Puglia, spacciava per italiana carne dell'est Europa. Denunciato per frode


I carabinieri forestali del "Parco Alta Murgia" sono intervenuti ad Altamura in provincia di Bari durante una fiera

Puglia, spacciava per italiana carne dell'est Europa. Denunciato per frode

È stato denunciato e dovrà rispondere del reato di frode nell’esercizio del commercio un macellaio di Altamura, Comune in provincia di Bari.
Nell'ambito dei controlli agroalimentari realizzati durante la nota rievocazione storica "Federicus" (una festa medievale in memoria del re Federico II che si tiene ogni anno nel centro pugliese, ndr), i militari del Reparto Carabinieri Forestali "Parco Alta Murgia" hanno portato a termine una specifica attività finalizzata a reprimere atti illegali in materia agroalimentare sui prodotti distribuiti durante la manifestazione storica.

Tra i numerosi banchi-vendita, ove è solita la somministrazione al pubblico di alimenti, principalmente salumi, carni e formaggi, ispezionati per verificare la regolare etichettatura e tracciabilità sulla produzione e il conseguente rispetto della normativa di settore e dei regolamenti comunitari, è finita sotto la lente di ingrandimento una macelleria del posto.
I carabinieri hanno accertato che erano in vendita carni fresche dichiarate "nostrane al 100 per cento e dall'Alta Murgia" ma non era vero. In realtà la carne era importata da altri paesi europei. In particolare dall'Ungheria, dalla Polonia, dalla Francia e dalla Croazia. Di fatto il commerciante ha tratto in inganno i consumatori e i suoi clienti abituali. Sono stati indotti all'acquisto di prodotto di origine e natura differente da quello reale.

Commenti