La marea grillina ora è una palude

Il congresso farsa dei grillini segna la fine dell'utopia del partito-non-partito che si voleva fatto da eletti da Dio più che dagli elettori

Il congresso farsa dei grillini segna la fine dell'utopia del partito-non-partito che si voleva fatto da eletti da Dio più che dagli elettori, cosa apparentemente verosimile, visto che nessun elettore conosceva neppure uno dei candidati per caso spediti in Parlamento. Che sia davvero così se ne è accorto, meglio tardi che mai, pure Marco Travaglio, che in questi ultimi anni con il suo Fatto quotidiano ha dato voce e sostegno a questa illusione ottica: «Esame di immaturità - ha scritto ieri a proposito del congresso dei Cinque Stelle -: a chi interessa, nel pieno di una pandemia, questa sbobba fatta di regolette, scontrini, quote sociali e piattaforme on line?».

Già, dico io, sarebbe una giusta osservazione se parlassimo di una improvvisa deriva dei grillini, mentre invece «regolette, scontrini e quote sociali» hanno costituito il cardine di una narrazione e di una politica fondata sulla presunta diversità. Cioè sul nulla, perché - come sta emergendo - la diversità non esiste.

«Riusciranno i nostri eroi a capire chi sono e da dove vengono per capire dove andare?», scrive ancora Travaglio, centrando la questione ma mettendo un punto interrogativo di troppo.

I «nostri eroi» infatti sanno e capiscono, sono così malmessi proprio perché sanno chi sono e da dove vengono. Cioè sanno di essere dei signori venuti dal nulla, i più pure nullatenenti, senza alcuna esperienza di lavoro e di vita, che improvvisamente si sono ritrovati sotto i riflettori a guadagnare quindicimila euro al mese più benefit. E quindi, per dare una risposta non richiesta alla domanda di Travaglio, non vogliono andare da nessuna parte, vogliono restare lì a qualunque costo, perché fuori di lì la maggior parte ricadrebbe nell'anonimato e forse pure col tempo nell'indigenza.

La marea grillina ha occupato il potere, lo stesso che dicevano di voler liberare dalla morsa della politica. Non sarà mai classe dirigente né autentica forza di governo. Non perché strada facendo abbiano perso la testa, come sostiene Travaglio, ma perché la testa non l'hanno mai avuta, se si eccettuano quei tre o quattro geni guidati da Beppe Grillo e dalla buonanima di Casaleggio senior che hanno messo in piedi questo baraccone. Mai pensando che sarebbe finita così tristemente.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Savoiardo

Lun, 16/11/2020 - 17:43

Inevitabile: dalle stelle alle stalle ! Come peril PCI da Togliatti a Zingaretti.C'est la vie !

Ora

Lun, 16/11/2020 - 18:20

La marea dei 5 stalle sta facendo la fine di farsa italia, solo questi due partiti hanno dimezzato i voti rispetto alle ultime elezioni politiche del 2018 ma il direttore Sallustri parla solo dei grillini, guai a parlar male degli azzuri guai a criticare Taiani che ha portato farsa italia ad una cifra virgola,che schifo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 16/11/2020 - 19:01

Questi non li scolli più. Faranno come Bi(n Lad)den e Casini, il primo senatore da 47 anni senza mai aver lavorato, l'altro quasi.

Ritratto di Cali85

Cali85

Lun, 16/11/2020 - 19:01

Chiedo scusa ma c'è qualcuno che ne aveva previsto questa brutta fine fin dal momento in cui sono nati. Ma si può basare una idea politica sul "reddito di cittadinanza"? Sul voto on line , in Italia, dove abbiamo la peggior copertura di rete e la peggior cultura Informatica del mondo occidentale? Sulla preminenza della piattaforma ROUSSEAU al posto del consenso popolare così da determinare la politica Nazionale in base a 100.000 voti dei propri adepti? Certo che chi ha pensato che potessero durare per molto tempo ha avuto un cervello veramente sopraffino !

ilrompiballe

Lun, 16/11/2020 - 19:08

Ora 18.20 :In effetti se Atene Piange, Sparta non ride. Il guaio è che mentre "gli eletti" (da dx a sx) piangono il morto seduti a tavola, a molti italiani manca persino uno sgabello.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/11/2020 - 19:49

Basta pensare a chi sono i capi di M5S per rendersi conto che il loro avvenire non sarà adeguato alle loro speranze, salvo che si inventino un altro reddito di cittadinanza da regalare alla marea degli ignoranti, con qualche delinquente in fila. Più che una palude!

dare 54

Lun, 16/11/2020 - 19:52

Chiedo scusa, ma la diversità esiste. I grandi politici che abbiamo conosciuto (abbiano commesso, oppure no, illeciti) hanno esperienza, hanno posizioni e proposte definite e difficilmente le cambiano, conoscono il mondo, conoscono i meccanismi dell'economia e del lavoro, conoscono la gente, hanno estese relazioni. E, bene o male, sanno condurre una Nazione. La maggior parte dei grillini no. Non hanno ..., non conoscono, non sanno ... quindi, sono diversi!

FrancoM

Mar, 17/11/2020 - 17:28

E Matt che dice?

Boxster65

Mar, 17/11/2020 - 18:24

Grande IVA sei una vera leonessa!!

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Mar, 17/11/2020 - 18:34

Se, "la marea grillina ora è una palude", caro Direttore, mi lascia del tutto indifferente. Ciò che mi rattrista e non sopporto è, che questa classe "indifferenziata" di cialtroni pentastellati al potere, hanno ridotto in una palude la nostra cara Italia. E questo lo dobbiamo, soprattutto, alla colpevole ingenuità degli italiani che cialtronescamente li ha votati.

Ritratto di Smax

Smax

Mar, 17/11/2020 - 18:57

Per sparire spariranno. Il problema è che se durano fino al 2023 radono al suolo quel poco che resta dell’italia.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 17/11/2020 - 20:00

I grillini son quel che sono e forse anche peggio. Ma che dire degli italiani che i hanno votati ?

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 18/11/2020 - 17:29

mauriziogiuntoli - Bravo, lo penso anch'io. Melma i 5s, peggio chi li ha votati. Pensavano colpevolmente di ribaltare tutte le istituzioni in senso positivo ed invece ci sono riusciti, ma nell'altro senso. E gli eletti miracolati, non appena hanno sentito il profumo dei soldi, si sono trasformati da movimento a mociresto. Non era difficile prevederlo se solo si fosse riflettuto su chi il movimento l'ha inventato.

giovanni951

Mer, 18/11/2020 - 17:44

sono in una palude.....impplodono....sono ai ferri corti....casaleggio non va al congresso ( o roba simile) eppure son sempre al loro posto. Saldamente incollati.

kytra1936

Mer, 18/11/2020 - 19:38

Ieri mi è arrivata la bolletta della luce, in cui il 66% del costo è per tasse a costi fissi indecifrabili. Paghiamo profumatamente un baraccone chiamato Autorità per l'Energia, ma le bollette continuano ad arrivare piene di balzelli incomprensibili e di fregature. I 5 Stelle potevano avere un senso se fossero stati capaci di far saltare in aria tutte 'ste lobbies che campano a scrocco su noi cittadini. Invece si sono "accasati" e "sistemati", mentre noi continuiamo ad essere salassati. Sarà anche un piccolo esempio, ma invece di tanti discorsi sui massimi sistemi rende l'idea del loro totale fallimento. Sono inutili, quindi dannosi. A casa.

HappyFuture

Mer, 18/11/2020 - 19:43

Andrea Muratore! Ma si può permettere di condensare tante fesserie in un unico articolo? Questo giornale è nella palude, che se lo sta ingoiando!

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Gio, 19/11/2020 - 17:43

Come ex-azzurro antemarcia concordo che i grillini siano una palude: non capisco pero' come mai Berlusconi (notizie di oggi) aneli ad essere inghiottito nelle sue sabbie mobili.