Meteo, sarà il weekend più infuocato dell'anno

Secondo gli esperti meteo il 10 e l'11 agosto saranno i giorni più roventi del 2019. Colpa di un rinforzo dell'alta pressione africana che farà salire ovunque le temperature fino a picchi di 39-40 gradi. Ecco la lista delle città più calde

Brutte notizie per chi non sopporta le alte temperature. Secondo gli esperti meteo, il week-end tra il 10 e l'11 agosto sarà il più caldo dell'estate. Tempo soleggiato e clima rovente ovunque da Nord a Sud, con l'aumento termico che colpirà particolarmente la Pianura padana, le regioni del Centro, la Puglia e la Sardegna. Colpa di un rinforzo dell'alta pressione subtropicale proveniente dall'Africa, che a differenza delle precedenti ondate di calore - si legge su ilmeteo.it - estenderà la sua aria bollente in modo piuttosto omogeneo su tutto il Paese. Previsti picchi di 37-38 gradi a Bologna, Ferrara e Firenze, oltre alle zone interne sarde.

La giornata di sabato dovrebbe essere all'insegna del meteo stabile praticamente su tutto l'Italia, salvo qualche addensamento pomeridiano a ridosso dei rilievi, specie quelli del Nord. L'ulteriore espansione dell'anticiclone africano porterà già ad un deciso aumento termico in particolare sulla Val Padana, sulle regioni del Centro e sulla Sardegna. Su queste zone si potranno registrare picchi intorno ai 37-38 gradi come a Bologna, Ferrara, Firenze e zone interne sarde. Un po' meno caldo lungo i litorali dove le brezze marine limiteranno l'aumento delle temperature mantenendo però un tipo di clima afoso specie sui versanti tirrenici.

Ma il caldo più opprimente è atteso per domenica 11 agosto. Salvo qualche temporale a ridosso delle vette alpine, l'intera penisola sarà percorsa da venti bollenti di matrice africana. Su alcune località della Val Padana, in Emilia ad esempio, si potranno toccare picchi fino a 39-40 gradi. Stesso discorso per alcune aree interne del Centro e del Sud come in Toscana, in Umbria e fino ai settori centrali e meridionali della Puglia. Laddove non si toccheranno i 40 gradi i valori rimarranno comunque intorno ai 35-37 gradi.

Andrà meglio da lunedì, quando una perturbazione atlantica si sposterà sul Nord portando rovesci a carattere temporalesco su Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia e Alto Adige, e con essi una consistente abbassamento delle temperature, tra i 5 e gli 8 gradi.