"C'è uno scisma nella Chiesa"

Papa Francesco non ha aperto all'abolizione del celibato. Ma la sponda offerta al fronte conservatore non spegne le preoccupazioni dei critici

Aldo Maria Valli, nonostante la mancanza dell'apertura del Papa sull'abolizione del celibato, ne è ancora convinto: la Chiesa cattolica vive uno scisma de facto. Anzi, stando alla visione del vaticanista, di "Chiese" ormai ne esistono due. E sono molto differenti tra loro. Una è modernista. L'altra è conservatrice. La frattura poi viene alimentata dal problema della "coabitazione" tra "due Papi". Dopo la pubblicazione di Querida Amazonia, dove Jorge Mario Bergoglio non ha disposto attorno alla prassi sacerdotale, le convinzioni del "fronte tradizionale" rimangono sempre le stesse. Abbiamo intervistato l'autore di "Le due Chiese, il Sinodo panamazzonico e i cattolici in conflitto" per comprendere al meglio cosa sta accadendo all'ombra di San Pietro.

"Querida Amazonia" non apre ai "viri probati" o all'abolizione del celibato sacerdotale. Come mai le proposte del Sinodo panamazzonico non hanno avuto seguito?

Non so se si possa davvero dire che le proposte del Sinodo non abbiano avuto seguito. In realtà, siamo nel campo dell'incertezza. Da un lato è vero che nella esortazione apostolica il Papa non parla dei viri probati, dall'altro però Jorge Mario Bergoglio raccomanda di leggere con attenzione il documento finale del Sinodo, dove invece se ne parla eccome. Non sappiamo, dunque, quanto il Papa faccia proprio il documento finale del Sinodo. Tra le righe, pare di capire che lo faccia proprio, ma allo stesso tempo non lo dice in modo esplicito. Succede spesso con Francesco: siamo in una situazione di confusione. Una confusione che, almeno secondo me, è voluta, perché con questa mancanza di indicazioni precise Bergoglio lascia che siano gli episcopati a regolarsi come meglio ritengono. Sono la prassi e la pastorale a dettare la linea dottrinale.

Joseph Ratzinger e Robert Sarah, con Dal profondo del nostro cuore, hanno interferito con le volontà del pontefice argentino?

Non ritengo corretto affermare che Dal profondo del nostro cuore abbia interferito. Ratzinger e Sarah hanno espresso una posizione autorevolissima. Erano liberi di farlo e l'hanno fatto. Con ogni probabilità, questo intervento ha contribuito alla frenata di Francesco. Penso che il Papa si sia reso conto di come le posizioni espresse dal cardinal Sarah e da Benedetto XVI fossero molto più condivise nella Chiesa di quanto potesse immaginare. Il Papa stesso ha usato questa formula: "Non ho avvertito la spinta dello Spirito Santo al cambiamento". Un modo per dire che si è ritrovato più solo di come immaginasse. So anche che alcuni vescovi e cardinali hanno scritto a Bergoglio. Certo, non lo hanno fatto in modo pubblico, ma so per certo che gli hanno scritto, scongiurando di non introdurre cambiamenti circa il celibato sacerdotale. I messaggi sono arrivati a destinazione. E anche questi hanno avuto indubbiamente un ruolo.

Ma la partita sul celibato è chiusa? I tedeschi ed i brasiliani sembrano essere di tutt'altro avviso...

No, non è chiusa. Queste frange - chiamiamole moderniste - hanno sempre spinto in una certa direzione e lo faranno ancora. Si tratta delle stesse frange che si aspettavano ben altro da “Querida Amazonia”. Ma dal Papa è arrivata una frenata. Il fatto che si aspettassero altro lo abbiamo registrato dai commenti che sono seguiti alla pubblicazione della esortazione apostolica. I tedeschi, in specie, sono delusi e spiazzati. Queste frange dovranno riorganizzarsi. Molto dipenderà dal percorso sinodale della Conferenza episcopale tedesca. Io penso che in futuro ci saranno altri strappi. Strappi che avranno luogo grazie alle fessure che “Querida Amazonìa” lascia aperte.

Bergoglio ha inoltrato una lettera al cardinale Mueller. Il Papa sta cercando la "quadra" con i conservatori. E se sì, perché?

Più che una lettera è un messaggio di poche righe. Papa Francesco è un politico. Le mosse del pontefice sono sempre di tipo politico. Questo messaggio rientra nella situazione già esposta: Bergoglio si è reso conto di essere più solo di quanto pensasse. Il pontefice ha colto al volo la sponda che gli è stata offerta da Müller con un commento positivo su Querida Amazonia. Quel messaggio lo interpreto all'interno di questo scacchiere di manovre.

Su cosa potrebbe vertere il prossimo Sinodo, che stando al calendario dovrebbe tenersi nel 2022?

Il prossimo Sinodo è stato fissato per l'autunno del 2022, dunque c'è ancora tempo. La segreteria del Sinodo ha presentato al Papa una terna di argomenti. Non so quali siano, ma uno potrebbe essere la stessa "sinodalità", ossia il modo di gestire la "sinodalità". C'è una corrente di pensiero, che proviene sempre dalla Germania, che è favorevole ad una sorta di "parlamentarismo permanente" della Chiesa cattolica. Se poi il Papa dovesse puntare ancora sui migranti, comunque sia, non mi stupirebbe.

Papa Francesco sta "normalizzando" la sua azione? In fin dei conti questo papato sembrava poter essere molto più "rivoluzionario". Bergoglio si è accorto, come sostengono i conservatori, che i suoi avversari risiedono, in realtà, nel campo progressista?

La lettura di fondo è corretta. Papa Francesco non è mai stato un "rivoluzionario". Bergoglio è stato un "confusionario", soprattutto dopo Amoris laetitia, quindi dopo il 2016. Confusione e ambiguità sono le costanti di questo pontificato. Io ho usato una formula: è la Chiesa del "no ma anche sì", "sì, ma anche no". Amoris laetitia in questo è tipica. D'altra parte, il pontefice afferma spesso che bisogna "avviare processi" più che "occupare spazi". Ma che vuol dire? In che modo? Il risultato è che sono gli episcopati a trovare le soluzioni ai problemi di volta in volta. Ma questo non è il compito di Pietro. I cattolici non possono vivere nel "parlamentarismo permanente". Noi cattolici abbiamo il Papa, il pastore, che deve confermare i fratelli nella fede. Papa Francesco, in questa maniera, non lo sta facendo.

Quindi confermi la tua opinione sullo scisma de facto?

Sì, lo confermo: la Chiesa è totalmente divisa. Anzi, esistono due Chiese. Abbiamo uno scisma de facto, con due Chiese contrapposte e due visioni opposte. Inutile nasconderlo: è in corso una battaglia, che è resa ancora più complicata dal fatto che abbiamo due Papi. Questi ultimi possono volerlo o meno, ma la contrapposizione finisce inevitabilmente con l'utilizzare i due Papi a mo' di due bandiere. E questo nodo va sciolto, soprattutto per il futuro. Il problema della "coabitazione" si sta dimostrando molto più difficile da gestire di come si prospettava.

Ratzinger parlerà ancora?

Ratzinger continuerà a far sentire la sua voce ogni volta che lo riterrà necessario. Almeno finché avrà lucidità e forza. Benedetto XVI nutre troppo amore per la teologia, per la dottrina, per la fede e per la Chiesa per restare in silenzio quando è doveroso parlare. Sarà importante che Ratzinger continui a dire la sua.

Ma la responsabilità per l'esistenza di due Chiese è la sua?

Non parlerei di responsabilità: le due Chiese esistevano anche prima che Ratzinger rinunciasse al soglio di Pietro. La presenza di due papi sta accentuando una situazione che già esisteva, la sta radicalizzando.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

gneo58

Mar, 18/02/2020 - 08:34

titolo errato, non esistono due chiese, diciamo pure che di chiese ce ne sarebbero di piu' (vedi protestanti ecc ecc) ma di fatto ormai la chiesa come la si e' intesa fino ad ieri non esiste piu' e tra poco spariranno anche le religioni, sopravvivera' ancora per un po' l'islam che di strada da fare ne ha davanti e tanta ma sparira' anche quello.

obiettore

Mar, 18/02/2020 - 09:14

Io sto con Benedetto.

GiovannixGiornale

Mar, 18/02/2020 - 09:20

Ratzinger con le sue dimissioni ha resa esplicita la profonda spaccatura scaturita dal V.II. Bergoglio ha fatto della ambiguità il paradigma della nuova chiesa. Non ha bisogno di fare rivoluzioni, ci pensano i profeti dello "spirito" del consiglio. Del resto, anche a fronte fi divieti papali, questi ultimi procededebbero secondo la loro ideologia. Speriamo che qualcuno in giro protegga almeno il seme.

frank173

Mar, 18/02/2020 - 09:41

E io che speravo che sparisse quella che c'era....mai una gioia.

giancristi

Mar, 18/02/2020 - 10:50

Uno scisma vuole dire che molti abbandoneranno il ciarlatano argentino. E' un impostore e deve essere lasciato SOLO!

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 18/02/2020 - 10:58

Quando ci sta la fede ci sta tutto.. hihihihihihihi

barnaby

Mar, 18/02/2020 - 11:58

In una intervista l'allora cardinale Ratzinger disse a riguardo dell'azione dello Spirito Santo in conclave:"....non è che Egli detti il candidato per cui votare. Probabilmente l'unica sicurezza che Lui offre è che la cosa non possa essere rovinata. Ci sono troppi esempi di papi che evidentemente lo Spirito Santo non avrebbe scelto." A mio parere e con tutto il rispetto, fra questi rientra Bergoglio. Il vero papa è Benedetto XVI.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mar, 18/02/2020 - 11:58

chi contesta l'attuale pontefice si pone fuori dalla Chiesa di Roma. Può non piacere ma è così. Se poi pensiamo a quale profonda crisi sta attraversando l'intero cattolicesimo con la tragica crisi delle vocazioni, ci manca solo che degli irresponsabili stiano anche solo pensando ad uno scisma (che ovviamente è inesistente ma montato ad arte da questa testata torbida ed anticristiana).

Ritratto di francescoromanaccio

francescoromanaccio

Mar, 18/02/2020 - 12:29

La Chiesa è una ma, come dice la santa Vergine a La Salette nel 1846, subirà un eclisse, avrà una crisi spaventosa, il mondo sarà nella costernazione, Roma perderà la fede e diventerà la sede dell'anticristo. Molte altre profezie, riconosciute o no, dicono la stessa cosa.

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Mar, 18/02/2020 - 12:32

@Clastidium: prega e spera

kayak65

Mar, 18/02/2020 - 12:46

clastidium@ diresti la stessa cosa di papa borgia? o ai papi dell'inquisizione? o ai papi guerrieri? i papi sono infallibili fintanto che lo spirito santo li consiglia e li guida. quando agiscono da uomini non lo sono piu' e i disastri passati e presenti che si ripercuoto sui fedeli lo testimoniano

barnaby

Mar, 18/02/2020 - 12:59

Clastidium, di torbidi e anticristiani ci siete voi comunisti. Cambi username con il più appropriato clostridium.

giosafat

Mar, 18/02/2020 - 13:10

Tanto non ne resterà nemmeno una....

Ritratto di pulicit

pulicit

Mar, 18/02/2020 - 13:11

Una vergogna Francesco che accoglie Lula.Regards

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mar, 18/02/2020 - 13:14

E' stupefacente come i preti siano riusciti a costruire e mantenere per 2000 anni uno strapotere politico-economico fondato esclusivamente su quattro novelline per beoti. Io che sono ateo sono costretto a riconoscere che forse è un miracolo. P.S. Però, alla fine, ogni bolla di sapone scoppia.

Totonno58

Mar, 18/02/2020 - 13:48

Ok...assodato questo, possiamo smetterla con questa rottura?!?

Arslan

Mar, 18/02/2020 - 15:11

Boezi, se non ha niente da scrivere, si riposi per un giorno...le farebbe bene.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mar, 18/02/2020 - 15:21

@kayak65: nessuno, Papa regnante, si è mai sognato di creare uno scisma per quei motivi da lei giustamente addotti. Nessuno oggi si sognerebbe di creare uno scisma, soprattutto ora che la Chiesa è estremamente debole: la società cristiana è secolarizzata e la crisi delle vocazioni a breve la porterà alla scomparsa se sceglie di non cambiare. @barnaby: sono rimasto affascinato dalle sue solide argomentazioni, deve essere uscito dalla scuola di teologìa della Gregoriana o da quella di logica di Lipsia!

giangar

Mar, 18/02/2020 - 17:35

Ormai la stampa di destra tifa apertamente per lo scisma. Ogni giorno, sulle testate di destra, articoli su articoli per dimostrare che lo scisma è ormai prossimo, anzi già c'è. I motivi di queste scelte editoriali mi sono francamente sconosciuti. Forse nascondono il desiderio, esplicitato da tanti commentatori, che la Chiesa scompaia definitivamente. Perciò si mira a demolirne l'immagine presentandola come un covo di intrighi e vendette, per creare confusione e disaffezione fra i cristiani, per percuotere il Pastore per poter disperdere le pecore. Io, che un po' la Chiesa la frequento, posso assicurarvi che assisto a bellissime celebrazioni, che infondono pace, e non vedo tra i fedeli, magari un po', ma non tanto, meno numerosi di un tempo, ma tra i quali non c'è traccia di divisioni o di rancori. In fondo il progetto di demolire la Chiesa non si discosta tanto dal vecchio approccio marxiano che vedeva nella Chiesa un ostacolo ai suoi piani di egemonizzare l'umanità.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 18/02/2020 - 18:18

abbiamo la chiesa cristiana e quella comunista che si è venduta agli islamici.

Giorgio Rubiu

Mar, 18/02/2020 - 18:29

Ci sono talmente tante chiese Cristiane che avere due Chiese Cattoliche non cambia proprio niente. Protestanti, Calvinisti, Luterani, Anglicani, Pentecostali, Battisti, Anabattisti, Valdesi, Ortodossi, Evangelisti, Anglicani ed Avventisti del Settimo Giorno e, sicuramente, ne ho dimenticato qualcuna. Io, orgogliosamente, non appartengo a nessuna di esse!

agiuliani

Mar, 18/02/2020 - 18:55

@giangiar Solo voi adoratori del falso Papa Bergoglio non vedete nulla di strano..non vedete quando Bergoglio adora e benedice gli idoli amazzonici, non vedete quando sottoscrive un atto di apostasia ad Abu Dhabi, quando insulta la Madonna dicendo che non e' nata santa, quando cancella il 6° com. E cambia il Padre Nostro.. Ben xvi ,vero papa!

disturbatore

Mar, 18/02/2020 - 21:20

Sono dell´avviso che un tedesco alle porte di Pietro doveva poter entrare subito e non lasciare che si prendesse un appartamentino nel giardino di attesa. Questi tedeschi si sa´che stanno sempre a pensare come si possa controllare l´umanita´, pensare che alle porte di Pietro facciano altro e´da rimbambiti . Il Papa autodimessosi ha vita facile in quanto puo´scagliare tutte le sue frecce tanto sa´che quelle di ritorno non colpiranno lui . Francesco dall´altra parte e´molto piu´esposto e quindi deve stare molto attento per non passare alla storia come il Papa dello scisma . La CHiesa ha gia´vissuto un Martin Lutero , la frazione tedesca fibrilla perche´fibrilla tutta la politica tedesca. Se l´Europa soffre sotto le fibrillazioni tedesche , sarebbe un miracolo che la Chiesa non ne´venisse investita. Il Papa tedesco ha cambiato le regole ma le conseguenze non le paga lui . Potrebbe tornarsene in Germania ma poi avremmo un altro Lutero .

mich123

Mar, 18/02/2020 - 21:46

Stanno facendo la fine dei 5s.

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Mar, 18/02/2020 - 22:08

"Due croci sono sul Tevere: l'una apparentemente nemica dell'altra, ma in realtà concordi. Nel tempo dei tempi, dal ceppo antico latino, verrà repentino e improvviso un uomo a salvare le patrie, invano contro di lui si erigeranno muraglie d'acciaio, tutto egli travolge e tutto sconfigge, sradicando dal Tevere in piena la croce mentre tutto tempesta. Perché o croce non salvasti croce? Ora scompari, e il tuo destino è compiuto. Gli Sciiti volgeranno indietro il loro corso e la mezzaluna sparirà lontano. Di nuovo tornerà la legge, e un uomo di sapienza inaudita predicherà la nuova saggezza." E' la sintesi d'una antica profezia trovata alla fine dell''800 in America Latina.

Ramese

Mar, 18/02/2020 - 22:22

Se le fesserie che scrivete su questo dissidio nella Chiesa fossero vere, Ratzinger non si sarebbe ritirato ... sarebbe morto ...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 18/02/2020 - 23:46

Una delel due non è più chiesa. E' un'associazione politica, molto a sinisrta, troppo.

un_infiltrato

Mer, 19/02/2020 - 00:15

Il sig. Aldo Maria Valli non rappresenta che se stesso e le sue affermazioni formulate con incedere da "ipse dixit" sono ovviamente opinabili. Non esistono scismi: la Chiesa di Cristo è una ed una sola e, così pure, c'è un solo Papa. Che si chiama Jorge Mario Bergoglio. Punto fermo.

barnaby

Mer, 19/02/2020 - 00:25

@ agiuliani. Aggiungo al suo elenco quanto disse in una delle troppe interviste:"non esiste un Dio cattolico ma un unico Dio per tutti". Dico allora a cosa serve il battesimo? E poi che Gesù era un migrante... e a Scalfari persino che Gesù era un uomo di eccezionali virtù ma non Dio. Può un papa, può la guida spirituale del cattolicesimo fare certe affermazioni? E c'è chi dice che chi contesta questo personaggio è fuori della Chiesa di Roma!

Crusade72

Mer, 19/02/2020 - 01:19

E' un apostata traditore che sta facendo il lavoro del Diavolo. Il falso profeta per eccellenza.