Scuole aperte in Puglia. Ma Emiliano scrive alle famiglie: "Tenete i figli a casa"

Costretto a seguire le direttive del Tar, il governatore invita le famiglie a opporsi: "Tenete i vostri figli a casa finché non caleranno i contagi"

Il Covid-19 in Puglia sta creando non pochi problemi e disordini. Oltre ad aumentare ogni giorno i positivi al Coronavirus (stando all'ultimo bollettino epidemiologico sono 17.187 i contagiati), l'organizzazione scolastica sembra essere in alto mare.

Da oggi sono riaperte le scuole che il governatore Michele Emiliano, insieme all'assessore alla sanità, Pier Luigi Lopalco, aveva deciso di mantenere chiuse. Un male necessario per far sì che, a suo dire, i contagiati non salissero (solo a Bari, il capoluogo più colpito della regione, sono 110 gli istituti scolastici con casi positivi e 3mila gli studenti a casa in isolamento). La presa di posizione del presidente della Regione aveva creato non poco scalpore tra i genitori e i dirigenti scolastici.

Un ricorso al Tar da parte del coordinamento dei genitori ha fatto sì che le scuole questa mattina riaprissero nel rispetto dell'ultimo decreto di Giuseppe Conte secondo cui nelle zone arancioni (per ora Puglia e Sicilia), le scuole elementari e le scuole medie possono rimanere aperte per assicurare il diritto all'istruzione.

Nonostante si sia attenuto al decreto (è dovuto intervenire il tribunale amministrativo) e alle raccomandazioni del ministero dell'istruzione che due giorni fa ha chiesto di correggere o annullare l'ordinanza regionale, Michele Emiliano oggi ha raccomandato i genitori di non mandare i figli a scuola.

"È legittima l'eventuale scelta di non mandare i vostri figli a scuola anche quando si eserciti su di voi un convincimento sostenendo che non è possibile assicurarvi la Dad. Non siate remissivi e fate valere le vostre ragioni con determinazione. La tutela della salute dei minori spetta solo ai genitori o a chi ne fa le veci". Comincia così un lungo post di Emiliano pubblicato su Facebook ieri sera alla vigilia del ritorno a scuola. I genitori sono quindi liberi di scegliere se mandare o no i figli a casa, ma, secondo il governatore sarebbe preferibile scegliere la didattica a distanza. "Dovete essere pazienti, perchè non è facile per nessuno- neanche per la scuola - gestire la pandemia e organizzare un metodo didattico che prevede una complessa predisposizione di mezzi e riorganizzazione del personale. Quello che dovranno affrontare alcune scuole (molte altre hanno lavorato bene e già hanno una Dad perfetta) mi addolora, ma è normale che abbiano qualche problema a organizzare la didattica a distanza" ha specificato ancora sul social network il presidente della Regione Puglia.

Nel frattempo, come si legge sul sito di "Repubblica", sarebbero in 5mila le persone disponibili per il lavoro di contact tracing: al momento, però, nessuno è stato chiamato. Stando sempre a quanto pubblicato da Repubblica, la Regione avrebbe ammesso di aver chiuso le scuole in quanto il tracciamento dei contatti è in tilt e non è in grado di supportare l'intero sistema scolastico pugliese.

Il ministero dell'Istruzione, intanto, in una nota ha fatto sapere che chiederà ad Emiliano "la condivisione di tutti i dati che hanno motivato la decisione regionale, insieme ad una relazione sugli interventi compiuti da parte delle autorità sanitarie e locali competenti per un’adeguata organizzazione complessiva del nuovo anno scolastico, secondo le indicazioni contenute nel cosiddetto 'Piano scuola', approvato a giugno anche dalle Regioni, Puglia compresa. Relazione che dovrà contenere, inoltre, una puntuale indicazione in merito alle iniziative poste in essere per garantire modalità efficienti di organizzazione del trasporto locale correlato alle esigenze di riapertura delle scuole, all’utilizzo delle risorse stanziate e all’attuale attività di programmazione in vista del futuro ritorno a scuola anche delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria di secondo grado.".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

okorop1

Lun, 09/11/2020 - 11:48

Emiliano fa bene, le scuole sono la prima fonte di contagio COVID ed è proprio dal 15 settembre che sono impennati!!! Scuole chiuse e didattica a distanza

Luthien

Lun, 09/11/2020 - 12:48

okorop1, visto che per il 90% dei casi l'infezione non produce sintomi preoccupanti, facciamo che se ne sta tappata in casa la minoranza fragile della popolazione smettendo di anteporre il proprio egoismo senile e lasciando che i ragazzi possano vivere.

oracolodidelfo

Lun, 09/11/2020 - 12:56

La mia idea che il contagio si è impennato dopo la riapertura delle Scuole trova conferma ed è condivisa e rafforzata anche dal ragionamento del Governatore! Emiliano, mi fa un favore? Ha l'onestà intellettuale di chiedere le dimissioni della Azzolina?

fifaus

Lun, 09/11/2020 - 13:02

oracolodidelfo. io chiederei a Emiliano di dimettersi

oracolodidelfo

Lun, 09/11/2020 - 13:15

Luthien 12,48 - non le sembra un pensiero leggermente nazista? A quando i campi di concentramento per gli anziani, controllati da giovani SS? La minoranza fragile che lei vuol tappare in casa è quella che ha consentito che esistano i nipoti che spesso vivono grazie agli aiuti della "minoranza fragile"....La minoranza fragile si tutela per prima, non si rinchiude! Vergogna!

Junger

Lun, 09/11/2020 - 14:07

Da sempre scuole elementari e medie sono i principali veicoli di contagio nelle famiglie delle malattie infettive: uno studio del Boston hospital pubblicato addirittura sul new england journal of medicine ha analizzato la carica virale di 500 bambini positivi e asintomatici al covid: la carica era mediamente superiore a quella dei pazienti intubati in terapia intensiva. Le scuole elementari e medie e relative attività del doposcuola erano gli unici luoghi da chiudere in questa pandemia!

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 14:13

a proposito di scuola: in Germania, da oggi in poi, terranno in quarantena solo lo studente infetto (o sospetto) ed i compagni a lui più vicini, non più tutta la classe. Questo perchè hanno dimostrato che -statisticamente- i contagi a scuola sono molto, molto, molto rari se ci si attiene alle semplici regole: mascherine, areazione delle classi, distanza e lavaggio delle mani.

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 14:18

concordo appieno con Luthien. a oracolodidelfo chiedo: Lei quante influenze o polmoniti ha mai visto tra giugno e agosto??? Quanti anziani vede girare nelle scuole, a prendere l'aperitivo alle 7 di sera, al cinema?? I discorsi da nazista mi pare li stia facendo Lei.

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 14:19

Junger 14:07: a te la scuola non piaceva, vero???

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 14:26

invece che chiudere le scuole, dovrebbero chiudere al pubblico le case per anziani, strutture esistenti solo per fini a sè stesse.

silvano45

Lun, 09/11/2020 - 14:32

Ha ragione tanto stanno chiudendo classi tutti i giorni è un caos che solo un governo di cialtroni che spero rispondano a magistrati che non siano palamara boys.Per accontentare una ministra incapace con poca o nessuna cultura lo dimostra il suo disastroso esame da preside abbiamo aperto senza preparazione e strumenti le scuole e non ci sono neppure gli inutili costosi banchi a rotelle.

Luthien

Lun, 09/11/2020 - 14:41

Oracolodidelfo la rivista Nature, decisamente più autorevole di Emiliano, ha da poco pubblicato un articolo dove si dimostra che i bambini non sono contagiosi. In compenso, dati che si guardano bene da rendere noti, sta impennando l'insorgenza di disturbi psicologici e psichiatrici in bambini ed adolescenti costretti all'isolamento domestico ormai da troppo tempo, e mi creda che glielo dico da tecnico con cognizione di causa.In Italia si scarifica la scienza al voto di scambio politico. Siccome i bambini e gli adolescenti non votano, ma gli anziani si, tappiamo pure i primi a casa per permettere ai secondi di andare a far fare la pipì al cane.

Luthien

Lun, 09/11/2020 - 14:47

Oracolodidelfo e Junger siete favorevoli a chiudere in casa il 95% della popolazione per tutelare il 5% fragile, in fondo chi se ne importa delle sequele economiche e psicologiche a lungo termine: l'importante è per voi portare il cane ai giardinetti fare la coda ed assembramento in posta per ritirare la pensione anche se ve la accreditano direttamente sul conto corrente.

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 14:48

silvano45 14:32: qui si sbaglia di grosso: gli inutili e costosi banchi rotanti ci sono, sono stati consegnati quasi tutti, persino nelle scuole chiuse.

fifaus

Lun, 09/11/2020 - 14:57

Luthien: ha mai pensato che, quando i due genitori lavorano, sono proprio i nonni a occuparsi dei nipotini?

Gio56

Lun, 09/11/2020 - 15:01

ulio1974,bhe se lo dice Lei io so da fonti scolastiche a da me conosciute non solo non sono arrivati quelli con le rotelle ma nemmeno quelli normali. Comunque non sono i banchi a sconfiggere il virus

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 15:03

fifaus 14:57:allora apriamo gli asili!!

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 15:25

Gio56 15:01: che i banchi rotanti non servano a sconfiggere il virus, lo pensa Lei. Io so di ragazzi che in classe, appena vedono arrivare un virus, lo scansano spostandosi con il banco rotante con uno scatto fulmineo, cosa che risulterebbe più difficile con i banchi normali...

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Lun, 09/11/2020 - 15:59

Emiliano: sei un irresponsabile! Stai rovinando i ragazzi della tua regione!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 09/11/2020 - 16:03

Tenete i figli a casa dice il governatore, e la ministra dirà: tanto anche quest'anno saranno promossi d'ufficio. Peggio del 68.

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 16:27

fifaus 14:57: e aggiungo: continuiamo cosí, allora, che tra poco tutt'e due i genitori potranno dedicare tutti i giorni della settimana ai loro pargoli.....

oracolodidelfo

Lun, 09/11/2020 - 16:54

Luthien e ulio1974 - forse non mi sono spiegata bene. Non sono favorevole a rinchiudere il 95% della popolazione per tutelare il 5% fragile. Sono contro la "cultura dello scarto". Con il passare del tempo non siamo diventati più civili. Essere civili, a mio parere, presuppone per primo, la strenua difesa dei più fragili: in questo modo anche i forti trarrebbero giovamento. Una società incapace di difendere i fragili è destinata a scomparire. Chi consente la "cultura dello scarto" diventerà, a sua volta, uno "scarto" sempre più scartato. Dagli albori dell'umanità non siamo diventati più civili....gli uomini hanno avuto solo più comodità. L'essere umano fa parte del Regno Animale ed è sempre lo stesso. In caso di difficoltà sopravviverà il più forte. Da sempre e forse per sempre, commetterà gli stessi abominii.

baio57

Lun, 09/11/2020 - 17:02

@ oracolodidelfo Ma si giusto ,è da nazis...comunisti rinchiudere gli anziani ,che si chiudano le scuole ,i bar ,i ristoranti,i negozi ,gli uffici pubblici (tanto possono fare un katz working da casa..) e tutte le attività "non basilari" (come ha affermato quel fenomeno di Speranza,decide lui cos'è basilare o meno..)I vecchietti ottantenni invece devono potere uscire e scorazzare per i parchi ,fare la movida dalle 22 alle 5 del mattino ,come hanno sempre fatto..

mariolino50

Lun, 09/11/2020 - 17:35

Junger E per quanto le tieni chiuse le scuole, in altri paesi mai fatto, un anno è già stato buttato via, un altro o più senza scuola, e avanti tutti, vuol dire un futuro di incapaci, ovvero nessun futuro per la società intera. La didattica a distanza è una emerita strunz....., come detto da liceali, può parzialmente andare per l'università, ma dove serve la pratica è tutto tempo inutile.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 09/11/2020 - 18:19

Allora bisognerebbe cambiare il metodo, invece di migliaia di insegnanti per la stessa classe, solo una che fa lezione tramite online e un centinaio a rispondere alle domande degli alunni ad un numero verde, in unica postazione in tutta Italia, come fanno quelle del call center telefonici. Un unica aula in tutta Italia con la vice, un unica aula sempre per ogni classe, unica in Italia da dove trasmette le lezioni. Quindi non più migliaia di scuole sparse n tutte Italia, risparmio sul riscaldamento, risparmio sulla gestione, gran risparmio su tutto. Miliardi di euro risparmiati. Così la lezione è unica per tutti dalle Alpi alle Madonie. Per gli esami a gruppi dovranno invece trovare un locale apposito e più commissioni che faranno le valutazioni turnando. Quanti sono quelli dell'organico della Scuola? Con questo metodo ce ne saranno un 90% in meno. Così facciamo contenti tutti....o quasi.

Junger

Lun, 09/11/2020 - 18:54

Luthien e Iulio1974 vedo che le scuole elementari e medie non vi hanno fatto molto bene visto che non sapete interpretare un semplice messaggio! Ho detto che le malattie infettive si diffondono dalla scuola alla famiglia tramite i trasporti. Sono cose ovvie per qualsiasi pediatra. Voi dovete avete preso morbillo, varicella e affini? Il covid non è diverso: non si prende nei boschi delle dolomiti o sul lungo mare sbarrato dai politici analfabeti che vogliono terrorizzare la plebe!

oracolodidelfo

Lun, 09/11/2020 - 18:55

baio57 17,02 - è un mio limite ma non capisco da che parte "pende" il suo commento.