Il Papa dimesso: lascia il Gemelli

Dopo l'intervento programmato al colon del 4 luglio, il Papa è stato dimesso dal policlinico Gemelli. Continuerà la convalescenza a Casa Santa Marta

Papa Francesco lascia il policlinico Gemelli

Papa Francesco ha lasciato il policlinico Gemelli di Roma, dove era ricoverato da domenica 4 luglio, per un intervento chirurgico al colon programmato. Il Pontefice è stato dimesso dall'ospedale questa mattina e, intorno alle 10:45, è stato visto lasciare il policlinico dall'ingresso di via Trionfale. Secondo quanto riporta LaPresse, alcuni testimoni avrebbero rifetito di un'auto con a bordo il Santo Padre che lasciava l'ospedale. Dopo le dimissioni, Bergoglio si è fermato alla Basilica di Santa Maria Maggiore per pregare ed è rientrato in Vaticano. Poco prima è sceso dall'auto per salutare le persone presenti al suo arrivo e il personale di polizia che lo ha scortato.

L'operazione

Lo scorso 4 luglio, Papa Francesco era stato ricoverato al Gemelli. Accanto a lui, quel giorno solo uno stretto collaboratore e l'autista, mentre il comandante e un commissario della gendarmeria vaticana presidiavano la struttura. Il motivo del ricovero era un intervento programmato per una stenosi diverticolare sintomatica al colon, cioè un'occlusione causata da diverticoli infiammati. L'operazione, condotta in anestesia generale e durata circa tre ore, "ha comportato una emicolectomia sinistra", aveva spiegato la sala stampa del Vaticano, ovvero l'asportazione di una parte del colon. Dopo l'intervento, eseguito dal professor Sergio Alfieri, era presvista una degenza di una settimana, prolungatasi solo di qualche giorno. All'intervento, il Santo Padre aveva "reagito bene" ed era in "buone condizioni generali, vigile e in respiro spontaneo". Il decorso post-operatorio, svoltosi in maniera "regolare" con "esami di routine buoni", si era concluso lunedì e ora il Santo Padre continuerà la convalescenza a Casa Santa Marta. Si è trattato del primo intervento chirurgico importante da quando Bergoglio è diventato Papa, nel 2013.

La degenza

Dieci i giorni di degenza dopo l'operazione, passati nella stessa stanza dove, per sette volte, venne ricoverato Papa Giovanni Paolo II. Nonostante l'operazione subita, il Santo Padre non ha rinunciato al contatto con i fedeli. Bergoglio, infatti, si è recato in visita al Reparto di Oncologia pediatrica, situato allo stesso piano in cui ha trascorso i giorni di degenza. I bambini gli avevano scritto una lettera: "Abbiamo saputo che non stai tanto bene e che adesso ti trovi nel nostro stesso ospedale- recitava il testo- Anche se non possiamo vederci ti mandiamo un forte abbraccio e ti auguriamo di guarire presto". Domenica, il Papa non ha rinunciato nemmeno a recitare l'Angelus, affacciatosi al balconcino del decimo piano del policlinico Gemelli. E oggi, a 10 giorni dall'operazioni, le dimissioni e il ritorno in Vaticano.

Commenti