Naufragio della Concordia Costa rischia maxi multa

La procura di Grosseto ha notificato alla Costa Crociere spa l’avviso di conclusione delle indagini ipotizzando responsabilità amministrative 

Il relitto della Costa Concordia
Il relitto della Costa Concordia

Il rischio è rappresentato da una maxi multa. La procura di Grosseto ha notificato oggi alla Costa Crociere spa l’avviso di conclusione delle indagini dell’inchiesta sul naufragio della Concordia
ipotizzando, a carico della società, responsabilità amministrative ai sensi della legge 231 del 2001.

La Costa è indagata per i reati commessi da suoi dipendenti nel naufragio al Giglio del 13 gennaio 2012, in particolare da parte del comandante Francesco Schettino e dal coordinatore dell’unità di crisi Roberto Ferrarini.

Ora la società, con sede a Genova, rischia una sanzione pecuniaria, forse di centinaia di migliaia di euro. Inoltre, una volta notificato l’avviso di conclusione delle indagini, la Costa ha 20 giorni di tempo per presentare una memoria, dopodiché la procura si riserverà di decidere se chiedere il rinvio a giudizio oppure no.

Nel dettaglio, gli inquirenti contestano alla Costa una serie di inadempienze tra cui il non aver osservato le procedure di emergenza previste in caso di incidente e naufragio, il non aver dato subito l’allarme generale, l’aver sminuito l’entità del danno ricevuto dalla nave nell’urto contro gli scogli avendo comunicato alle autorità marittime il problema di un black out anziché le gravissime avarie a bordo.

Commenti