La profezia da incubo sul Covid: "Quando finirà davvero tutto"

“Il Covid potrebbe farci compagni almeno fino all’estate prossima”. Ecco la profezia di Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group

Non ci libereremo del coronavirus presto. Dovremo attendere almeno fino all’estate prossima. "Mascherine e distanziamento sociale dovranno essere mantenuti almeno fino a luglio 2021". Parola di Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group. Pollard è a capo della squadra che sviluppa il vaccino di Oxford. Per lui è necessario che i cittadini del mondo seguano misure severe anche se dovesse arrivare un vaccino efficace, considerando inoltre che il primo lotto inizialmente sarà disponibile solo per gruppi chiave, come gli operatori sanitari in prima linea contro il Covid.

"Fino all’estate prossima la vita non tornerà alla normalità. Potremmo aver bisogno di indossare le mascherine fino a luglio. Fino a quando non avremo un alto livello di immunità nella popolazione in modo da poter fermare il virus così che le persone più vulnerabili siano immuni, ci sarà un rischio". Secondo quanto scrive il Daily Mail, Pollard ha spiegato che una volta completati i test della fase finale del vaccino, sarà necessaria l’approvazione della Medicines and Healthcare products Regulatory Agency. "Poiché dovranno esaminare i dati con estrema attenzione. E non sarà un gioco da ragazzi. Potrebbero volerci delle settimane".

Dunque, la vita non tornerà alla normalità fino a metà dell’anno prossimo. Nel frattempo, "è improbabile che il primo vaccino contro il Covid metta fine alla pandemia", ha avvertito Kate Bingham, capo della Uk Vaccine Taskforce in un comunicato che fa riflettere. "Un vaccino parzialmente efficace è meglio di nessun vaccino. I vaccini antinfluenzali sono efficaci al 50%, ma sono ampiamente utilizzati e hanno un grande impatto sulla riduzione degli impatti clinici dell’influenza nella popolazione", ha detto la Bingham a Sky News nei giorni scorsi. "C’è una sottile possibilità che il vaccino di Oxford sia pronto per Natale. Sarebbe possibile avere una cura al Coronavirus entro quest’anno, ha continuato, ma ciò dipende da una serie di fattori, tra cui garantire che un numero sufficiente di persone sia reclutato nella sperimentazione".

"Quindi, se tutto funziona, sì, è possibile che potremmo ottenere un vaccino quest’anno, ma è molto probabile che questo avverrà il prossimo" (come del resto fa sapere Pollard). L’unica cosa certa è che sarà necessario seguire misure severe anche se dovesse arrivare una cura efficace. La vita non tornerà alla normalità presto. Ed è utile, a riguardo, stare attenti e seguire le linee guida del sistema sanitario.

La scienza, però, può esserci d’aiuto in questo. Come scrive Matteo Carnieletto su Inside Over, esistono due momenti fondamentali per dichiarare conclusa una pandemia: la fine sanitaria, quando crollano l’incidenza e la mortalità, e quella sociale, quando sparisce la paura dovuta alla malattia. La missione a cui siamo chiamati è restare vivi e lucidi per superare anche questo ennesimo scherzo che la storia ci ha servito. Senza preavviso e senza alcun paracadute.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

audionova

Mar, 20/10/2020 - 15:36

finira' quando rispetteremo le regole.

White_Pride

Mar, 20/10/2020 - 15:39

Il Covid finirà l’estate prossima, l’incubo di questo governo nel 2023?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 20/10/2020 - 15:44

Perché "profezia"? L'influenza fa danni tra novembre e marzo e sparisce in estate, il Covid è scientificamente assodato che è da 2 a 3 volte più contagioso e, sembra, stia mutando per diventarlo ancora di più. E' assolutamente consequenziale che ce lo tireremo fino all'estate. Non è questione di doti profetiche, ma banalmente di proiettare sul Covid l'andamento di malattie simili per modalità di diffusione che ben conosciamo.

trasparente

Mar, 20/10/2020 - 15:44

Il coronavirus è probabile che sparirà con la vaccinazione o con un cambio di governo.

Calmapiatta

Mar, 20/10/2020 - 15:50

Fin da marzo è stato chiaro (fatto su cui concordavano tutti i virologi) che si sarebbe dovuto imparare a convivere col virus per un certo periodo di tempo. Domanda: perchè, terminata l prima ondata, il governo non ha fatto assolutamente nulla per poter fronteggiare la seconda, prevista, ondata, del virus? Questo è il vero incubo, l'incapacità di chi ci governa.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 20/10/2020 - 16:05

e i clandestini come facciamo a vaccinarli?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 20/10/2020 - 16:13

@Calmapiatta Ha ragione. Invece su quelli che all'opposizione invitavano ad andare a ballare e che, ancora fino ad una settimana fa, accusavano il Governo di mettere in atto provvedimenti liberticidi (e oggi impongono coprifuoco da tempo di guerra nelle regioni che governano) ha una posizione o il cervello le funziona a senso unico? Io ringrazio la Provvidenza che a governarci non fossero questi ultimi (sempre lodato sia il mojito del Papeete) perché se le scempiaggini che andavano dicendo le avessero anche messe in pratica, oggi non saremmo certo una delle nazioni che in Europa è messa meglio ...

Claudina

Mar, 20/10/2020 - 16:26

Speriamo sia davvero fino a luglio. Sinceramente, io temo che sarà molto di più e che ormai le nostre vite siano segnate per sempre. Ma questa me la segno: a luglio toglieremo la mascherina. Si considera corretta anche la risposta agosto, con molta bontà d'animo anche settembre. Non oltre.

Ritratto di illuso

illuso

Mar, 20/10/2020 - 17:17

@El Presidente ore 16.13...egregio in quanto a scempiaggini scritte, dette o concesse non saprei a chi assegnare il premio Nobel, certamente Salvini è fuori concorso, il podio a parer mio è occupato da Zingaretti, Sala, e terzo ma non ultimo Gori. Cordialità.

Darth

Mar, 20/10/2020 - 18:09

@ElPresidente 16:13 "oggi non saremmo certo una delle nazioni che in Europa è messa meglio". ROTFL, ma per favore... Come numero di morti per milione (607), in Europa prima di noi ci sono soltanto Belgio (900), Spagna (727) e UK (647), tutti gli altri sono messi meglio... Essere ventiquattresimi sui ventisette Paesi dell'Unione Europea non mi sembra proprio una cosa di cui vantarsi. Certo, visto il governo che abbiamo essere arrivati ventiquattresimi e non ultimi potrà anche sembrare un miracolo, comunque...

Triatec

Mar, 20/10/2020 - 18:35

El Presidente @ Fantasia, supposizioni tutte da dimostrare, mentre è dimostrato che con questi geni al governo, dopo gli aperitivi a Milano, i morti sono stati oltre 35 mila.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 20/10/2020 - 19:06

@Darth Anche lei come tutte le persone intellettualmente scorrette prende quello che le fa più comodo. Noi siamo i primi che ci hanno sbattuto, lo so io e lo sa lei ma non avrà mai il coraggio di ammetterlo, abbiamo avuto tantissimi morti all'inizio solo per questo ma abbiamo insegnato agli altri come fare. Ed è una cosa che il mondo ci ha riconosciuto. Oggi stiamo facendo meglio degli altri ma anche questa è una cosa che non ammetterà mai. Poi siccome colgo una certa faziosità nel suo intervento potremmo rifare il conto distinguendo tra regione governate dal cdx e regioni governate dagli altri chissà come sarebbe la classifica, dove sarebbe La Lombardia con 1638 morti per milione, dato peggiore di tutto il mondo ma, siccome non sono intellettualmente scorretto non intendo attribuire a chi ha avuto la sfiga di fare da "betatester" più colpe di quelle che ha e ora se vuole può continuare a rotolarsi, del resto lo sapevano già i romani sulla bocca di chi abbondava il riso ...

girobatol

Mar, 20/10/2020 - 19:16

fino all'estate prossima??? tranquilli che purtroppo ce lo porteremo ancora per due-tre anni, il tempo necessario per creare quello stravolgimento economico-sociale che è la vera ragione di tutto questo circo

girobatol

Mar, 20/10/2020 - 19:22

il problema non è legato a livello politico italiano (ci "sciacallaggiano" sopra indistintamente da dx a sx), ovunque nel mondo (ed è un'aggravante non certo una giustificazione) si comportano in maniera pressochè uguale. ed il popolo bue tutto concentrato a dibattere le singole restrizioni, piuttosto che cambiare RADICALMENTE l'attitudine al problema...

Darth

Mar, 20/10/2020 - 19:30

@ElPresidente Di nuovo, non dica sciocchezze. Se il numero micidiale dei nostri morti dipendesse solo dal fatto che siamo stati colpiti per primi in Europa, non si spiegherebbe come mai i tre Paesi che ne hanno più di noi (Belgio, Spagna e UK) sono stati colpiti dopo. Non cerchi di difendere l'indifendibile solo per partito preso: la gestione è stata semplicemente penosa, sotto tutti gli aspetti. E i risultati sono qui sotto gli occhi di tutti. Sarebbe stato veramente difficile riuscire a fare di peggio: e, di fatto, ci sono riusciti sono in tre su ventisette. Poi ci può anche essere chi è felice per essere arrivato ventiquattresimo su ventisette, ma per esserlo non basta avere le fette di prosciutto sugli occhi, bisogna avere i prosciutti interi...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 20/10/2020 - 19:57

Rassegnamoci: le influenze stagionali ci saranno sempre. Più o meno gravi e più o meno drammatizzate.