Perché la corda può spezzarsi

Quando si muove il presidente della Repubblica vuol dire che si è a un passo dal precipizio. Mattarella, come tutti i suoi predecessori salvo il picconatore Cossiga, non parla pubblicamente, niente conferenze stampa e neppure servizi.

Quando si muove il presidente della Repubblica vuol dire che si è a un passo dal precipizio. Mattarella, come tutti i suoi predecessori salvo il picconatore Cossiga, non parla pubblicamente, niente conferenze stampa e neppure servizi. Il suo pensiero viene veicolato da pochi fidati giornalisti che non attribuiscono frasi, si limitano a riportare gli «umori del Quirinale», che nell'ambiente è sinonimo di certificato di garanzia. E gli «umori del Quirinale» ci dice per esempio Marzio Breda, storico quirinalista del Corriere della Sera, sono pessimi. Il presidente Mattarella fa sapere che se fra quattro giorni il Parlamento non approverà la riforma del Mes (il meccanismo salva Stati) così come proposta dall'Europa da non confondere con il Mes sanitario su cui stiamo discutendo da mesi - questa maggioranza e questo governo possono, o meglio devono, andare a casa.

Il problema è che questa approvazione non è per nulla scontata per l'opposizione di un nutrito gruppo di parlamentari grillini. Né Conte può fare affidamento con certezza su un aiutino di Forza Italia, che sull'argomento è divisa quanto i Cinque Stelle. Quello di Mattarella non sia mai, direbbero dal Quirinale, ma è così è un ultimatum a scettici e ribelli della maggioranza: fate voi, decidete se volete continuare con questa maggioranza, ma anche con questa legislatura, o finirla qui. Ne va della credibilità dell'Italia che in Europa aveva assicurato il suo sì, c'è di mezzo l'autorevolezza del presidente che forse aveva speso con i partner europei - che si fidano più di lui che di Conte - parole rassicuranti in tal senso.

Se il messaggio di Mattarella dovesse essere ignorato, l'epilogo quindi è certo: un nuovo esecutivo che ci porti al più presto alle urne. L'altro giorno scrivevamo che a nostro avviso quello in carica non è un Parlamento di cuor di leone, che al dunque la salvezza del posto avrebbe prevalso sui nobili principi. Ne restiamo convinti, ma la mossa di Mattarella fa capire che il rischio di un colpo di scena è più concreto di quanto si immaginasse. I mediatori lo sappiamo per certo sono al lavoro a tempo pieno. Ma anche tra loro c'è chi tira da una parte e chi dall'altra. E, come noto, quando la corda la si tira troppo, può anche spezzarsi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 05/12/2020 - 17:31

Al Senato manca la maggioranza per votare il MES, ne servono 161 e Conte ne ha 154. Conte a casa.

Cheyenne

Sab, 05/12/2020 - 17:39

Direttore, mi perdoni ma Lei con la sua esperienza si affida a un catto-comunista delle seconde file che ha più volte dimostrato in questa legislatura di preferire il disastro ad elezioni anticipate?

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 05/12/2020 - 17:45

Siamo perfettamente d’accordo con il Dottor Sallusti, né poteva essere diversamente. Quanto al Presidente della Repubblica non se ne può parlare male, tutt’altro, però qualche indirizzo verso il Governo avrebbe potuto darlo, sicuramente con efficacia.

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 05/12/2020 - 17:49

François de Salignac de La Mothe-Fénelon:"Non v'è nulla di più spregevole d'un oratore di professione che usa le sue parole come un ciarlatano usa i suoi rimedi". Mi ricorda qualcuno di cui, in questo momento, mi sfugge il cognome...E.A.

investigator13

Sab, 05/12/2020 - 17:54

...la corda può spezzarsi... l'aggiustano con il rimpasto

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 05/12/2020 - 18:16

Abbiamo concorso a fondare l'Europa quando avevamo ben due patroni, gli States ed il Vaticano. Aborto, Sigonella, incessante trenta per cento ai comunisti ci han fatto rimanere soli. In Europa, dove in verità non volano le aquile, ci considerano poca roba e noi addirittura li consideriamo nazisti o quasi. Comunque dalla politica finanziaria a quella migratoria non concordiamo su niente ed i nostri due schieramenti politici, oltre che su STATO TASSE e MANETTE, concordano che dell'Europa non c'è da fidarsi. No, se si sta in Europa se ne deve avere un'opinione positiva altrimenti via, fuori. Ma ci vuole coraggio, forza ed un cultura europea alternativa magari liberale. E non ce l'abbiamo!! Siamo deboli e poco seri. Le ultime vicende sanitarie lo dimostrano. Il nostra assetto politico istituzionale ... pure.

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 06/12/2020 - 10:58

Perché, Direttore, parla di Mattarella come se pensasse o dicesse cose in autonomia? Lei sa benissimo che Mattarella non è altro che un umile esecutore ed esegue ciò che dal PD gli fanno sapere...noi italici siamo proprio bravi ad ingigantire gli gnomi e ad abbattere i giganti.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 06/12/2020 - 17:43

Con questo teatrino che abbiamo al governo l'unica corda che non si spezzerà sicuramente è il cappio al collo della povera Italia, capestro che ci sta lentamente e inesorabilmente strangolando.

Ritratto di sergioantoniocesarelaterza

sergioantonioce...

Dom, 06/12/2020 - 17:49

Come siano gli umori al Quirinale lo leggo ma non ci credo!Il Presidente che ormai legge,o gli vengono riportati,i sodaggi ha capito da quale parte poggia il POPOLO ITALIANO.il 48,5% è stufo delle cxxxxxe di Conte e Co.e vuol VOTARE!Se il Sig.Mattarella a a cuore l'ITALIA ci mandi ad elezioni anticipate e poi si vedrà solo così gli umori del Quirinale daranno sollievo al 48,5 e più %.-

Sabino GALLO

Dom, 06/12/2020 - 18:03

Il "problema MES"è diventato non solo incomprensibile, ma quasi comico ! Purtroppo Totò non c'è più! Lo avrebbe trasformato, con successo, in una splendida commedia ! Prenderlo o non prenderlo, per sue condizioni ? Non è certo questo il "problema politico" !! E non è certo un "problema economico" ! Siamo al "problemino" del "tiro alla fune", di lunga durata! La soluzione è una sola : fare un taglio alla fune ! E vedere dei "tiranti" per terra sarebbe divertente per il prossimo NATALE!

Sabino GALLO

Lun, 07/12/2020 - 11:32

L'articolo aveva un sigificato necessario per la politica ! Perchè è sparito oggi?