Alle Poste in ordine alfabetico: ecco il calendario per ritirare la pensione

Ci si dovrà recare allo sportello nelle date prestabilite in base al cognome: "Rispettare le norme di sicurezza negli uffici e nelle sale"

Il pagamento della pensione avverà scaglionato su diversi giorni in base all'iniziale del proprio cognome: la scelta, valida a partire dall'assegno di aprile, è stata ritenuta necessaria al fine di evitare assembramenti alle Poste. Ad annunciarlo è stata Nunzia Catalfo: il ministro delle Politiche sociali ha spiegato che il pagamento decorrerà dal giorno 26 al 31 marzo per la mensilità di aprile, dal giorno 27 al 30 aprile per la mensilità di maggio e dal giorno 26 al 30 maggio per la mensilità di giugno.

Successivamente il gruppo ha diramato una nota mediante cui ha fatto sapere che le pensioni del mese di aprile "verranno accreditate il 26 marzo per i titolari di un libretto di risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da oltre 7.000 Atm Postamat, senza bisogno di recarsi allo sportello".

Pensione in ordine alfabetico

Invece coloro che non possono evitare di ritirare la pensione in contanti dovranno recarsi personalmente all'ufficio postale rispettando la seguente turnazione alfabetica: dalla A alla B giovedì 26 marzo; dalla C alla D venerdì 27 marzo; dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo; dalla L alla O lunedì 30 marzo; dalla P alla R martedì 31 marzo; dalla S alla Z mercoledì 1 aprile. Le nuove modalità di pagamento della pensione "hanno carattere precauzionale" e sono state introdotte con l'obiettivo principale di "garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti". Poste Italiane ha colto l'occasione per richiamare tutti al buonsenso: i cittadini sono stati invitati ad entrare negli uffici postali "esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili" e solo all'uscita dei clienti precedenti, indossando comunque i dispositivi di protezione personale e tenendo la distanza di almeno un metro tra le persone "sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico".

Secondo lo Spi-Cgil sono 850mila le persone che potranno beneficiare dell'anticipo e dello scaglionamento: nello specifico si tratta di tutti quelli che "riscuotono la pensione direttamente in contanti presso le poste e di quelli che hanno il libretto ma non il postamat". Il sindacato dei pensionati giudica in maniera positiva le nuove disposizioni in quanto puntano "ad evitare assembramenti, in particolare di persone che più di altre corrono gravi e pesanti rischi se contagiati dal virus". Tuttavia è stata sottolineata la necessità di uno sforzo comunicativo - magari con alcuni spot televisivi - per una piena riuscita dell'operazione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Sab, 21/03/2020 - 10:20

Questi sono completamente INCAPACI. Anziani in coda per ritirare i LORO SOLDI. Fate delle buste nominali con dentro i LORO SOLDI e recapitatele a domicilio a queste persone che hanno altro da pensare che fare file questuanti ed estenuanti per avere quello di cui hanno diritto. INCAPACI !

jaguar

Sab, 21/03/2020 - 10:29

Come è già capitato, se fanno un controllo a chi si reca in posta per prelevare la pensione, dicono di tornare a casa e usare il bancomat. Il problema è che non tutte le persone anziane hanno bancomat o postamat. Molte volte gli addetti ai controlli proprio non ci arrivano.

Ritratto di Gio47

Gio47

Sab, 21/03/2020 - 10:34

ancora il sindacato che mette il naso, potete anche fare a meno di nominare sempre i sindacati arraffoni.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 21/03/2020 - 10:35

Ma non avevano detto che era obbligatorio aprire un conto corrente? A me dissero che se non li depositavo in una banca non me li davano più per mia madre. Ma che buffonata è questa, fanno le leggi e poi si soprassiede? Io preferivo riceverli in contanti.

Ritratto di Gio47

Gio47

Sab, 21/03/2020 - 10:36

Le notizie che danno certi giornalisti sono sempre a meta incomplete, se hanno obbligato ad aprire un conto corrente le pensioni andranno automaticamente sul conto, perchè devono andare in posta i pensionati? e che sono degli incapaci, sono d'accordo con Giorgio5819

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 21/03/2020 - 10:37

@Giorgio5819 bravo, e chi si prende la responsabilità di girare con tutti quei soldi per consegnarglieli, visto i tempi.

Giorgio5819

Sab, 21/03/2020 - 10:56

do-ut-des - 10:37, LO STATO.

jaguar

Sab, 21/03/2020 - 11:08

Giorgio5819, hai ragione, ma hai descritto la trama di un bel film di fantascienza.

palllino.

Sab, 21/03/2020 - 11:32

In posta a ritirare la pensione..poi facciamo gli studi per capire come mai il virus dilaga.. code all'aci per pagare i bolli..governo e politicanti incapaci di qualsiasi cosa...

flip

Sab, 21/03/2020 - 11:40

Sarebbe ora ed opportuno che le Poste studiasssero un sistema di pagamento delle ,pemsioni con ricarica automatica mensile su una carta ricaricabile per tuttii pensionati che non hanno un cc.bancario Il servizio diventerebbe più rabido e mrno 'affollato. PENSATECI! E'ORA!

maxxena

Sab, 21/03/2020 - 11:48

mettiamoci nei panni del signor Zuzzurro.....

marinaio

Sab, 21/03/2020 - 11:49

Ma perché in ordine alfabetico? Non sarebbe più equo pagare prima le pensioni più basse e via via quelle più alte. Ci arriverebbe anche un bambino.

zgiulio

Sab, 21/03/2020 - 13:05

Articolo malamente lacunoso. Invito a chiarire sul Giornale di domani cosa succede a chi ha l'accredito diretto sul conto corrente

flip

Sab, 21/03/2020 - 14:59

Giorgio 5819. Hai scritto un commento un pò cosi' così''. I pensionati DEVONO avere una loro personale card dove mensilmente viene accreditata la pensione. (tipo quella dei nulla facenti del 'reddito di cittadinanza)' Punto e basta! I pensionati poi devono gestirsi da soli il gruzzoletto. Non è difficile. Oltretutto un gitano con denaro il tasta.

flip

Sab, 21/03/2020 - 15:14

.Giorgio 5819 mi sono dimenticato di dire che i pensionati oltre la card possoo avere un loro codice privato da usare ad ogni pagamento!

flip

Sab, 21/03/2020 - 15:24

il sindacato valuti la possibilità di dotare i pensionati di una card ricaricabile mensilmente. o di aprire un c/c presso l' ufficio postale per evitRE L ressa.E' chiaro che poi i pensionati devono stare attenti a quan to spendono. devono restate dei limiti della loro pensione.

flip

Sab, 21/03/2020 - 17:16

in considerazione dell'ottimo risultato di bilancio al 31/12/2019, per i correntisti che con i loro risparmi hanno contribuito all'ottimo risultato, non c'è un piccolo riconoscimento economico??