Natale, via Gesù dalla canzone. Interviene Salvini: "Giù le mani dalle nostre tradizioni"

Matteo Salvini commenta il caso che è stato registrato in provincia di Venezia: "Come si può pensare che la parola Gesù possa offendere?"

Natale, via Gesù dalla canzone. Interviene Salvini: "Giù le mani dalle nostre tradizioni"

Alla fine il buonsenso dei più piccoli ha fatto da scuola ai più grandi e la parola Gesù è rimasta nella canzoncina della recita di Natale in una classe elementare di Riviera del Brenta in provincia di Venezia.

L'assurdo caso è stato registrato appunto in una scuola elementare veneta. Alcuni insegnanti, infatti, avevano deciso di togliere il nome di Gesù dalla canzone Natale in allegria per non offendere gli studenti non cattolici che frequentano l'istituto. Un po' come chi vuole togliere i crocifissi dalle scuole per questioni di "rispetto". Ecco, in questo caso viene messo in discussione proprio Gesù. E lo si voleva togliere dalla recita di Natale.

La decisione delle maestre, però, ha suscitato immediatamente l'indignazione di una bimba di 8 anni che frequenta la quinta elementare. Così, armata di penna e quaderno ha promosso una petizione fra i suoi compagni. In pochissimo tempo, ha raccolto le firme di tutta la classe. Tutti i bimbi erano d'accordo con lei: Gesù doveva e deve rimanere nella canzoncina di Natale. E così è. Le maestre si sono fatte convincere (c'era bisogno di convincerle?) e Gesù non è stato escluso dalla canzoncina. Alla recita di Natale, quindi, la canzone verrà eseguita nella sua versione originale.

Ma ora a commentare l'assurdo caso è il ministro dell'Interno. Sul suo profilo Facebook, Matteo Salvini commenta: "Ma come si può anche solo pensare che la parola Gesù in una canzone natalizia a scuola possa offendere qualcuno??? Eccezionale la bimba, inqualificabili le maestre. Giù le mani dalle nostre tradizioni! Buon sabato Amici".

Commenti