Alec Baldwin sotto accusa: "Ha scelto di giocare alla roulette russa"

Secondo la donna l'attore non avrebbe rispettato le norme di sicurezza sul set quando ha impugnato la pistola: "Ha scelto di giocare alla roulette russa"

Alec Baldwin sotto accusa: "Ha scelto di giocare alla roulette russa"

Il dramma consumatosi sul set del film Rust, dove la direttrice della fotografia Halyna Hutchins è morta, continua ad avere pesanti ripercussioni sulla vita di Alec Baldwin. Dalla pistola impugnata dall'attore durante le riprese di una scena è partito il colpo, che ha ucciso accidentalmente la Hutchins. Le responsabilità del drammatico incidente stanno emergendo dalle indagini. Negligenze e mancati controlli da parte della produzione e dell'armaiolo sarebbero alla base dell'omicidio. Questo avrebbe messo al riparto da possibili accuse Baldwin. Una denuncia penale nei confronti dell'attore, presentata nelle scorse ore, potrebbe però rimettere in discussione il suo ruolo - da marginale a centrale - nell'incidente.

Come riporta The New York Times, Alec Baldwin è stato denunciato da Mamie Mitchell, sceneggiatrice di Rust, che nelle scorse ore ha depositato un atto legale presso la Corte di Los Angeles. La donna, conosciuta per avere lavorato come sceneggiatrice a Cowboys & Aliens e Quel treno per Yuma, ha dichiarato di soffrire di una grave forma di angoscia emotiva e di avere "subito gravi traumi fisici, choc e lesioni al suo sistema nervoso e alla persona" come conseguenza diretta di quanto avvenuto sul set del film.

Durante una conferenza stampa l'avvocato della Mitchell, Gloria Allred, ha denunciato il ruolo chiave che Alec Baldwin avrebbe avuto nell'incidente mortale, accusandolo di avere "scelto di giocare alla roulette russa quando ha scelto di sparare senza prima controllare". Un comportamento, quello dell'attore e della produzione cinematografica, definito "pericoloso". Nella denuncia formale presentata dalla sceneggiatrice quello di Alec Baldwin non è l'unico nome a essere finito nella lista degli accusati. La donna ha denunciato anche l'assistente alla regia, David Halls, e l'armaiolo, la 24enne Hannah Gutierrez-Reed.

Secondo quanto chiarito dall'avvocato della Mitchell, le norme di sicurezza sui set americani previste per tutte le produzioni cinematografiche imporrebbero che l'armaiolo mostri esplicitamente all'attore che l'arma è sicura prima di consegnargliela. Una regola che Baldwin conosceva e che non avrebbe rispettato.

La denuncia di Mamie Mitchell si aggiunge a quella sporta da Serge Svetnoy, capo tecnico delle luci, che subito dopo l'incidente mortale ha denunciato Alec Baldwin e altri componenti della produzione per negligenza. Anche l'uomo accusa l'attore e altri addetti di avere subito un "grave disagio emotivo" in seguito all'accaduto. Svetnoy, come la sceneggiatrice, era presente sulla scena nel momento dello sparo e denuncia di essere stato sfiorato dal proiettile e colpito dai residui dell'esplosione.

Commenti