Pestano un corriere e gli rubano il furgone: caccia ai magrebini

Il giovane, che ha lanciato delle grida di aiuto durante l'aggressione, è finito all'ospedale Grassi, per fortuna non in gravi condizioni. Tuttora ricercati i responsabili della rapina, presumibilmente quattro nordafricani

Hanno bloccato la strada al furgone di un corriere, aggredito con ferocia il conducente del mezzo e, dopo essersi impossessati del loro obiettivo, compresi i pacchi contenuti al suo interno, sono sfrecciati per le vie del litorale di Ostia (Roma) dando vita ad uno spettacolare inseguimento a tutta velocità prima di decidere di abbandonare l'impresa e fuggire a piedi.

Protagonista del violento episodio di rapina, avvenuto nel corso della mattinata di oggi, una banda di malviventi nordafricani, principali indiziati e tuttora ricercati dalle locali forze dell'ordine che hanno dato avvio ad una vera e propria caccia all'uomo dopo aver trovato e sottoposto a sequestro il furgone usato nella fuga.

L'allarme è scattato intorno alle 12:15, quando il giovane corriere, un ragazzo di 19 anni, stava percorrendo le vie della zona di Ostia Lido per effettuare delle consegne a domicilio. Ad un tratto la sua strada è stata sbarrata da quattro rapinatori, come detto presumibilmente di etnia magrebina. Aggredito ed esplicitamente minacciato da questi ultimi, i quali pretendevano che venissero loro consegnate le chiavi del furgone Dhl, il giovane è stato costretto ad uscire dal mezzo. Preso a pugni dai malviventi nordafricani, e colpito in testa con un corpo contundente, il 19enne ha iniziato disperatamente a gridare per richiamare l'attenzione di qualcuno. Rinchiusi nelle proprie abitazioni per le limitazioni anti Coronavirus, alcuni residenti si sono immediatamente resi conto di quanto stava accadendo ed hanno provveduto ad allertare le forze dell'ordine. A rispondere alla richiesta di intervento gli uomini del commissariato di Ostia Lido, che hanno fornito la prima assistenza al 19enne e contattato il 118. Necessarie le cure dei sanitari per la vittima dell'aggressione, colpita ripetutamentre e con forza alla testa dai malviventi: si trova ora ricoverato all'ospedale Grassi ma per fortuna non in gravi condizioni.

Grazie alle sue indicazioni, i poliziotti hanno fatto scattare immediatamente le ricerche del furgone Dhl, sulle tracce del quale si sono messe le volanti della Polizia Lido 1. Dopo aver rintracciato il mezzo ricercato, ha avuto inizio un inseguimento ad alta velocità tra i fuggitivi e gli inseguitori, che hanno percorso il Lungomare Paolo Toscanelli e Viale delle Repubbliche Marinare. Sentendosi oramai braccati, i rapinatori hanno deciso di abbandonare il mezzo in via Domenico Bonamico e di proseguire a piedi la loro fuga per evitare in ogni modo di essere arrestati. Sottoposto a sequestro il furgone rubato dai malviventi, sul quale gli inquirenti continuano a condurre delle indagini approfondite. Si cercano i responsabili nordafricani, fuggiti nelle vie del quartiere di Ostia Ponente.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mimmo1960

Mar, 24/03/2020 - 18:56

Solidarietà ai bisognosi non siate razzisti.

roberto leone

Mar, 24/03/2020 - 19:21

Dal momento che i nostri rapinatori non possono uscire causa coronavirus ci pensano i clandestini a tener vivo il settore rapina. Aveva ragione la Boldrini quando diceva che l'Italia ha bisogno di queste risorse!!!!!

dagoleo

Mer, 25/03/2020 - 10:15

sono risorse della Boldri. sono sicuro che se la contattate e ci parla lei restituiranno tutto. d'altro canto sono preziose risorse venute qui per pagarci le pensioni. dobbiamo tutelarle.

ondalunga

Mer, 25/03/2020 - 10:27

Corte Marziale !

Reip

Mer, 25/03/2020 - 10:45

Come da prassi in qualunque pandemia che si sviluppa in uno Stato confuso male organizzato e con scarsissimi mezzi come il nostro questa vicenda rappresenta solo la punta dell’iceberg! Siamo solo all’inizio! Ci saranno occupazioni abusive, assalti ai magazzini ai negozi chiusi, ai tir che trasportano le derrate alimentari, ai supermercati. Presto chiuderanno i distributori, le fabbriche e le imprese restanti, Poi chiuderanno le banche, la gente impaurita terrorizzata e affamata si riverserà per le strade! Le nostre città i nostri paesi saranno il triste e apocalittico scenario di disordini, proteste, rivolte e guerra civile! Urge che lo Stato sia presente come non mai adesso! Bisogna punire in modo esemplare proprio in questo periodo chi commette qualunque reato! La presenza massaggia dei militari, la legge marziale e la salvaguardia della proprietà privata e delle istituzioni private e pubbliche è fondamentale, subito!