Milano, morto il 13enne intossicato nell'incendio a Quarto Oggiaro

Il giovane è stato tenuto in coma farmacologico tutta la notte. Sorpreso dal rogo, aveva telefonato alla madre: "C'è fumo, non respiro"

È morto questa mattina il ragazzino di 13 anni ricoverato all'ospedale Sacco in condizioni gravissime dopo essere rimasto coinvolto nell'incendio del palazzo in cui viveva, in via Cogne nel quartiere di Quarto Oggiaro a Milano. Haitam è stato tenuto in coma farmacologico per tutta la notte, ma poco dopo le 10 il suo cuore ha smesso di battere e l'encefalogramma è diventato piatto.

I soccorritori lo hanno trovato vestito nella vasca da bagno. "Forse ormai le scale erano piene di fumo. O forse è rimasto bloccato dalla paura – ha dichiarato un investigatore -. La casa era ormai caldissima, il fuoco alle finestre. E lui s’è chiuso in bagno. Pensando che l’acqua avrebbe fermato il fuoco".

L'incendio

Le fiamme sono divampate ieri mattina al decimo piano del palazzo e hanno rapidamente avvolto nel fumo anche gli appartamenti e gli inquilini che si trovavano ai piani superiori. Il 13enne era in casa da solo in quel momento, la mamma era al lavoro. "C'è fumo, è tutto nero - le aveva detto al telefono - non respiro".

Altre dodici persone sono rimaste intossicate nell'incendio e trasportate in diversi ospedali della città, ma nessuna si trova in condizioni preoccupanti. I residenti del palazzo, in tutto una settantina, sono stati ospitati per la notte in una struttura pubblica e in alcuni alberghi.

Con la morte del giovane Haitam, il reato per cui è stato aperto un fascicolo di indagine è di omicidio colposo. Sul caso i carabinieri del nucleo operativo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 15/02/2018 - 12:15

Indagare sugli inquilini diversamente italiani che, pensando di trovarsi ancora nella savana,accendono fuochi o barbecue sul pavimento senza collegare i neuroni (pochi) posseduti. Se poi si dovesse scoprire che il responsabile era affittuario di un generoso accogliente italiano,che dire: ben gli sta all'italiano che ci ha rimesso l'appartamento per colpa della sua stupidità. E un ragazzino senza colpa è morto.

baronemanfredri...

Gio, 15/02/2018 - 13:56

OLTRE CIO' CHE HA SCRITTO MBFERMO C'E' DA RILEVARE CHE NEI PALAZZI CON OLTRE MT 30 DI ALTEZZA C'E' L'OBBLIGO DI POMPE ANTINCENDIO ED ESTINTORI CON PRESENZA DI ASCENSORE O ADDIRITTURA DUE ASCENSORI COME CI SONO IN ALTRE TORRI QUI A MILANO. L'ASL E I VIGILI DEL FUOCO CON I LORO RELATIVI DIRIGENTI ED ISPETTORATI CHE HANNO FATTO IN QUESTI ANNI? AVEVANO IL CERTIFICATO DEPOSITATO PRESSO GLI UFFICI DEI VIGILI DEL FUOCO DI MILANO? LE POMPE E GLI ESTINTORI FUNZIONAVANO? C'ERA OGNI ANNO IL CONTROLLO CON RELATIVE SOSTITUZIONI DI PARTI NON PIU' IDONEE. DIRE STA SCOPPIANDO UN INCENDIO E' COME SENTIRSI RISPONDERE PARAPONZIPONZIPO', CHIARO? LE DOMANDE AVRANNO RISPOSTE?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 15/02/2018 - 14:19

mbferno: dopo la figuraccia rimediata con la storia del vecchietto travolto da un SUV a Milano credevo tu avessi quel minimo di dignità da evitare di scrivere altre fesserie. Considerata la tua capacità di non azzeccarci mai non sarei sorpreso se a causare l'incendio fosse stato un leghista con tanto di elmo cornuto durante un rito per ingraziarsi i favori del dio Po.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 15/02/2018 - 14:21

Beh, io da ragazzino facevo esperimenti con l'alcol ma lontano da tende e mobili. Una volta, poi 2 e poi mai più fatto, perchè avevo compreso che era pericoloso. Studiavo fisica, non chimica.

venco

Gio, 15/02/2018 - 14:38

Avere condomini extracomunitari non è da star tranquilli.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 15/02/2018 - 15:25

@Dreamer66....cosa diavolo c'entra la politica? Vada a leggersi i post relativi a questo fatto di gente che ha sperimentato dal vivo le usanze dei diversamente italiani,di cui tra l'altro quel condominio e' pieno: senza contare che ho fatto una ipotesi e non una affermazione. Il fatto che lei tiri in ballo i leghisti,che evidentemente odia,in questa circostanza denota la sua pochezza mentale. Inoltre non ha nemmeno fatto caso che nel mio post ho persino espresso profondo rammarico per la morte del ragazzino di 13 anni,pur sapendo che era africano....se è in grado tragga altre conclusioni ma soprattutto non mi spacchi più i marroni.