Parroco anti-migranti: "Invasione legalizzata, fa mangiare i buonisti"

Don Luigi Larizza: "Gli immigrati si lamentano. I veri poveri, invece, hanno la dignità di non chiedere"

Parroco anti-migranti: "Invasione legalizzata, fa mangiare i buonisti"

L'arrivo dei migranti? È una "invasione legalizzata".

Parola di don Luigi Larizza, parroco della chiesa del Sacro Cuore di Taranto. Che, come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno, non nasconde di essere contro l'accoglienza "indiscriminata".

Fondatore della comunità "Il Risorto" per tossicodipendenti, don Larizza predica: "Mafia Capitale insegna. Il fenomeno è un business, un'invasione legalizzata che sta favorendo soltanto la mafia e i buonisti a pagamento che si stanno facendo soldi. Gli immigrati si lamentano di come mangiano e dei luoghi precari in cui dormono – dichiara con veemenza il sacerdote – I veri poveri, invece, hanno la dignità di non chiedere e soprattutto ringraziano chi li aiuta".

"Non sono insensibile quando vedo anziani e bambini che arrivano sul nostro territorio da molto lontano - prosegue il sacerdote - ma è nostro dovere sostenere anche i nostri poveri." Una presa di posizione suggerita forse dal lavoro quotidiano nel quartiere - popolare - dove la sua parrocchia, il quartiere Paolo VI.

D'altronde don Larizza non è solo: basti pensare che a Roma, su 334 parrocchie, appena una trentina hanno dato disponibilità per accogliere i profughi. Come aveva invece chiesto il Santo Padre Francesco.

Commenti

Grazie per il tuo commento