C'è l'affondo ciclonico Arriva "botta" maltempo

Bel tempo con cielo sereno su tutta la penisola fino a venerdì. Nel fine settimana, invece, è attesa l'arrivo di una perturbazione ciclonica

Una nuova perturbazione potrebbe abbattersi sull'Italia nel prossimo fine settimana. Dopo qualche giorno di relativa quiete, con tempo stabile pressoché su l'intera penisola, nel weekend è atteso l'arrivo di un ennesimo affondo ciclonico dal Nord Atlantico con venti di burrasca e temperature in calo.

Tempo stabile fino a venerdì

Sembrerebbe in dissolvenza la perturbazione che ha funestato il quadrante Nord-Ovest dell'Italia nello scorso fine settimana. A partire dalla giornata di mercoledì 7 ottobre, infatti, è previsto un generale miglioramento delle condizioni climatiche con ampie schiarite nei cieli dell'area settentrionale e temperature in lieve rialzo termico. La perturbazione che si è abbattuta nei giorni scorsi su Liguria, Piemonte e Lombardia si starebbe spostando verso le regioni centrali dove, nelle prossime ore, non mancheranno piogge e rovesci. Le precipitazioni interesseranno perlopiù Toscana, Lazio, Umbria, Marche e Campania ma saranno di breve durata. Fenomeni più insistenti, invece, sono attesi sul versante tirrenico dal Nord-Est della Sicilia fino alla Calabria passando per la Lucania e il Salento. Tuttavia, dalla giornata di giovedì, è previsto tempo bello e soleggiato un po'ovunque grazie all'insediamento di un campo di alta pressione sull'Europa centro-meridionale. Ma nel fine settimana è previsto l'arrivo di una nuova perturbazione dal Nord Atlantico che, a causa di un rinforzo dei venti e del moto ondoso, potrebbe innescare dei violenti nubifragi.

Rischio nubifragi nel weekend

Stando a quanto si apprende dal servizio meteo 3B, tra sabato 10 e domenica 11 ottobre un ennesimo affondo ciclonico, proveniente dal Nord-Atlantico, raggiungerà la nostra penisola. Il peggioramento potrebbe interessare dapprima le regioni settentrionali per poi spostarsi rapidamente anche verso quelle centrali con fenomeni a carattere temporalesco di forte intensità. Resta dunque alta l'allerta per il rischio nubrifagi lungo le coste. Le piogge saranno accompagnate, infatti, da un netto rinforzo dei venti e del moto ondoso con temperature in calo sensibile al Nord. Non è ancora chiara la dinamica di questo possibile peggioramento, ma non è escluso che con l'inizio della settimana successiva il Mediterraneo centrale possa divenire sede di una circolazione di bassa pressione, con conseguente maltempo su alcune delle nostre regioni e persistenza di locali condizioni di tempo anche molto perturbato. Dunque, la perturbazione attesa potrebbe insistere sulla pensisola anche nelle giornate di lunedì 13 e martedì 14 ottobre. Poi, invece, dovrebbe tornare il sereno ovunque con temperature in linea alla stagione autunnale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.