Maddie, il clamoroso errore della polizia: il pedofilo sospettato mai interrogato

I genitori vogliono le prove dalla polizia tedesca che la figlia è morta

Il principale sospettato della sparizione della piccola Maddie McCann, non era mai stato interrogato dalla polizia portoghese dopo la scomparsa della bambina di tre anni, avvenuta nel 2007 a Praia da Luz, in Portogallo, mentre si trovava in vacanza con i suoi genitori. I poliziotti infatti sembra non fossero a conoscenza che Christian Brueckner fosse stato condannato in Germania per abusi sessuali.

Brueckner mai interrogato dalla polizia portoghese

Come riportato dal Messaggero, tutti gli altri colpevoli di reati sessuali che si trovavano nella Regione dell’Algarve, erano stati portati in commissariato per essere interrogati. Tutti tranne il 43enne tedesco. Neanche un minino sospetto da parte della polizia portoghese su quell’uomo che aveva avuto ben due denunce per furto e disobbedienza durante il suo soggiorno in Portogallo, iniziato nel 1998. Solo quando, ubriaco, confessò a un suo amico di sapere molto sulla scomparsa di Madeleine, e il suo confidente lo tradì, allora le cose cambiarono e diventò il principale sospettato. Non vi sono ancora prove sufficienti e schiaccianti per accusarlo di omicidio, anche se i pubblici ministeri tedeschi si sono detti convinti della morte della bambina inglese. Secondo i media portoghesi, negli anni ‘90, tra i paesi europei non sarebbero state scambiate in modo corretto le informazioni riguardanti i criminali.

Nel 1994, appena 17enne, Brueckner era stato condannato per molestie nei confronti di una bambina di sei anni in un parco di Würzburg, la città della Baviera dove è nato. Come riporta il Mirror, i genitori di Maddie hanno chiesto alla polizia tedesca di vedere le prove che li hanno portati a credere alla sua morte. Germania e Gran Bretagna stanno cercando insieme di risolvere il caso, con il 43enne al centro delle indagini, come principale sospettato. Il corpo della bambina non è ancora stato ritrovato, ma le cellule del telefono di Brueckner lo hanno localizzato vicino al luogo della sua scomparsa.

I genitori vogliono le prove della morte di Maddie

Clarence Mitchell, portavoce della famiglia McCann ha sempre detto che Kate e Gerry, la mamma e il papà, sperano che la loro figlia sia ancora viva. Adesso esigono le prove da parte della polizia tedesca riguardo la loro tesi sul suo avvenuto omicidio. Secondo quanto riportato dal Sun, Mitchell avrebbe dichiarato: “La polizia tedesca afferma di presumere che Madeleine sia morta ma non ha prove. Quindi Kate e Gerry sperano ancora che Madeleine venga trovata viva”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 14/06/2020 - 11:14

una condanna per furto e per disobbedienza non é sinonimo di pedofilia e di omicidio, forse si dovrebbe verificare se il casellario giudiziario del tedesco fosse disponibile e se la polizia sapesse (trattandosi di persona senza fissa dimora che non va certo a registrarsi al comune) che il signore in questione era nei paraggi del centro vacanze portoghese