Offese al poliziotto e proteste: ecco cosa fa Battisti in carcere

Trasferito nel carcere di Corigliano Rossano, l'ex attivista del Pac non ha fatto altro che collezionare punizioni a causa del suo comportamento

Piagnistei, lettere di lamentela, scioperi della fame: da quando Cesare Battisti è tornato in Italia per scontare la propria pena in carcere non ha fatto altro che comportarsi da vittima, eppure l'atteggiamento tenuto all'interno dei penitenziari la dice lunga sulla sua reale natura. A settembre, l'ex membro dei Pac aveva scritto un'accorata missiva al Garante nazionale dei detenuti per esprimere le sue preoccupazioni in merito alla presenza di alcuni terroristi islamici all'interno del penitenziario di Corigliano Rossano (Cosenza) nel quale era stato da poco trasferito. I jihadisti, scriveva Battisti, un tempo lo avevano minacciato e per tale ragione aveva paura dei detenuti affiliati all'Isis. Eppure, a distanza di poche settimane, l'ex terrorista non ha subito alcun attacco, anzi. Il suo discutibile atteggiamento all'interno del carcere e la sua irriverenza nei confronti dei rappresentanti delle forze dell'ordine lo hanno piuttosto portato a ricervere ben 37 giorni di punizione, accumulati in pochissimo tempo.

Secondo quanto appreso da "La Verità", 24 ore dopo il suo trasferimento nel carcere di Rossano, il 65enne si è scagliato verbalmente contro un ispettore della polizia penitenziaria, cosa che gli è valsa 15 giorni di esclusione dalle attività comuni. Successivamente, il 25 settembre scorso, l'ex attivista del Pac (Proletari Armati per il Comunismo) si è rifiutato di lasciare i locali adibiti a quarantena anti-Coronavirus per i detenuti. I poliziotti si sono visti costretti a portarlo via con la forza, motivo per cui il carcerato ha ottenuto altri 15 giorni di punizione. Non pago, il giorno successivo (26 settembre), Battisti ha chiesto ed ottenuto il permesso di fare una telefonata al fratello, ma è stato poi sorpreso mentre parlava con una donna: per lui, altri 7 giorni di punizione. Altro che buona condotta.

Ormai tutti hanno compreso la sua vera natura, anche l'ex presidente brasialiano Luiz Inacio "Lula" Da Silva si è pentito di aver dato asilo nel proprio paese a Battisti, condannato all'ergastolo per ben 4 omicidi."Quando è stato arrestato e ha confessato, ho sentito una grande frustazione", ha raccontato Lula nel corso di un'intervista concessa a "Tv Democracia". "Abbiamo fatto questo errore e dobbiamo delle scuse. Non ho alcun dubbio".

Dal canto suo, il 65enne non ha mai smesso di recitare la parte della vittima. Dopo aver improvvisamente confessato i propri crimini ed aver chiesto scusa (forse nella speranza di ottenere un qualche beneficio), ha cominciato a protestare per la sua situazione all'interno del carcere di Oristano, arrivando addirittura a presentare una denuncia tramite il proprio legale per abuso d’ufficio contro il regime di isolamento a cui era stato sottoposto ed a dichiararsi "prigioniero politico". Dopo essersi lamentato per il cibo servitogli all'interno del penitenziario ed aver espresso i propri timori di contrarre il Covid-19, alla fine, dopo anche uno sciopero della fame, Battisti ha ottenuto il trasferimento nel carcere calabrese, ma pure in questo caso ha avuto da ridire, definendo il penitenziario come la"Guantànamo italiana". Dopo aver denunciato di essere vittima di"una feroce censura", il 65enne ha aggiunto di stare subendo una vera e propria persecuzione che ha il chiaro intento di"impedirmi di interagire con le istanze esterne, culturali e mediatiche, grazie alle quali starei guadagnando consensi democratici e garantisti, di fronte alla vendetta dello Stato".

"Anche se dovessero ridurmi al silenzio", ha drammaticamente affermato l'ex terrorista, come riportato da "La Verità", "i compagni e gli amici qui e altrove sapranno adoprarsi come hanno sempre fatto".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

andy15

Sab, 17/10/2020 - 11:38

Se uno nasce terrorista e rompiscatole non c'e' nulla da fare. Ecco perche' occorre tornare ad un semplice principio, quello della punizione senza se e senza ma, invece di pensare al "reinserimento sociale" dei mascalzoni.

marinaio

Sab, 17/10/2020 - 11:46

Tipico comunista.

veromario

Sab, 17/10/2020 - 11:55

Mettetelo a pane e acqua per un paio di mesi e ogni volta che si lamenta diminuire la porzione.vediamo se la pianta di rompere

aldoroma

Sab, 17/10/2020 - 12:17

Buttate la chiave

Ritratto di Smax

Smax

Sab, 17/10/2020 - 12:18

Non riesce a capire. Lui un comunista in galera in itaglia? Scandaloso. Tanto prima o poi ci riesce ad uscire. E ce lo vedremo in tv.

steacanessa

Sab, 17/10/2020 - 12:22

Ignobile individuo tipico comunista. Dentro sino a fine vita.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 17/10/2020 - 12:22

se è stato estradato ed arrestato dopo decenni di latitanze,dobbiamo ringraziare Salvini!!

vocepopolare

Sab, 17/10/2020 - 12:23

questo poverino non sopporta il carcere, rimandiamolo in brasile a ritemprarsi fra le movide di samba ed i piccanti carnevali di rio. Strano che finora il soccorso rosso non ci abbia ancora pensato.

munsal54

Sab, 17/10/2020 - 12:34

Visto che la pena capitale in Italia non esiste, il giusto fio sarebbe legargli una palla al piede e mandarlo a scavare in una miniera di carbone in Sardegna o a spaccare pietre in una cava di marmo sull'Amiata per 16 ore al giorno

Ritratto di Mary_22

Mary_22

Sab, 17/10/2020 - 12:34

Dai su, è così evidente che vuol farsi spostare in un carcere "adeguato" all'evasione (ennesima evasione). Per me ci riuscirà...alla faccia nostra.

Brutio63

Sab, 17/10/2020 - 12:34

Pluriomicida assassino e terrorista. Nulla di buono da prendere da costui. Dovrebbe lavorare per pagare le sue spese di mantenimento colazione pranzo e cena. Da utilizzare in pulizia spiagge, fiumi, strade, Boschi etc, almeno si renderebbe utile a chi lo mantiene ed ha sopportato negli anni le sue azioni criminali!

hectorre

Sab, 17/10/2020 - 12:36

una mela marcia, idolo della sinistra.....ahimè

filoforte

Sab, 17/10/2020 - 12:53

Sciopero della fame? Io gli darei pane e acqua tutti i giorni

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 17/10/2020 - 12:55

Protesta? Chissenefrega! Intanto marcirà in carcere,ed è cosa buona e giusta.

killkoms

Sab, 17/10/2020 - 12:55

Proprio un co mu ni sta!

ItaliaSvegliati

Sab, 17/10/2020 - 13:04

Continui pure a marcire...

Ritratto di grober

grober

Sab, 17/10/2020 - 13:08

Quando guardo la sua strafottenza non posso non ricordare il gioielliere Torreggiani, "giustiziato" mentre era a terra ed il figlio su una sedia a rotelle! Questo fa nascere in me una rabbia preventiva perché so che fra non molto ce lo ritroveremo a pontificare da qualche tv.

savonarola.it

Sab, 17/10/2020 - 13:08

Perché mai costui deve rimanere in carcere? Solo per qualche assassinio? Bazzecole! Nessuno tocchi Caino. Ai komunisti tutto deve essere permesso.

hectorre

Sab, 17/10/2020 - 13:12

e a breve otterrà qualche sconto di pena....non dimentichiamoci che al governo c’è il pd!!

Happy1937

Sab, 17/10/2020 - 13:13

Sono d’accordo sul pane (poco) e acqua ( a volonta’ ), ma recluso in cella di rigore senza ora d’aria.

CidCampeador

Sab, 17/10/2020 - 13:13

assassino e comunista come volete che si comporti se non con lamentele, vigliaccherie e ferocia

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 17/10/2020 - 13:42

anticalcio 12,22 ci puoi spiegare come sei arrivato a questa asserzione?? Egregio trinariciuto caso mai saranno i kompagni.

Ritratto di Antero

Antero

Sab, 17/10/2020 - 13:42

Ma costui chi crede di essere ?

Ritratto di fergo01

fergo01

Sab, 17/10/2020 - 13:55

ad un assassino per scelta, dovrebbe essere riservato solo un diritto: quello dell'aria finché sei vivo.... per tutto il resto zitto e paga

Ritratto di fergo01

fergo01

Sab, 17/10/2020 - 13:58

ma con che coraggio si chiedono dei diritti quando tu per primo li hai tolti premeditatamente ad altre persone innocenti? ma come si fa in un paese civile a dar credito a personaggi di questo tipo? in isolamento a vita, questo meriti, e come te tutti quelli come te

savonarola.it

Sab, 17/10/2020 - 14:08

Un komunista in carcere? In itaglia? Ma è inaudito! Intervenga subito il pdr con la grazia. Deve essere reinserito Dove non saprei dire, ma so che in itaglia si usa così.

Ritratto di charlye08

charlye08

Sab, 17/10/2020 - 14:25

Ha ragione anticalcio se fosse stato per i soliti comunisti sarebbe ancora spaparanzato al sole su qualche spiaggia venezuelana.

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Sab, 17/10/2020 - 14:31

"i compagni e gli amici qui e altrove sapranno adoprarsi come hanno sempre fatto". A me l'ultima frase dell'articolo attribuita a battisti suona come una vera e propria minaccia di ritorsioni. Gli darei qualche altro anno di carcere per istigazione a delinquere.

Ritratto di grober

grober

Sab, 17/10/2020 - 15:06

@gianniverde penso che @anticalcio volesse muovere un plauso a Salvini, non una critica, per aver favorito la fine della latitanza di questo sordido personaggio.

ziobeppe1951

Sab, 17/10/2020 - 15:12

Che nessuno tocchi Caino...specie se è komunista

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 17/10/2020 - 15:47

grober forse hai ragione ma è un frase che si presta a doppia interpretazione.

Ritratto di Trinky

Trinky

Sab, 17/10/2020 - 16:54

Chiudetelo in una cella e buttate via la chiave........

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 17/10/2020 - 17:08

Mi fanno pena quelli che ragliano "nessuno tocchi Caino" e già, ad Abele ci ha pensato lui...

Cheyenne

Sab, 17/10/2020 - 18:01

METTELO IN CATENE E BUTTATE LA CHIAVE

zena40

Ven, 23/10/2020 - 19:05

Palla al piede e mazzotto da muratore. Destinazione Montecristo perché la deve ridurre come Pianosa. Finito il primo ergastolo ci sono gli altri tre. Se qualcuno di soccorso rosso vuole condividere si faccia avanti.