Le parole perse e da ritrovare

A un anno dall'inizio della pandemia e della segregazione l'unica libertà uscita indenne da quella sorta di oscurità che ci ha avvolto è stata quella di proferire parole

«Nell'oscurità le parole pesano il doppio» (Elias Canetti, premio Nobel per la letteratura 1981). A un anno dall'inizio della pandemia e della segregazione l'unica libertà uscita indenne da quella sorta di oscurità che ci ha avvolto è stata quella di proferire parole. Alcune le abbiamo coniate, altre rimosse, altre ancora strozzate in gola nei momenti più bui, quasi a non volere profanare il silenzio delle nostre città deserte perché, a ben pensarci, anche il silenzio parla e dice di noi.

Abbiamo volontariamente ristretto il nostro vocabolario? Può essere, anzi è successo: toccarsi, ballare, vedersi, festeggiare, cantare e tifare per fare qualche banale esempio sono parole che non abbiamo pronunciato se non per lamentarci della loro improvvisa assenza dalle nostre vite. È una cosa grave? È così, punto. Del resto al fronte i soldati non brillano per eloquio, nelle corsie di un ospedale non rimbomba alcun vociare, in chiesa si ascolta in silenzio: laddove c'è rischio e solennità le parole non si contano, per dirla alla Canetti, ma si pesano. I dieci comandamenti, per capirci, ne contengono solo 279, la Dichiarazione d'Indipendenza americana 300, mentre le disposizioni della Comunità Europea sull'importazione di caramelle esattamente 25.911.

Ecco, questo non è tempo di caramelle, ma di meno bla bla e più ascolto. Le parole hanno un senso e un valore non perché pronunciate o scritte, ma solo se ascoltate e lette, cioè se utili a chi le riceve. In questo momento, «vaccino» vale più di «concerto», «cautela» di «divertirsi», «famiglia» di «baldoria». Dobbiamo farcene una ragione e quindi ascoltare le parole salvifiche della scienza, quelle sagge di chi la vita l'ha attraversata scansando insidie di ogni genere, parole anche scomode che solo dodici mesi fa ci sarebbero scivolate addosso perché giudicate desuete, vuote e retoriche, altre contestate in quanto restrittive di libertà che ritenevamo intoccabili.

In un tempo futuro, che mi auguro non lontano, ricorderemo queste mutilazioni come i nostri nonni reduci raccontavano le privazioni della guerra. E racconteremo a figli e nipoti di aver vissuto sì prigionieri, ma di esserci alla fine liberati. Verrà di nuovo il tempo delle parole in libertà e pure della benedetta leggerezza del vivere. Torneremo ad usare tutto il vocabolario, anche se, a ben pensarci, una cura dimagrante, se ben gestita, non ha mai fatto male a nessuno, semmai il contrario. Chissà che questa pandemia non ci aiuti a dare un valore alle parole, che poi è dare un valore anche a se stessi perché ognuno di noi assomiglia molto a ciò che dice. Buon 2021 a tutti voi e grazie di averci accompagnato in tutto questo difficile anno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Protagora

Gio, 31/12/2020 - 17:22

Parole sagge! Tanti auguri Direttore.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 31/12/2020 - 17:28

posso sopportare un altro anno con la pandemia e le restrizioni, ma non con un governo illegittimo come questo, il precedente, e altri ancora precedenti! sono 12 anni che andiamo avanti con la sinistra, e ancora non avete capito che bisogna NON DARE VOTI ALLA SINISTRA???????????????? se la smettiamo di dare voti alla sinistra, e li diamo al centrodestra, potremmo finalmente uscire anche prima di quanto si creda dalla crisi economica e sanitaria!!questo però dipende anche dai babbei comunisti grulli! se hanno cervello per capire, bene per tutti! se non hanno cervello, il male ce lo prendiamo noi e voi!!

Ritratto di dlux

dlux

Sab, 02/01/2021 - 11:01

"Le parole perse e da ritrovare". Bello, mi piace il Suo titolo. Ottimo articolo. Tuttavia mi consenta di divagare sul titolo che mi stimola: tra le parole perse (o che hanno perso il significato originario) vi è Democrazia (e quindi Democratico). Ve ne sono altre tipo dignità, orgoglio, onore, bene supremo della Nazione, coerenza, ecc...ecc...Ma il succo del mio discorso è sul primo termine citato. Il Governo esercitato dal Popolo. E' Democrazia quando il popolo si esprime e, contrariamente alla sua volontà, viene mandata al governo la parte perdente? E' Democrazia il fatto che un pdr, sordo alle lamentele del Popolo e cieco davanti ad enormità come lo stato putrescente degli organi supremi della magistratura, pur di far avvantaggiare la sua fazione politica, si limita a proclami banali, ipocriti e di sterile retorica? La risposta è NO. E, visto che il regime sa di potere assoluto, credo che ci siano tutti i presupposti perché faccia la fine che merita...e mi taccio.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 02/01/2021 - 17:24

@dlux11.01: il Bel Paese formalmente è una democrazia in quanto l'input viene dato dal voto popolare ... il problema è quando chi è delegato con il voto usa il voto come arma per imporre il suo volere e garantire i propri interessi a dispetto di chi l'ha delegato. Ossequi.