ritirare fuori il simbolo che per decenni aveva incarnato il partito comunista così come Palmiro Togliatti l'aveva ricostruito dopo la cosiddetta «svolta di Salerno», era sempre rimasta latente e affiorante. In fondo, e questa appare la cosa più grave, il comunismo non è colpito da alcuna interdizione morale internazionale e tanto meno italiana come accade agli altri «ismi» che hanno portato alla morte milioni di innocenti, perché l'ha sempre fatta franca. In Italia, diversamente che in Francia, non fu necessario restaurarne l'immagine per cancellare la memoria dei ventidue mesi durante i quali l'Unione Sovietica dette luce verde all'aggressione tedesca alla Polonia (di cui la stessa Urss incamerò il 51 per cento) e certamente nessuno in Italia ricorda che i comunisti francesi, mentre le truppe naziste marciavano sotto l'Arco di trionfo fra due ali di folla in lacrime, inneggiavano ai «Bravò camarades allemandes» venuti a combattere le putride democrazie borghesi e l'imperialismo occidentale. Da noi è passato tutto sotto silenzio, mentre l'Europa dell'Est - Polonia e Ungheria in particolare - hanno fatto approvare lo scorso anno un documento europeo che equipara non i delitti, ma la condanna morale che il mondo civile applica sia ai nazionalsocialisti tedeschi che al Partito comunista sovietico e al Comintern per le decine di milioni di vittime, fra cui quasi tutti i comunisti italiani fuggiti in Russia dall'Italia fascista. Occhio non vede, memoria cancellata, tutto fa allegria o almeno tenerezza. Dunque, che dire, è il momento di mostrare una sorridente sorpresa di fronte al ritorno di quel simbolo che, anche graficamente, è molto bello: tutto quel rosso, la falce e il martello gialli e la sovrapposizione con il tricolore italiano. Un pezzo di memoria. Ma quale, se ne manca la parte più pesante? Proprio ieri i telegiornali davano notizia di una spiaggia in cui un altoparlante diffondeva la canzone fascista e colonialista Faccetta nera. Sembra che molti bagnanti abbiano accolto allegramente quella nostalgica iniziativa coloniale, E naturalmente il tono, com'è giusto, era di scandalo. Persino Renzo Arbore usò quella musica - in senso ironico - come motivo di una sua trasmissione, ma non è questo il punto. Il punto è che vene di nostalgia spingono gli italiani a riesumare i simboli cui si sentono legati e di cui hanno idee vaghe. Noi non siamo neutrali ai simboli. Io personalmente detesto tutti quelli delle ideologie che spostavano, internavano e assassinavano milioni di esseri umani, salvo poi negare tutto. Però adesso, vedete: torna l'allegro simbolo comunista e non si può far altro che sorriderne. Quanti ricordi. Anzi, quante amnesie.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

zen39

Lun, 24/08/2020 - 17:40

Non se ne sono mai andati sono sempre loro. Anche le stelle cadenti ne fanno parte ma si vergognano. Loro nella testa hanno il simbolo cinese a quello si ispirano; per quello si mostrano con 5 stelle sono le stesse dei cinesi.

Gio56

Lun, 24/08/2020 - 17:55

Se si comportano come il Pci dei lavoratori,probabilmente,ma molto probabilmente potrebbe essere una cosa forse buona,ma se si accodano al pd è solo per poter avere visibilità,altrimenti nessuno se li filerebbe.

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Lun, 24/08/2020 - 18:04

Sono d'accordo con quanto fatto da Polonia e Ungheria. Anche l'Italia dovrebbe approvare un documento di condanna morale nei confronti dei nazionalsocialismo tedesco e del partito comunista sovietico per i risultati molto simili che hanno saputo produrre.

cgf

Lun, 24/08/2020 - 18:10

Penso non sia male il ritorno del simbolo del PCI almeno si identificano per quello che sono, piuttosto che riempirsi di "democrazia" fatta a modo loro, peggio della dittatura. Guardando la Storia, cosa aveva di "democratico" la Kampuchea Democratica? Eppure questo è stato il nome ufficiale della Cambogia tra il 1976 e il 1979, mentre erano al potere gli Khmer rossi di Pol Pot. E la Repubblica Democratica Tedesca (RDT)? Anche i Democratici USA sebbene siano più a dx di quanto fosse stato Almirante! All'afferemazione che il partito repubblicano è razzista, viene fatto notare che il partito repubblicano è stato fondato nel 1854 per abolire la schiavitù, che il partito democratico fondò il KKK ed applicò le Leggi di Jim Crow, si sono opposti all'integrazione e diritti civili per un secolo, tradizionalmente e storicamente i DEM USA sono cresciuti ed hanno prosperato col razzismo. È evidenza dei fatti! La risposta a tutto questo? TU SEI FASCISTA.

giovanni951

Lun, 24/08/2020 - 18:34

saranno sempre meglio di questa sinistra patetica e ridicola passata dalla parte del capitale.

il veniero

Lun, 24/08/2020 - 18:40

a volte ritornano ...

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 24/08/2020 - 18:40

Tutti ambiscono alla “poltrone” e non c’è alcun motivo di meravigliarsi. Quanto alla sinistra c’è da sperare che si ripetano le loro recenti esperienze, che li hanno visti vincitori solo in Emilia Romagna. A settembre rifaremo i conti, con un Conte rispedito in Puglia.

Veterano

Lun, 24/08/2020 - 18:41

Impossibile capire come ci sono Italiani che dicono chiamarsi comunisti. Sembra che non hanno capito (o fanno finta di non capire) i disastri che ha causato il comunismo negli ultimi 70 anni, lasciando tanti paesi impoveriti, economicamente, professionalmente, industrialmente, moralmente, socialmente. Però va detto che le caste comuniste al governo hanno vissuto molto bene, sulla pelle dei lavoratori.

munsal54

Lun, 24/08/2020 - 18:45

Ma si....almeno la smettono di continuare con questa ipocrisia imbarazzante del volersi dichiarare democratici (PD)

nunavut

Lun, 24/08/2020 - 18:57

@ CIOMPI 18:04 Oggi mi sorprendi con la tua onestà intellettuale. Bravo

Ritratto di ZuluKing

ZuluKing

Lun, 24/08/2020 - 19:38

La Bielorussia non è l ultima dittatura in Europa ma è la penultima perchè l ultima è la nostra...sembra che debba cadere da un giorno all altro però è come la torre di Pisa che pende che pende ecc..ecc

filder

Mar, 25/08/2020 - 16:40

A prescindere di come politicamente la penso ma quasi quasi questo partito guidato dall'on. Rizzo mi convince con le idee più dei camaleonti dei 5 stelle.