Mogherini: "No fermare migrazioni ma combattere traffici"

Federica Mogherini al termine del vertice Ue-G5 Sahel a Bruxelles: "Qui non si tratta di fermare la migrazione. Le migrazioni sono sempre esistite"

Mogherini: "No fermare migrazioni ma combattere traffici"

Mentre l'Italia chiude i porti (e gli italiani - dicono i sondaggi - concordano sulla posizione di Salvini); mentre anche la Germania è pronta ad avviare i respingimenti; mentre Orban, l'Austria e Visegrad chiedono un giro di vite sui migranti, Federica Mogherini torna a parlare di immigrazione e va controcorrente. L'Europa - dice - non deve fermare tutte le migrazioni.

"Vorrei dire qualcosa che oggi non è molto popolare in Europa, ma sono convinta che sia la verità - ha scandito Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, al termine del vertice Ue-G5 Sahel che si è tenbuto a Bruxelles. - qui non si tratta di fermare la migrazione. Le migrazioni sono sempre esistite e su questo punto ci sono due fattori da ricordare: prima di tutto ci sono più migrazioni in Africa che dall'Africa all'Europa, e a volte ce ne dimentichiamo. In secondo luogo, alcuni settori economici in Europa, senza l'immigrazione, semplicemente non lavorerebbero più da un giorno all'altro".

Per la Mogherini "ciò che è necessario" è "fermare il traffico di esseri umani, l'immigrazione clandestina, sfruttando la scomparsa di persone". Insomma, "la priorità è combattere la tratta di esseri umani e le organizzazioni criminali dietro di essa". Ma non fermare le migrazioni in generale. "Questo è il motivo per cui abbiamo deciso che questo duplice approccio - ha spiegato- in primo luogo smantellare le organizzazioni criminali che fanno un business del traffico di esseri umani. In secondo luogo, sviluppare opportunità economiche locali, specialmente nelle comunità più colpite dai flussi migratori".

Commenti