Livorno, operai in nero per montare il palco del concerto di Giorgia

Scoperti 15 lavoratori extracomunitari a Livorno. Pagati 6 euro all'ora senza tasse e contributi Doveva occuparsi di facchinaggio invece hanno montato il palco del concerto

Livorno, operai in nero per montare il palco del concerto di Giorgia

Dovevano occuparsi di facchinaggio, invece sono stati impiegati nel montaggio del palco del concerto di Giorgia. Tutto rigorosamente in nero. I carabiniere di Stagno e Collesalvetti hanno scoperto 15 lavoratori in nero impiegati nell’organizzazione del concerto della cantante italiana, svoltosi ieri sera al Palalivorno.

Si tratta di operai stranieri con regolare permesso di soggiorno e che, come ha anticipato il Tirreno, pare fossero pagati 6 euro l’ora. La ditta, la cui titolare è una cittadina romena residente a Firenze, doveva occuparsi di facchinaggio invece si stava occupando del montaggio del palco.

Il blitz è scattato per verificare le posizioni lavorative e contributive dei dipendenti, ma anche per accertare che venissero rispettate le norme di sicurezza, soprattutto a seguito degli incidenti mortali avvenuti durante il montaggio del palco ai concerti di Jovanotti e Laura Pausini. La ditta subirà sanzioni che potrebbero arrivare fino a 1.500 euro per ogni dipendente impiegato in nero.

Commenti