Milano, sponsorizza protesi in cambio di mazzette: arrestato medico

Il primario dell'ospedale Gaetano Pini di Milano è stato messo agli arresti domiciliari con l'accusa di corruzione e turbativa d'asta

Il medico responsabile del reparto di Ortopedia e Traumatologia dell'ospedale Gaetano Pini di Milano avrebbe sponsorizzato l'acquisto di protesi ottenendo in cambio soldi e inviti a convegni e programmi tv per i suoi rapporti con i dipendenti delle aziende del settore. Per questo Norberto Confalonieri è stato arrestato e messo ai domiciliari con le accuse di corruzione e turbativa d'asta. Dalle intercettazioni emergerebbe anche un altro particolare. Il medico "afferma di avere rotto il femore a una anziana per allenarsi".

Le multinazionali farmaceutiche le cui protesi sarebbero state favorite sono due. Il medico, scrive la Procura, "in situazione di conflitto d'interessi e in violazione dei propri doveri di ufficio, in un arco temporale tra il 2012 e il 2015, ha costantemente asservito la sua funzione agli interessi delle società fornitrici Johnson & Johnson e B. Braun". Come riporta l'Agi, il gip, accogliendo la richiesta del pm, ha emesso alcune misure interdittive, tra cui quelle nei confronti di quattro dipendenti delle due aziende e di Luigi Ortaglio, responsabile del provveditorato dell'ospedale di Sesto San Giovanni: per lui, sospeso dall'esercizio della pubblica funzione per un anno, l'accusa è di turbativa d'asta. Per i quattro dipendenti, accusati di corruzione e turbativa, c'è la misura del "divieto temporaneo di esercitare le rispettive attività professionali e imprenditoriali, nonché ogni altro ufficio direttivo delle persone giuridiche delle imprese".

Le stesse due società risultano indagate, ai sensi della legge 231, sulla responsabilità amministrativa di imprese per reati commessi dai propri dipendenti. Le misure interdittive riguardano Natalia Barberis e Stefania Feroleto, agente di commercio e dipendente della "DePuy Orthopeadics" in Johnson & Johnson Medical Spa, e Fabio Barzaghi e Sabrina Consonni, rispettivamente agente distributore e dipendente della B Braun & Braun.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 23/03/2017 - 13:22

e volete stare nella Comunità Europea reclamando dei diritti?

cianciano

Gio, 23/03/2017 - 15:01

.....licenziamento, subito adesso.....non trufferà più l'asl

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 23/03/2017 - 15:27

ziobeppe1951 , non commento ,per tuo rispetto , ma quando io commento , e dico la verità , non cè l'ho con i padani come te ma con i patani .

Tigre26

Gio, 23/03/2017 - 16:38

CARA FINANZA, SAI QUANTI CE NE SONO IN ITALIA CHE FANNO QUESTO LAVORO?

ziobeppe1951

Gio, 23/03/2017 - 19:26

giovinap ..15.27...effettivamente Confalonieri è un nome padano, ma lui è un gran figlio di ...patano

Publio Sestio Baculo

Gio, 23/03/2017 - 19:31

Sarebbe opportuno che fossero assunti un maggior numero di medici di razza poichè di bastardi ne abbiamo fin troppi.

Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Gio, 23/03/2017 - 19:34

CI vorrebbe lo stesso trattamento.. invece sto maiale non paghera' mai niente..se non un avvocato..

lavieenrose

Gio, 23/03/2017 - 20:33

franco-a-trier_DE, in Germania ci vengo, quando va male due volte al mese, se no almeno una volta alla settimana per lavoro. Ho moltissimi amici tedeschi e conosco la Germania e il suo popolo molto bene e li apprezzo. Mi creda, lei non li rappresenta per niente e non rende loro un buon servigio come vorrebbe. La Germania non è un'isola felice, ha seri problemi e il suo popolo è formato da ottime persone, da bifolchi e da criminali, ne più ne meno come da noi. Onore alla Germania e all'Italia e se la si smettesse di dire TUTTI inutili fregnacce l'Europa sarebbe sicuramente migliore grazie proprio a questi due popoli che sono molto più simili di quanto non si creda. Abbia pietà dei tedeschi e lasciamoli in pace a leccarsi ferite molto profonde e più numerose di quanto non rappresentino i mezzi d'informazione.

lavieenrose

Gio, 23/03/2017 - 20:34

Questo è un pazzo furioso, ma purtroppo non è ul solo. Nella sanità purtroppo la "zona grigia" è aumen tata in maniera esponenziale e c'è veramente d'aver paura.

petra

Gio, 23/03/2017 - 21:24

Ma quanti diavoli ci sono negli ospedali!!

Martinico

Gio, 23/03/2017 - 21:28

Dovessero essere vere e accuse a lui ascritte dovrebbe essere spolpato di ogni bene e gettato in carcere senza pietà. Ripeto dovessero essere vere le accuse. Vedremo i risvolti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 23/03/2017 - 22:39

Guadagnano già tanti soldi!

demetrio_tirinnante

Ven, 24/03/2017 - 00:46

Atti criminali, come quelli descritti, compiuti per giunta con l'aggravante della crudeltà - non si può spaccare un femore per prova - andrebbero puniti con severità massima.

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 24/03/2017 - 06:34

(3)Lo vedete, polentoni, che queste cose non succedono solo a Napoli?

Fjr

Ven, 24/03/2017 - 09:59

C'è chi per allenarsi alla domenica va a correre al parco ,lui per allenarsi frantumava femori ,alla faccia del giuramento di Ipocrita

Dordolio

Ven, 24/03/2017 - 12:02

Orione1950.... certe cose possono succedere certo anche al nord. Ma nelle mie peregrinazioni per vari ospedali mi sono SEMPRE trovato in camera con dei meridionali. Ottime persone, tutte impegnate in "viaggi della speranza" che mi hanno raccontato cose incredibili degli ospedali del sud. L'ultimo, un anno fa (ex carabiniere), aveva perso un piede a causa di errate terapie. L'altro qui glielo hanno salvato. Da notare che il chirurgo immenso responsabile della struttura è meridionalissimo. Ed è nel nord appunto che si è affermato per quel che valeva.... mica giù!

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 24/03/2017 - 16:44

@Dordolio; hai ragione; figurati, vivo in Francia e non c'é alcun paragone tra quelli francesi e gli ospedali del nord. Pero', quello per cui io mi batto é che bisogna finire di farsi la guerra tra pezzenti. L'Italia, paese non unito, soffre dell'italianità e non della differenza tra nord e sud che comunque esiste in alcune realtà. Lo status del sud é voluto; a dimostrazione di cio' é l'assenza cronica dello stato che i cittadini onesti, a cui ho la presunzione di appartenere, chiedono a voce alta.