Migranti, il sindaco di Ferrara: "Mi vergogno"

Il sindaco e presidente della provincia di Ferrara: "Se in un momento come questo un comune come quello di Goroche ha ricevuto molto dalle istituzioni, non accoglie dodici donne straniere bisogna che si rifletta sul significato di collaborazione istituzionale"

Migranti, il sindaco di Ferrara: "Mi vergogno"

"Mi vergogno. Se in un momento come questo un comune come quello di Goro (Ferrara) che ha ricevuto molto dalle istituzioni, non accoglie dodici donne straniere bisogna che si rifletta sul significato di collaborazione istituzionale".

A dirlo è il sindaco e presidente della provincia di Ferrara, Tiziano Tagliani, (Pd) che condanna la protesta dei cittadini di Goro che hanno bloccato la strada per evitare che 12 migranti fossero ospitati in un ostello - requisito dal prefetto - nella frazione di Gorino. "Non è una realtà in cui ci sia un sovraffollamento di stranieri", ha detto all'Agi Tagliani, "La protesta è esagerata. Voglio pensare - ha sottolineato - che sia stata fomentata dalla politica. Rilevo una crescente difficoltà di dare esecuzione alle indicazioni del ministero dell’Interno. Sono intervenuto - ha concluso Tagliani - perchè quando ci sono situazioni di questo tipo è un dovere trovare una soluzione".

Parole simili quelle espresse dal prefetto Mario Morcone: "Mi vergogno molto di quello che è successo a Ferrara", ha detto il capo del dipartimento Immigrazione del ministero degli Interni al Gr1 Rai, "Credo si debbano vergognare quelle persone che hanno impedito la sistemazione di donne e bambini. È un amaro ricordo che quei cittadini si porteranno appresso a lungo".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti