Omicidio Marco Vannini: arriva la condanna per tutta la famiglia Ciontoli

In sede d'Appello bis il militare Antonio Ciontoli è stato condannato per omicidio volontario con dolo eventuale per aver ucciso l'allora 20enne Marco Vannini, fidanzato della figlia. Condannati anche i suoi familiari

Con l’accusa di omicidio volontario con dolo eventuale è stato condannato a 14 anni di reclusione il sottoufficiale della Marina Militare Antonio Ciontoli. Per lui l’accusa di avere ucciso Marco Vannini la notte tra il 17 e il 18 maggio scorsi nella propria abitazione di Ladispoli. Questo il tanto atteso verdetto emesso dalla seconda Corte d’Assise d’Appello di Roma. Condannati invece a 9 anni e 4 mesi gli altri componenti della famiglia che hanno assistito all’omicidio quella notte, ovvero la moglie Maria Pezzillo, i figli Federico e Martina. Una sentenza accolta con gli applausi dei presenti in aula e le lacrime di gioia dei genitori di Marco: "Andrò al cimitero a trovare mio figlio- ha detto Marina Conte, mamma di Marco- spero che il custode mi apra il loculo per dire a mio figlio che la giustizia è lenta, ma è arrivata". I genitori della vittima non si sono mai rassegnati in questi 5 e lunghi anni di processo e di lotta per fare emergere tutta la verità su quanto fosse accaduto quella sera. Un dolore vissuto da sempre con dignità ma che non è stato mai nascosto pur di dare giustizia a quella tragica morte celata dalle versioni contraddittorie rese da tutta la famiglia del militare.

Le ore che hanno preceduto la sentenza

Chiedo perdono per quello che ho commesso e anche per quello che non ho commesso. So di non essere la vittima ma il solo responsabile di questa tragedia”. Sono queste le parole pronunciate questa mattina in tribunale da Antonio Ciontoli nell’esporre le dichiarazioni spontanee ai giudici del processo d’Appello bis. “Sulla mia pelle- ha proseguito il militare- sento quanto possa essere insopportabile, perché innaturale, dover sopportare la morte di un ragazzo di vent'anni, bello come il sole e buono come il pane. Quando si spegneranno le luci su questa vicenda, rimarrà il dolore lacerante a cui ho condannato chi ha amato Marco. Resterà il rimorso- ha concluso- di quanto Marco è stato bello e di quanto avrebbe potuto esserlo ancora e che a causa del mio errore non sarà. Marco è stato il mio irrecuperabile errore”. Nel corso del processo questa mattina è intervenuto per l’accusa il procuratore generale Vincenzo Severiano, che ha chiesto ancora una volta 14 anni per Antonio Ciontoli per omicidio volontario e analoga pena per la moglie e i figli. Solamente in subordine ha chiesto per gli stessi familiari la pena di 9 anni e 4 mesi. Anche le parti civili rappresentate dai legali Franco Coppi e Celestino Gnazi, hanno ribadito la responsabilità per tutti gli imputati. La difesa invece ha chiesto una condanna massima di 5 anni per omicidio colposo.

La tragedia

La drammatica vicenda che si è consumata con la morte di Marco Vannini è avvenuta la notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015. Una tranquilla sera di primavera come le altre, a casa della famiglia della fidanzata in una villetta di Ladispoli. Marco che allora aveva 20 anni, è stato raggiunto dal colpo del proiettile di una Beretta calibro 9 appartenente al padre della fidanzata. Ferito alla gabbia toracica e al cuore, Marco ha atteso 110 minuti prima di essere soccorso dai mezzi del 118. Non un ritardo dovuto alla negligenza dei mezzi di soccorso ma alla volontà della famiglia Ciontoli che, prima di chiamare aiuto, ha impiegato tutto quel tempo fornendo poi ai medici e alle autorità versioni poco chiare e contraddittorie. Proprio quel ritardo è stato fatale per il giovane. A stabilirlo la Corte di Cassazione che ha ribaltato il grado di Appello.

La sentenza di primo grado

Risale al 18 aprile del 2018 la sentenza di primo grado che ha condannato Antonio Ciontoli a 14 anni di reclusione con l’accusa di omicidio volontario per la morte di Marco Vannini: “Antonio Ciontoli - si legge in quel documento del giudizio- lasciò morire Marco Vannini per evitare guai sul lavoro”. Tre anni invece, con l’accusa di omicidio colposo, per tutti gli altri familiari, ovvero la moglie e i due figli presenti al momento del fatto. In quella sede è stata assolta la fidanzata di Federico Ciontoli, testimone che aveva assistito a quanto accaduto dentro quelle mura.

La sentenza in appello

La condanna per Ciontoli è stata ribaltata in sede d’Appello lo scorso 29 gennaio: secondo i giudici, il militare non ha commesso un omicidio volontario ma colposo con conseguente sconto della pena. I 14 anni di reclusione inflitti in primo grado sono diventati 5. Confermata la condanna a 3 anni per tutti gli altri componenti della famiglia. La notizia ha scosso i genitori e i familiari della vittima che hanno sollevato non poche polemiche ritenendo la pena non adeguata a dare giustizia alla morte assurda del proprio figlio.

La svolta

Il 6 marzo scorso è arrivata la svolta con la sentenza della Corte di Cassazione che ha ribaltato il grado di appello accogliendo i ricorsi della procura generale e delle parti civili per i quali la morte di Marco fu omicidio volontario con dolo eventuale. Sempre la Corte di Cassazione ha confermato che i 110 minuti di ritardo per chiamare i soccorsi sono stati determinanti a causare la morte del giovane.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Mer, 30/09/2020 - 16:02

bene...lasciar agonizzare un ragazzo di vent'anni..per ore..senza soccorrerlo merita questo ed altro

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 30/09/2020 - 16:04

dovete andare tutti in galera, in quanto tutti vi siete accordati su come camuffare quello che altro non è che un OMICIDIO. Non si puo' tenere arma carica , senza sicura, colpo in canna poi dire.....oh è stata una fatalità. In galera tutti.

ruggerobarretti

Mer, 30/09/2020 - 16:35

per una volta d'accordissimo con lorenzovan

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Mer, 30/09/2020 - 16:47

Beh lì hanno partecipato tutti alla morte di quel povero ragazzo che poteva essere salvato!

nexux

Mer, 30/09/2020 - 17:08

Per completare l'opera della giustizia andrebbe cacciato dalla magistratura quello che in appello aveva ridotto la pena a 5 anni

oracolodidelfo

Mer, 30/09/2020 - 17:34

Concordo con Lorenzovan 16,02 e nexux delle 17,08.

quarantena

Mer, 30/09/2020 - 17:34

Sspiace dirlo, ma lui avrà tutto il tempo per capire meglio quanto è insopportabile il dolore dei familiari del povero ragazzo da lui ammazzato ! Però guardandoavanti, dinchè avranno vita a campare i genitori di Marco, dovranno avere sempre le antenne ben sintonizzate perchè i fatti hanno dimostrato come e quanto l'assassino abbia santi in paradiso cui appellarsi... nel senso che non ci vuole molto che questi santi, lo facciano uscire di galera dopo aver scontato solo qualche anno...

Boxster65

Mer, 30/09/2020 - 17:36

Quoto nexux, andrebbe messo in gabbia anche il giudice che aveva ridotto un efferato omicidio ad un reato bagatellare. Speriamo almeno che qualche anno in gabbia lo passino tutti a riflettere sulla vita che hanno spezzato.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mer, 30/09/2020 - 17:45

Solo 14anni? Troppo poco, diamine!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 30/09/2020 - 18:08

@vince50_19 - concordo.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 30/09/2020 - 19:05

^(°@*)^ Dicevano che si era ferito con un pettine, effettivamente da quando l’hanno inventato ha ucciso un’infinità di persone, dicevano che il botto era stato un colpo d’aria , pure qua devo concordare , pure a casa mia quando fa corrente d’aria tra la sala è la cucina la porta sbatte con un rumore assordante più di un proiettile calibro 9 parabellum, comunque sia una certa condanna l’hanno data, solo che questa pena di 15anni dovrà essere divisa per il fattore sottosviluppativo italico che è pari a 7 , il che porterà gli anni effettivamente da scontare da 15 a 2,1428571428573.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 30/09/2020 - 19:39

^(°@*)^ Mi hanno sempre messo in guardia fin da bambino FAI MOLTA ATTENZIONE AL PETTINE, STAI ATTENTO QUANDO TI PETTINI E AI COLPI D’ARIA

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 01/10/2020 - 11:06

in Italia quindi l'Omicidio Volontario con dolo viene punito con 14 anni di galera.ASSURDO , se ammazzi una persona almeno 30 anni te li devi fare, ma TUTTI.

Seawolf1

Gio, 01/10/2020 - 11:17

Finalmente... Ma la Viola non c'era?

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 01/10/2020 - 11:39

A me la pena sembra abbastanza "risibile" soprattutto per i familiari che, per quanto mi riguarda, sono colpevoli al pari di chi ha commesso materialmente l'omicidio.

timoty martin

Gio, 01/10/2020 - 11:40

Giusto che sia stato riconosciuto l'omicidio volontario e giusto che siano stati condannati anche i familiari. Tutti colpevoli di mancata assistenza. Per quanto fatto al ragazzo, meriterebbero l'ergastolo.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 01/10/2020 - 12:30

Flex scusa, ma tra SPARARE e MENTIRE, io ci trovo una enorme differenza...

oracolodidelfo

Gio, 01/10/2020 - 14:29

98NARE 1,30 - penso che in caso di furto sono parimenti colpevoli il ladro e chi regge il sacco.....pertanto.......