La Ocean Viking fa il pieno di migranti e ora punta verso l'Italia

La nave dell'Ong francese Sos Mediterranée negli ultimi giorni ha effettuato ben quattro operazioni, l'ultima nella tarda serata di domenica

La Ocean Viking fa il pieno di migranti e ora punta all'Italia

Sono state due le operazione della Ocean Viking, la nave dell'Ong francese Sos Mediterranée, nelle ultime ore. Si tratta di interventi che si aggiungono ai due già effettuati nel fine settimana. Adesso la nave ha a bordo 129 migranti e si avvicina alle coste italiane. Il mezzo è in acque maltesi da diversi giorni ma sembra puntare dritto, come accade spesso, verso il nostro Paese. A segnalarlo sono stati nelle scorse ore gli stessi attivisti, i quali su Twitter hanno pubblicato un video riferito alla terza operazione di soccorso in pochi giorni. Tutto è avvenuto nella tarda serata di domenica, quando Ocean Viking ha intercettato un barcone di legno con 58 migranti a bordo.

Le operazioni di soccorso

Secondo le testimonianze riportate ai membri dell'Ong, si tratterebbe di persone partite dalle coste ovest della Libia almeno due o tre giorni fa. La loro piccola imbarcazione, oltrepassate le acque libiche, ha iniziato ad accusare problemi. Il natante, per le sue dimensioni e le sue caratteristiche, non aveva alcuna possibilità di arrivare autonomamente a Lampedusa o in Sicilia. Gli scafisti forse speravano in un intervento di un mezzo più grande. Così è stato con l'arrivo in zona della Ocean Viking.

I 58 migranti soccorsi ieri sera si sono andati ad aggiungere agli altri 58 già presenti a bordo della nave di Sos Mediterranée. Questi ultimi sono stati intercettati dall'Ong francese nei giorni precedenti in altri due distinti interventi.

Per il momento la Ocean Viking si trova in acque maltesi ma non lontano da Lampedusa. Probabile un'imminente richiesta di porto sicuro a Malta o all'Italia, ma non sono da escludere altri interventi in zona.

La pressione migratoria dalla Libia

Del resto la pressione migratoria dalla Libia è tornata ad essere molto importante. L'ultimo fine settimana è stato caratterizzato da condizioni meteo stabili e da un mare che ha invogliato molti scafisti a far salpare dalle coste libiche quante più imbarcazioni possibili.

Altri due natanti, secondo Sos Mediterranée, sono stati avvistati in prossimità della costa libica ma sarebbero stati intercettati dalla Guardia Costiera di Tripoli. Altri barconi potrebbero invece partire nelle prossime ore alla volta dell'Italia.

Una pressione, quella migratoria, che potrebbe avere anche ripercussioni politiche. Il mese di agosto è stato tra i più difficili degli ultimi anni in fatto di sbarchi, con più di diecimila nuovi arrivati nei porti italiani. Settembre ha concesso una piccola tregua ma solo per il peggioramento delle condizioni del mare.

Adesso, con complessivi 43.152 migranti sbarcati dall'inizio dell'anno (il doppio rispetto allo stesso periodo del 2020), non mancheranno le polemiche. La Lega di Matteo Salvini ha più volte chiesto nelle ultime settimane un cambio di passo, invocando a più riprese anche le dimissioni del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, rea secondo il Carroccio di non aver impedito l'impennata di sbarchi.

Se le partenze dalla Libia dovessero aumentare, contestualmente alle attività delle navi Ong, i contrasti interni alla maggioranza sull'immigrazione potrebbero diventare uno dei principali argomento di dibattito in vista dell'autunno.

Nuova operazione di soccorso in nottata

A testimonianza della crescente pressione migratoria di queste ore anche un nuovo intervento di cui è stata data notizia in mattinata. In particolare, Sos Mediterranée ha riferito di un'imbarcazione con 13 persone a bordo soccorsa poco prima di un naufragio. Tra i migranti anche un uomo che è stato evacuato in barella per via delle condizioni di salute. "Stiamo adesso assistendo a bordo di Ocean Viking - si legge su Twitter - 129 persone". L'intervento è stato effettuato ancora una volta in acque Sar maltesi. In un primo momento si era diffusa la voce che le ultime 13 persone tirate a bordo fossero state trovate senza vita.

Commenti